Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » L'Italia non è un paese per specialisti ICT (e l'ICT non è roba da donne)

L'Italia non è un paese per specialisti ICT (e l'ICT non è roba da donne)

itc
26-10-2016

Nel 2015, la stragrande maggioranza (83,9%) degli specialisti ICT occupati nell'UE erano uomini.

L’ICT è ancora roba da uomini: su 10 lavoratori del settore in Europa, più di otto (83,9%) sono uomini. A nulla valgono, insomma, i ripetuti appelli della Commissione (puntuali ogni 8 di marzo) e dell’ITU che insistono sul fatto che le tecnologie dell’Informazione e della comunicazione sono anche un ‘gioco da ragazze’.

L’evidente disparità – che stride in molti paesi con la percentuale di donne sul numero totale dei lavoratori – accomuna tutti gli Stati membri anche se in alcuni è parecchio sopra la media Ue: è il caso di Repubblica Ceca (90,1%), Slovacchia (88,6%), Lussemburgo (87,4%) e Paesi Bassi (87,0%). Percentuali più women-friendly si registrano invece in Bulgaria (72,3%) e Romania (72,8%) .

La buona notizia di Eurostat, comunque, è che nel settore ICT europeo lavorano circa 8 milioni di persone, pari al 3,5% del totale degli occupati, e 6 su 10 con un elevato livello di istruzione. C’è da dire che l’Italia non è proprio il paradiso per gli specialisti ICT, dove dal 2011 al 2015 la percentuale di impiegati nel settore sul totale degli occupati è passata dal 2,2% al 2,5%, cioè da 523 mila a 558 mila persone. Certo, c’è chi sta peggio di noi (in Irlanda, Grecia e Spagna la percentuale è scesa anziché salire), ma non si può non guardare, in questi casi, ai primi della classe.

Regno Unito (1,5 milioni – 5% del totale), Germania (1,4 milioni – 3,7% del totale) e Francia (950 mila – 3,6% del totale) guidano la classifica per numero di lavoratori del settore, mentre Finlandia (6,5%) e Svezia (6,1%) sono ai primi posti per percentuale di occupati ICT sul totale.

I dati dello studio Eurostat dimostrano che nella stragrande maggioranza degli Stati membri il numero assoluto degli specialisti ICT sul totale degli occupati è salita tra il 2011 e il 2015 soprattutto in Germania, Francia, Estonia, Ungheria, Portogallo e Finlandia. Complessivamente nella Ue l’aumento è stato di 1,5 milioni di lavoratori in più nel settore e la percentuale sul totale è passata dal 3% al 3,5%.  

 

Alessandra Talarico 

Fonte: http://bit.ly/2dHQQYB

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Aturo Siniscalchi Vicepresidente AIDR
Mauro Nicastri, Presidente dell'Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
M. Michelini, business manager Qibit Italia - Agenzia per il lavoro Gi Group, F. MeTA Giornalista Cor.Com, P. Prestinari, amministratore delegato di Fattore Mamma-Media, Mattia Fantinati (M5S) Componente X Commissione attività produttive e Mirco Ca
Nicola Maccanico, Vicepresidente Vicario Associazione CIVITA
Francesco Boccia (PD) Presidente V Commissione bilancio,tesoro e programmazione, Federica Meta, giornalista Cor.Com. e Mauro Nicastri Presidente Italian Digital Revolution (AIDR)
Sergio Alberto Codella Segretario Generale AIDR
Arturo Siniscalchi Dirigente Formez PA e Vicepresidente iTalian Digital Revolution (AIDR)
Mattia Fantinati (M5S) Componente X Commissione attività produttive e Mirco Carloni, Consigliere della Regione Marche

Notizie e Comunicati correlati

corso aidr
Il valore dei social network? È giustificato da tanti fattori. Prima di tutto dall’indotto, dal mercato che hanno creato e dagli stimoli che generano. Per migliorarne la conoscenza e comprenderne fino in fondo le potenzialità l’associazione ....
mer 30 mag, 2018
x
La Regione Calabria risponde alla crisi occupazionale con un bando innovativo con cui, prima tra le regioni italiane, intende formare mille giovani alle nuove professioni attraverso un apposito Avviso sulle competenze digitali. Il bando si rivolge alle ....
dom 27 mag, 2018

In questa pagina

Le nostre aziende

Accordi di Collaborazione

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589