Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » 300mila firme contro Apple: "Il nuovo iOs condanna a morte i vecchi iPhone"

300mila firme contro Apple: "Il nuovo iOs condanna a morte i vecchi iPhone"

b
09-09-2016

Annunciato l'aggiornamento del sistema operativo. Ma gli utenti temono gli effetti su smartphone e iPad più datati: sul web una petizione contro l'"obsolescenza programmata". Ecco la lista dei device compatibili

Il nuovo iOs 10 scriverà la condanna a morte di molti iPhone e iPad in circolazione? Ogni volta che Apple lancia una nuova versione del proprio sistema operativo torna in auge la stessa polemica. C’è chi inizia a disperarsi per il proprio smartphone o tablet più vecchiotto e chi tira in ballo la strategia occulta del colosso di Cupertino, che utilizzerebbe gli aggiornamenti per rendere i device precedenti lentissimi e spingere gli utenti a comprarne di nuovi. Qualcuno ha lanciato addirittura una petizione (300mila firme raccolte, mezzo milione l'obiettivo) contro quella che viene definita una “obsolescenza programmata”, mettendo sotto accusa anche la difficoltà che un utente trova nel tornare al sistema operativo precedente una volta scaricata l’ultima versione. La protesta appare però tanto fondata quanto pretestuosa.

Fondata perché è vero che un iPhone inizia ad accusare più di qualche colpo man mano che nel corso degli anni si susseguono gli aggiornamenti. Non diventa probabilmente “lento come una lumaca”, come accusano i promotori della petizione, ma che fatichi è chiaro a chiunque abbia avuto un iPhone. Un problema che effettivamente è molto complicato risolvere tornando indietro. Il downgrade alle versioni precedenti è rischioso, perché elimina le correzioni messe in atto dal nuovo iOs. C’è chi ha scelto la strada del fondamentalismo, non aggiornando aggiornando mai lo smartphone firmato dal colosso di Cupertino.

Pretestuosa perché è abbastanza assurdo pretendere che, dopo 2-3 anni di utilizzo e aggiornamenti dell’iOs, un iPhone 5 sia rapido e funzionale come quando tolto dalla scatola dopo l’acquisto. Il nuovo iPhone 7 sarà sicuramente il modello che dal nuovo iOs trarrà i maggiori benefici, semplicemente perché il sistema operativo viene sviluppato per massimizzare le funzionalità dei dispositivi. Ma anche un iPhone più datato avrà qualcosa da guadagnarci, soprattutto in termini di livelli di sicurezza che senza aggiornamenti è difficile garantire. Comunque è bene ricordare che anche l’iPhone 5, uscito nel 2012, supporterà iOs 10 (vedi la lista dei device compatibili in fondo all'articolo).

La questione sta probabilmente nel mezzo. I benefici degli aggiornamenti, che sono innegabili, dovrebbero compensare la perdita di efficienza, che è un fattore fisiologico. C’è chi fa notare che i 700 euro spesi per un iPhone dovrebbero garantire un arco di vita maggiore al top delle prestazioni. Hanno ragione? Difficile dirlo. Il dato di fatto è che, aggiornamento o non aggiornamento, centinaia di milioni di persone hanno continuato a comprare iPhone come se non ci fosse un domani per 9 anni. Ad Apple, probabilmente, questo aspetto interessa più di tutti gli altri.

Dispositivi Apple compatibili con il nuovo sistema operativo iOs 10: iPad Air, iPad Air 2, iPad Pro, iPad mini 2, iPad mini 3, iPad mini 4, iPod touch 6th, iPhone 5, iPhone 5c, iPhone 5s, iPhone SE, iPhone 6/6 Plus, iPhone 6s/6s Plus. Fine degli aggiornamenti per iPad 2, tra i più venduti di sempre, iPad 3rd gen, iPad mini, iPhone 4s e iPod touch 5th gen. 

Andrea Frollà

Fonte​: http://www.corrierecomunicazioni.it/tech-zone/43261_300mila-firme-contro-apple-il-nuovo-ios-condanna-a-morte-i-vecchi-iphone.htm

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Il nuovo sistema degli appalti pubblici: regole, processi e tecnologie (4 ist,0 cat)
Enrico Costa, Ministro per gli Affari regionali con delega in materia di politiche per la famiglia
Maurizio Fedele, Mauro Nicastri, Federica Chiavaroli, Arturo Siniscalchi e Fabio Ranucci.
Mauro Covino e Flavia Marzano
Da sinistra: Vittorio Zenardi, Sergio Alberto Codella, Mauro Nicastri, Flavia Marzano, Arturo Siniscalchi, Maurizio Fedele e Fabio Ranucci
Arturo Siniscalchi, vice presidente AIDR.
Federica Chiavaroli, Sottosegretario di Stato alla Giustizia.
La platea dei partecipanti

Notizie e Comunicati correlati

a
Domicilio digitale, non significa solo “da oggi le multe del comune arrivano nella tua casella di posta elettronica”. Far passare questa comunicazione sarebbe un errore gravissimo.  In attesa della realizzazione dell’Anagrafe nazionale ....
dom 15 lug, 2018
 Acquisizioni tecnologiche: l’Europa vende, la Cin
Cambia la pubblicità degli operatori per le offerte Internet. L’Autorità per le Comunicazioni (Agcom) ha infatti approvato una delibera che obbliga gli operatori a fare chiarezza nei confronti dei consumatori. E così chi offre ....
sab 14 lug, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Accordi di Collaborazione

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589