Seleziona una pagina

Chi sono gli Unfluencer, star del web under 30 che sfruttano i social per fare lezione

di Peppe Aquaro

Sei ragazzi under 30, chiamati “Unfluencer”, propongono nuovi modelli educativi (pescando più nel reale che nel virtuale). E qualunque materia, raccontata con leggerezza, non ha più segreti. Intanto, l’Università gli fa l’occhiolino

Quei mezzibusti dell’etere in formato “Twitch”

L’università liquida, in formato Pop, che strizza l’occhio a TikTok. E la generazione Z sarà contenta: così toccherà anche a loro oltrepassare la mitica soglia di un’Aula Magna. Tutto questo per parlare dei sei influencer e campioni mondiali di followers, protagonisti di “Unfluencer”: per la serie, perché non provare a parlare di Linguistica, Storia, Filosofia, Scienze, Arte e Nuove tecnologie con ironia e semplicità? Praticamente, il primo passo per taggare l’università dandole del tu. Ogni domenica, i magnifici sei unfluencer appariranno su Twitch (la tivù del futuro), ma anche su Facebook, Instagram e TikTok, per sviluppare format monotematici (rigorosamente in diretta) sui grandi temi dell’Universo. Rallentando immagini e narrazione quando occorre? Non lo sappiamo se si spingeranno fino a tanto. Di sicuro vale la pena conoscerli, uno per uno, questi nuovi “Mezzibusti” dell’etere dei social. In una edizione più che straordinaria.

L’arte con Benedetta Colombo

Impara l’arte e mettila su TikTok. E’ il progetto di Benedetta Colombo, milanese di Inveruno, 21 anni, la cui passione per Picasso, Klimt e compagnia era talmente forte da aver deciso di trascorrere il lockdown raccontando agli altri perché non è così strano mettere piede in un museo. Naturalmente frequenta la facoltà di Beni culturali e sogna di diventare un’insegnante di Storia dell’arte. Ecco cos’è l’Arte per Benedetta: «Hanno provato in tutti i modi a renderla difficile, con i paroloni e non permettendo di scherzarci sopra, ma l’arte è qualcosa di talmente intimo all’esperienza di tutti noi che non ci sono riusciti!».

L’attualità con il papà di «Sii come Bill»

Andrea Nuzzo, 26 anni, romano, è conosciuto come il papà di “Sii come Bill”, progetto avviato nel 2015 che gli ha fatto raggiungere milioni di persone. Dopo l’uscita del Magazine, del romanzo e della laurea triennale in Scienze della comunicazione (una discussione da 110 e lode, discettando sul suo “Sii come Bill”), ha deciso di metterci la faccia e iniziare a creare contenuti anche sui suoi profili personali. Gli piace condividere riflessioni sull’attualità (con particolare focus sul rapporto tra società e mondo digitale) e curiosità di cui pochi sono a conoscenza all’interno del format “TG 7 cose” che lo ha reso conosciuto su TikTok e Instagram. E il mondo accademico lo apprezza sempre di più: «A dire il vero, non so come possa accadere tutto ciò: ma il merito è tutto di Bill».

La scienza con Marco Andrea Teti

Sopracciglio sollevato e sguardo malandrino. Ma ciò che colpisce di più di Marco Andrea Teti, il potenziale geologo 26enne della Terra dei quattro Mori, è la capacità di sintesi su ciò che altri impiegherebbero una vita per racchiuderlo nell’attimo di un tweet: «Da piccolo facevo domande impossibili agli adulti sulla scienza. Ora vorrei diventare quell’adulto da cui avrei voluto ricevere una risposta da bambino».

La filosofia con Valentina Pano

«Ragazzi, occhio a non spettacolarizzare il dolore. Il dolore va condiviso, ma non in uno show». Così parlò la Socrate generazione Z, Valentina Pano, studentessa di Filosofia alla Statale di Milano, attratta dalle voci di filosofi e poeti, da gente che viaggia controcorrente. E che ragiona con la propria testa. Chi sono gli under 35 che la seguono sui social? Che domande! I suoi discepoli.

La storia con Giacomo Panozzo

La storia siamo noi. Ma da un paio d’anni la storia è anche lui: Giacomo Panozzo, ventenne trentino e milanese per studi e per passione (della Storia). Se capitate su TikTok lo vedrete raccontare in pochissimi secondo che cos’è il Fascismo oppure spiegare l’America di Biden (tra politica estera e problemi interni). Persino il Medioevo è meno “medio” quando lo racconta lui.

La linguistica coon Veronica Repetti

Ma voi la seguireste una Linguista studiosa di Logopedia? Sì, lo sappiamo: troppe Elle. E siamo solo all’inizio. Bene, non so voi, ma loro, i suoi infiniti follower, adorano Veronica Repetti, una ragazza talmente oltre da tenere una lezione specialistica e divertente sulla parola “Mona”. Che vuol dire? Sarà meglio “tikkettare” e chiederlo alla Prof.

Fonte Corriere della Sera del 17/05/2022

Archivio

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Le competenze digitali in classe, il progetto Re- Educo a Carbonia (Video)

A Digitale Italia una puntata dedicata alla digitalizzazione del comparto scolastico con focus sul progetto Re–Educo, promosso dalla Commissione Europea.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
28/11/2022
Poste Italiane si racconta, con una mostra che celebra i 160 anni di storia dell’azienda e che attraversa usi, costumi, cambiamenti del nostro Paese. “Si tratta –scrive in una nota Aidr – di un percorso interattivo capace di coniugare innovazione e tradizione, in cui emerge il forte legame dell’azienda a servizio del nostro Paese sin dalla sua nascita".
Notizie
21/11/2022
Poste Italiane punta sui piccoli comuni e in linea con una strategia già consolidata negli ultimi anni è pronta ad inaugurare “Polis”. Quasi settemila gli uffici postali, in comuni con meno di 15 mila abitanti, coinvolti nel progetto che ha lo scopo – sottolinea in una nota Aidr - di implementare i servizi digitali in quei territori, che maggiormente hanno subito il fenomeno dello spopolamento.
Notizie
17/11/2022
di Claudio Nassisi, Dottore Commercialista e Phd in economia e socio Aidr. Nell’ambito degli appalti pubblici una delle principali criticità è sempre stata la verifica dei requisiti degli operatori economici. Di recente il legislatore ha anche cercato di contrarre i tempi ma la strada maestra sarebbe sempre quella di una verifica ex ante a comprova di una maggiore garanzia per tutte le parti coinvolte nell’appalto.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!