Osservatorio dati, professioni e competenze

I dati sono alla base della trasformazione digitale: la loro conoscenza è fondamentale per guidare e capire le evoluzioni tecnologiche e le dinamiche sociali presenti e future. Il dato è il risultato di un’ipotesi di ricerca attraverso il quale descrivere un fenomeno: saper leggere i dati serve per comprendere meglio il mondo, diffonderli è fondamentale per condividere la conoscenza, saperli usare, integrare e rappresentare è essenziale per fornire chiavi di lettura diverse e complete. La crescente disponibilità di dati e l’impatto che essi hanno su numerosi processi tecnologici e su molteplici aspetti della vita quotidiana hanno modificato considerevolmente le competenze necessarie per svolgere molti mestieri: un giornalista o un programmatore non potrebbero svolgere le loro professioni, senza conoscere i dati.

L’obiettivo dell’osservatorio è la promozione della cultura dei dati e delle competenze necessarie per svolgere le professioni legate alla trasformazione digitale. Chi è realmente il data scientist? Quali competenze deve avere? Cosa è un indicatore statistico? A che punto siamo con l’open data? Per rispondere a queste e ad altre domande, l’osservatorio intende organizzare iniziative rivolte ai professionisti, ai cittadini e ai decisori politici per promuovere la cultura dei dati. Tra le diverse attività ci sono: la diffusione di “pillole social”, di pubblicazioni scientifiche e di brevi guide divulgative; l’organizzazione di convegni e di seminari informativi; la formazione specialistica, anche attraverso accordi con le università e con le scuole, per le professioni digitali; la creazione di una rete sul territorio per la condivisione e la divulgazione scientifica.

Le attività dell’osservatorio sono svolte in collaborazione con esperti di settore, ricercatori e professionisti che svolgono la loro attività in istituti di ricerca o aziende.

Osservatorio dati, professioni e competenze

ALESSANDRO CAPEZZUOLI

ALESSANDRO CAPEZZUOLI

SOCIO AIDR

Privacy, tavola rotonda Aidr su controlli e sanzioni Garante  

Milano, 22 gennaio – Trascorso il periodo transitorio che tutti gli Stati europei hanno osservato per consentire alle imprese di adeguarsi al nuovo sistema legato al GDPR, entrato in vigore da maggio 2018, sono iniziate le verifiche e i controlli nonché l’irrogazione delle sanzioni amministrative. Da una prima analisi è possibile constatare come il Garante privacy italiano stia tenendo un approccio ragionevole e ponderato in merito alle sanzioni per il mancato rispetto del GDPR, e ciò, in modo conforme a quanto dispone il regolamento stesso, secondo cui le sanzioni devono essere “effettive, proporzionate e dissuasive”.

La protezione dei dati personali in Italia

Roma, 20 gennaio – Verrà presentata mercoledì 22 gennaio, alle ore 10.30 (Hotel Fifty House Soho di Milano), nel corso di una tavola rotonda con aziende organizzata dall’Associazione italian digital revolution (Aidr), “La protezione dei dati personali in Italia” (Regolamento UE n. 2016/679 e d.lgs. 10 agosto 2018, n. 101), opera della prof.ssa Giusella Finocchiaro, avvocato, ordinario di diritto privato e diritto di internet presso l’Università di Bologna.

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.


AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!