Seleziona una pagina

Aidr: intesa con atenei, al via la “Call for professor”  

Presidente Nicastri: “Ci siamo proposti come ‘Digital Knowledge Provider’
nell’ambito di seminari, corsi di formazione e master universitari”

Roma 17 febbraio – L’Associazione Italian Digital Revolution (AIDR), in collaborazione con alcune università italiane, si è candidata come ‘Digital Knowledge Provider’ nell’ambito di seminari, corsi di formazione e master universitari. L’obiettivo della “Call for professor”, in linea con la missione associativa, è quello di porre i riflettori sull’innovazione, attraverso la diffusione della cultura digitale mettendo a disposizione delle università italiane contenuti e docenti da inserire all’interno dei propri percorsi formativi.

Abbiamo pensato di lanciare la ‘Call for professor’ – ha dichiarato Mauro Nicastri, dell’Agenzia per l’Italia Digitale e presidente Aidr – con l’intento di raccogliere le adesioni di tutti coloro che creano e stupiscono con la forza delle proprie idee per comporre il catalogo dell’offerta formativa da proporre alle università partner di Aidr. Le persone interessate a partecipare dovranno avere innanzitutto un forte approccio innovativo e sviluppare proposte formative in grado di avvicinare la nostra società a un futuro più semplice e alla portata di tutti”.

Per partecipare all’iniziativa è sufficiente aver maturato esperienze di formazione e aver sviluppato (o se si intende farlo) un corso di formazione che includa il tema della digitalizzazione, dell’innovazione tecnologica e della governance ICT. La domanda di ammissione alla “Call for professor”, redatta secondo il modello reperibile sul sito www.aidr.it deve essere inviata, insieme al curriculum vitae e a un documento di identità in corso di validità, all’indirizzo e-mail callforprofessor@aidr.it (si può scrivere anche per ottenere ulteriori informazioni): il coordinatore della “Call for professor” è il dott. Rosario Fondacaro, socio Aidr.

Le proposte ricevute saranno sottoposte alla valutazione di un qualificato comitato tecnico-scientifico composto da soci Aidr e, in caso di esito positivo, verranno inserite all’interno del catalogo formativo. I corsi di formazione saranno erogati con diverse modalità (in aula, e-learning) da concordare di volta in volta con i diversi atenei. A ciascun docente verrà formalmente sottoposta la modalità di erogazione del corso e richiesta la disponibilità all’insegnamento.

SCARICA IL MODELLO DI ADESIONE (.docx)

 

 

Archivio

SUPERBONUS 110%: siglato accordo tra Aidr e il portale RILANCIO ITALIA 2020 per ottenere il credito d’imposta

Un accordo di collaborazione è stato siglato tra l’associazione Italian Digital Revolution – AIDR e la Rete d’Imprese RILANCIO ITALIA 2020. L’intesa intende promuovere la piattaforma digitale di RILANCIO ITALIA 2020 (http://www.rilancioitalia2020.it/), Rete d’Imprese che è impegnata, nell’ambito del superbonus 110%, nella promozione, vendita e veicolazione dei servizi connessi e realizzati allo scopo.

“Blockchain per tutti”, arriva il primo e-book di Aidr

Da oggi disponibile su sito associazione e su principali store on-line Si inaugura la collana editoriale dedicata anche ai non addetti ai lavori, con l’obiettivo di far scoprire le tecnologie e il...

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
20/10/2020
Troppe parole sul Recovery Fund, o meglio Next generation EU, troppi sui media che ripetono all’infinito “ora che abbiamo questi 209 miliardi” ”ora che ci sono questi soldi”…”ora che è arrivato il recovery fund” etc etc. E’ necessario fare chiarezza innanzitutto sulla tempistica dei trasferimenti, (sulla concretezza dell’erogazione credo che, a prescindere dai mal di pancia dei cosiddetti Paesi “frugali”, essi verranno deliberati.), l’Italia dunque nel 2021 utilizzerà 25 miliardi del programma Next generation Eu nel 2021 (11 di prestiti dal Recovery fund, 10 di sovvenzioni più altri 4 di finanziamenti per la coesione (React Eu), nel 2022 le risorse che l’Italia richiederà all’Europa saliranno a 37,5 miliardi, nel 2023 ci sarà un picco fino a 41 miliardi, per poi ritornare a 39,4 miliardi nel 2024, 30,6 nel 2025 e 27,5 nel 2026.
Notizie
08/10/2020
di Michele Leone, Digital Media Specialist e socio Aidr. PTA ovvero "Poli territoriali avanzati". Sarà un concentrato di tecnologia racchiusa in strutture decentrate e Data driven, con area specifiche per concorsi pubblici, con spazi di co-working e con uffici per videoconferenze e lavoro agile per la “nuova” Pubblica Amministrazione.
Notizie
07/10/2020
AIDR ha deciso di dotarsi di un Osservatorio sull’applicazione del digitale e delle nuove tecnologie al mondo agroalimentare ed agroindustriale. Il suo scopo è quello di studiare, stimolare e promuovere l’applicazione delle tecnologie digitali alla filiera agroalimentare, mediante approfondimenti, articoli, rapporti, contributi ed il concorso di svariate competenze, tecniche, giuridiche ed economiche.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!