Seleziona una pagina

La IA che trasforma parole in foto. E crea immagini che non esistono

Dall-E 2 è il nuovo progetto di OpenAI, l’organizzazione non profit voluta da Elon Musk e Sam Altman. Si tratta di una IA in grado di generare foto realistiche: basta scriverle che cosa si vuole

La foto è chiara, realistica: c’è un cane shiba inu, una fra le razze più cool degli ultimi anni, che fissa dritto in camera, lo sguardo un po’ smarrito. Fin qui, niente di strano: una qualunque delle tante immagini di cani postate online a getto continuo. C’è una particolarità, però: quel cane, quello shiba inu, indossa un berretto, quello alla francese, tipo pittore. E non solo: ha addosso anche un dolcevita. No, nessun cane è stato maltrattato per scattare questa foto. E non è successo perché questa immagine non esiste: l’ha generata un’intelligenza artificiale. Dall-E 2 è il nuovo progetto di OpenAI, l’organizzazione non profit voluta da Elon Musk e Sam Altman. Si tratta di una IA in grado di generare foto realistiche: basta scriverle che cosa si vuoleDall-E 2 è il nuovo progetto di OpenAI, l’organizzazione non profit voluta, tra gli altri, da Elon Musk, che ne è poi uscito nel 2019, e Sam Altman, già artefice di Gpt-3 (qui un esempio di quello che può fare). Si tratta di un sistema di generazione di immagini, a partire da testi forniti dagli esseri umani: la seconda generazione di Dall-E, presentato a gennaio 2021

Come funziona Dall-E 2

Per farla breve e semplice il più possibile, Dall-E 2 riceve in input una descrizione. Nel nostro caso, avremmo scritto qualcosa simile a: “Un cane shiba inu con indosso un berretto e un dolcevita”. La IA processa quella informazione, la capisce, in un certo qual modo, e la interpreta, fornendo in output un’immagine come quella che sta in cima a questa pagina. Non solo: Dall-E 2 può anche lavorare a partire da un’immagine, per generare variazioni sul tema (come nel caso della rielaborazione della Ragazza con l’orecchino di perla); ancora: può modificare immagini esistenti a partire da un’indicazione testuale, come una specie di Photoshop alla portata di tutti, guidato dall’intelligenza artificiale

La scienza dietro la generazione di immagini

Alla base di Dall-E 2 c’è proprio un processo di ricerca scientifica molto profondo, che ha avuto l’obiettivo di portare l’intelligenza artificiale a fare ancora un passo avanti. Il sistema si basa su un percorso che parte da due presupposti fondamentali, per arrivare alla capacità di generare immagini. La prima parte è la comprensione: per creare foto a partire da un testo, l’IA dev’essere in grado di capire come parole e immagini si relazionano tra di loro. Per farlo, OpenAI ha addestrato Dall-E 2 utilizzando un sistema che si chiama Clip (la sigla sta per Contrastive Learning-Image Pre-training). Clip addestra due reti neurali in parallelo su immagini e relative didascalie, estratte da tutto il Web. L’obiettivo è comprendere le caratteristiche delle due componenti e metterle in relazione: quale parte dell’immagine corrisponde a quale parte del testo? È questa la domanda cui Clip è chiamato a rispondere.

Una volta addestrato, il sistema deve poi essere in grado di creare le immagini. Per questo obiettivo, OpenAI usa una tecnica che si chiama diffusione, che in primo luogo trasforma il testo in dati, per trovare similarità con quanto imparato attraverso Clip. Qual è la porzione di immagine più probabile da mettere in relazione alla parola “spiaggia”? E qual è quella più adatta alla parola “corgi”? L’intelligenza artificiale cerca affinità e poi ritrasforma quei dati in qualcosa di comprensibile: in questo caso, l’immagine più adatta al testo, come nell’esempio qui sotto.

I rischi: dalle fake news ai bias

Dall-E 2 non è solo foto divertenti (su Instagram ce ne sono molte) e ricerca scientifica. È anche potenziali rischi. Primo fra tutti: se un’immagine che sembra vera a tutti gli effetti non esiste, come si fa a capire cos’è è reale e cosa no? In basso a destra nelle foto generate da Dall-E 2 si può vedere un piccolo simbolo, una sorta di tavolozza di colori: è l’indicazione che quella immagine è stata generata da un computer sistema. Da OpenAI ci hanno raccontato che “crediamo che sia importante per le persone sapere che una foto è stata creata da un’intelligenza artificiale. Inoltre, non generiamo immagini di persone reali”.

Oltretutto, la disponibilità del sistema è limitata. Al momento esiste una lista d’attesa molto lunga per entrare e l’accesso è stato garantito solo a pochi sviluppatori. In futuro, è presumibile che Dall-E 2 possa diventare qualcosa di simile a Gpt-3, ovvero uno strumento che sarà messo a disposizione degli sviluppatori per generare applicazioni dedicate. Insomma, per ora gestire questo problema sembra abbastanza semplice: più avanti, potrebbe non esserlo.

La gestione della potenza del sistema non è l’unico ostacolo che OpenAI si trova a fronteggiare: Dall-E 2, come molte intelligenze artificiali, nasce con una serie di bias, soprattutto per quello che riguarda la rappresentazione delle donne e delle minoranze. Su Vox, la giornalista statunitense Sigal Samuel, ha definito il sistema “una nuova dimostrazione dei bias dell’intelligenza artificiale. In particolare, nell’articolo si fa riferimento a una prova di generazione di immagini per la parola chiave “avvocato”, in cui compaiono solo uomini bianchi, o “assistente di volo” in cui, al contrario, vengono rappresentate esclusivamente donne bianche.

Fonte La Repubblica del 21/05/2022

Archivio

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Le competenze digitali in classe, il progetto Re- Educo a Carbonia (Video)

A Digitale Italia una puntata dedicata alla digitalizzazione del comparto scolastico con focus sul progetto Re–Educo, promosso dalla Commissione Europea.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
29/11/2022
Tre giorni di approfondimento con i maggiori esperti nazionali su elettroneuromiografia e tecniche neurofisiologiche. L’evento formativo, promosso dalla dr.ssa Marilena Mangiardi dell’A.O. San Camillo-Forlanini, direttore scientifico e componente dell’Osservatorio Sanità Digitale Aidr, ha visto la partecipazione di oltre 70 discenti tra medici specialisti e tecnici di neurofisiopatologia e 20 relatori esperti provenienti da tutta Italia.
Notizie
28/11/2022
Poste Italiane si racconta, con una mostra che celebra i 160 anni di storia dell’azienda e che attraversa usi, costumi, cambiamenti del nostro Paese. “Si tratta –scrive in una nota Aidr – di un percorso interattivo capace di coniugare innovazione e tradizione, in cui emerge il forte legame dell’azienda a servizio del nostro Paese sin dalla sua nascita".
Notizie
21/11/2022
Poste Italiane punta sui piccoli comuni e in linea con una strategia già consolidata negli ultimi anni è pronta ad inaugurare “Polis”. Quasi settemila gli uffici postali, in comuni con meno di 15 mila abitanti, coinvolti nel progetto che ha lo scopo – sottolinea in una nota Aidr - di implementare i servizi digitali in quei territori, che maggiormente hanno subito il fenomeno dello spopolamento.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!