Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Valeria Portale (Polimi): "In Italia il new digital fa da traino ai digital payments"

Valeria Portale (Polimi): "In Italia il new digital fa da traino ai digital payments"

Valeria Portale
23-09-2016

Il 12% degli e-payments effettuati via pc, tablet e mobile, un dato in continua crescita. Quest'anno atteso un giro d'affari da 190 miliardi. Ma c'è ancora da fare. La fotografia scattata al convegno CorCom-Pagamentidigitali.it "Digital Payment Revolution" dal direttore dell'Osservatorio Mobile Payment.

 

La trasformazione radicale in atto nel mondo dei pagamenti è un dato di fatto che procede di pari passo con le trasformazioni dell'intera economia innescate dall'avvento del digitale. L'evento Digital Payment Revolution (anche su #socialwall e Storify) organizzato da CorCom oggi a Roma ha fatto il punto sulle opportunità per le imprese, per le istituzioni e per i technology providers, nella prospettiva di uno sviluppo del business dei pagamenti digitali.

In Italia i pagamenti digitali hanno raggiunto quota 175 miliardi nel 2015; di questi l’88% sono tramite carta di credito nei negozi, il 12% sono “New Digital”, cioè pagamenti via Pc, tablet, Mobile e in negozio con carte contactless o su Mobile POS, per un valore di 21,5 miliardi di euro, cresciuto del 22% in un anno, come ha svelato l'Osservatorio Mobile Payment del Politecnico di Milano. "Siamo partiti in ritardo ma cresciamo a ritmi più alti dell'Europa", ha sottolineato Gildo Campesato, direttore responsabile di CorCom aprendo i lavori del convegno. "Nel 2018 è previsto un valore di 246 miliardi di euro per il digital payment: la forchetta con i pagamenti cash si riduce. Ciò non toglie che l'Italia resta il paese del contante, con tassi di utilizzo della moneta digitale inferiori a tutti i paesi Ue tranne la Grecia. E' ora di colmare il ritardo perché anche la trasformazione nei pagamenti contribuisce alla trasformazione del paese".

Come sta andando dunque questo 2016: l'Italia sta recuperando posizioni? "La crescita è simile a quella registrata nel 2015 e arriveremo a circa il 24% dei consumi degli italiani rappresentato da pagamenti digitali per un valore totale di 190 miliardi di euro nel 2016: ottimo risultato, ma restiamo ancora indietro all'Ue e al resto del mondo", ha indicato Valeria Portale, DirettoreOsservatorio Mobile Payment & Commerce. C'è un dato positivo però: agli italiani piace l'innovazione. I pagamenti del segmento "New Digital" crescono a ritmi più alti di tutti gli altri segmenti. "Il New Digital è il traino", conferma la Portale, "un dato importante perché include l'utilizzo del mobile sia per l'acquisto che per il pagamento, e il P2P, il trasferimento di denaro tra più persone, e il P2B, trasferimento tramite cellulare da privato a merchant". Inoltre, è positivo quest'anno l'apporto della piattaforma PagoPa della Pubblica Amministrazione nel dare una spinta alla crescita dei pagamenti digitali.

Importante la componente e-commerce su mobile, che vale il 15% del transato su smartphone, e l'apporto del mobile remote payment ai pagamenti per le soluzioni di mobilità urbana: biglietto della metro, parcheggio pubblico, car sharing, e così via.  Nel 2015, per esempio, 3 milioni di ore di sosta nei Comuni sono state pagate da cellulare e così 5 milioni di corse del car-sharing; nel 2016 la crescita continua e sempre più città abilitano questo strumento.

In Italia cresce anche l'uso della modalità di pagamento da smartphone con tecnologia NFC e con mobile POS: a fine 2016 si prevedono oltre 750mila POS contactless sul totale installato, pari al 40% dei POS in circolazione; l'Osservatorio calcola che esistono 30 milioni di carte contacless e 1 transazione su 30 è contacless. Il 40% di chi possiede un cellulare ha la tecnologia NFC. "Certo, siamo nell'ambito dei micropagamenti", osserva la Portale: "Per gli acquisti più consistenti viene preferita la carta. Inoltre restiamo indietro sul proximity payment".

In Italia ci sono anche 80mila POS sono abilitati al P2P e stanno nascendo diverse start-up che guardano con interesse al settore. Ovviamente si tratta di un'industria trasversale, che coinvolge banche, telco e attori del mondo hitech: "L'arrivo sul mercato dei big (Apple Pay, Android Pay) cambierà sicuramente gli equilibri, ma darà anche una forte spinta all'adozione dei pagamenti digitali", ha concluso la Portale

 

Patrizia Licata 

Fontehttp://www.corrierecomunicazioni.it/digital/43509_valeria-portale-polimi-pagamenti-digitali-il-2016-anno-del-new-digital.htm

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Da destra: Paolo Sasso, Responsabile Procurement Enel Italia, Mauro Rosario Nicastri, Presidente AIDR, Federica Meta, giornalista Corriere Comunicazione, Gianluca Maria Esposito, Ordinario Diritto Amministrativo Università di Salerno
Il nuovo sistema degli appalti pubblici: regole, processi e tecnologie (8 ist,0 cat)
Filomena Tucci, responsabile osservatorio donne digitale AIDR e sud Confassociazioni e Federica De Pasquale Vice Presidente Confassociazioni con delega alle Pari Opportunitàsocio AIDR
Prof. Agnese Vitali, On Simone Baldelli, Rosangela Cesareo, blogger, socia Aidr
Alcuni soci AIDR
Rosangela Cesareo, Blogger e socia AIDR, Promotrice MAMME IN PARLAMENTO
Il nuovo sistema degli appalti pubblici: regole, processi e tecnologie (22 ist,0 cat)
Da destra: Maurizio Fedele, Responsabile Relazioni esterne AIDR, Vittorio Zenardi, Responsabile Sito e Social Media AIDR, Mauro Nicastri, Presidente AIDR, Amedeo Scornaienchi, Presidente Associazione Ambiente e Società, Rocco Morelli, Direttore Sci

Notizie e Comunicati correlati

Fake News
Più di 3,5 milioni di genitori si sono imbattuti in indicazioni mediche sbagliate, ma 15 milioni di italiani cercano prevalentemente su internet soluzioni ai propri malanni e senza le necessarie competenze. Intanto parte il Gruppo europeo per la ....
ven 19 gen, 2018
m
Segnando una decisa discontinuità rispetto al passato, il Comune di Milano ha deciso di mettere a disposizione del territorio metropolitano una parte consistente dei finanziamenti di cui è beneficiario grazie al progetto PON Metro. Ecco ....
gio 18 gen, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
VmWay
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
A.P.S.P.
Adiconsum
SCHOLAS
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589