Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Intelligenza artificiale, Apple si allea con Google, IBM, Microsoft, Facebook e Amazon

Intelligenza artificiale, Apple si allea con Google, IBM, Microsoft, Facebook e Amazon

APPLE
03-02-2017

Università, centri di ricerca, associazioni dei diritti civili, grandi aziende pronte a collaborare insieme nell’associazione Partnership on Artificial Intelligence

Anche Apple aderisce al progetto Partnership on Artificial Intelligence . Dopo mesi di collaborazione, la casa di Cupertino diviene membro fondatore al pari di Google, IBM, Microsoft, Facebook e Amazon.

Lanciata a settembre 2016, Partnership on AI è un’associazione senza scopo di lucro che ha l’obiettivo di favorire le migliori pratiche nel campo dell’intelligenza artificiale per far emergere i suoi aspetti benefici e impedire possibili impatti negativi sulla società.

Per avere una varietà di esperienze e un ampio spettro di opinioni sull’argomento, nel consiglio di amministrazione dell’ente no-profit sono stati inclusi sei nuovi membri provenienti da organizzazioni universitarie, di ricerca, come OpenAI, fondata da Elon Musk, e di difesa dei diritti civili, come American Civil Liberties Union.

L’intelligenza artificiale rappresenta, senza dubbio, un fattore di innovazione e un’opportunità di sviluppo, ma pone, allo stesso tempo, rischi di natura etica, evidenziati da Ethics and Governance of Artificial Intelligence Fund , istituto finanziato da Reid Hoffman e Pierre Omidyar, rispettivamente fondatori di LinkedIn e eBay, e di tipo occupazionale . Oppure sul piano della privacy, visto che i software basati sull’intelligenza artificiale richiedono, per poter ben funzionare, la raccolta di big data degli utenti.

Google, Microsoft, Amazon e Apple hanno investito ingenti risorse in questa tecnologia per migliorare i loro prodotti e servizi, come ad esempio gli assistenti vocali. Sul mercato, queste grandi società sono in competizione tra loro, ma hanno tutto l’interesse a collaborare per limitare o escludere conseguenze dannose provocate dalla diffusione su larga scala dell’intelligenza artificiale.  

CARLO LAVALLE

Fonte: http://bit.ly/2l0kubs 

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

INTERNET DELLE COSE
L’applicazione diffusa di sensori, rilevatori e device mobili renderà ogni prodotto, oggetto, componente, “intelligente” e questa intelligenza consentirà di trasformare la gestione dei flussi di merce, in un’ottica ....
sab 08 apr, 2017
REALTA\' AUMENTATA
L’iperreale in tasca. I continui riferimenti da parte di Tim Cook alla realtà aumentata, e le indiscrezioni sul massiccio impegno e investimento di Apple per dotare di questa tecnologia i prossimi modelli di iPhone, fanno presagire che stia ....
ven 24 mar, 2017

Eventi correlati

Al TEDxRoma r5
Data: 08-04-2017
Luogo: Auditorium di via della Conciliazione Via della Conciliazione, 4, 00193 Roma
Al TEDxRoma 2017 immagineremo e progetteremo il futuro dei prossimi 20 anni. Il 2037 non è solo il futuro che regaliamo alle nuove generazioni, potremmo vederlo con i nostri occhi, viverlo attraverso le scelte che facciamo oggi e lì, nel 203

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
SIELTE
Service Tech
Pro Q
WhereApp
Echopress
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

Gi Group
Anaip
I sud del mondo
LABOS
Ambiente e Società

Associazione Italian Digital Revolution (IDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589