Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » eJournalism, a ogni testata il suo modello di business

eJournalism, a ogni testata il suo modello di business

www.aidr.it
20-09-2016

Il binomio vendite e ricavi pubblicitari non è più un modello di business sostenibile. Ogni testata deve individuare il proprio. 

 

Non esiste un sistema unico per la vendita dei contenuti digitali che possa andare bene a tutti. Il Paywall – come modello di business – non fa eccezione, almeno a quanto riporta un recentissimo report di BI Intelligence, cha ha messo sotto la lente di ingrandimento i pro e i contro dei “muri digitali” che regolano l’accesso ai contenuti.

 

Il binomio vendite e ricavi pubblicitari non è più un modello di business sostenibile, non esiste più un unico modello di business comune a tutte le testate ma ciascuna deve individuarne uno proprio sulla base delle proprie caratteristiche e potenzialità. Insomma non esiste un modello di business ma esistono, si possono ricercare e plasmare, dei modelli che nel loro insieme garantiscano ricavi apprezzabili.

L’importante è sperimentare, eventualmente fallire e riprendere a sperimentare sino a identificare la soluzione più idonea. Nel tempo dell’informazione in tempo reale la ricerca di nuove opportunità con i tempi della old economy non può che portare al fallimento certo. (PierLuca Santoro – I giornali del futuro Il futuro dei giornali ).

 

Una possibile alternativa ai contenuti a pagamento introdotta in Italia e nel resto del mondo da alcuni editori era già stata suggerita a fine 2011 da Jeff Jarvis che, in relazione alla scelta di introdurre il metered paywall da parte del The New York Times, suggeriva di non penalizzare i lettori fedeli con un paywall bensì di premiarli introducendo l’idea del “reversed paywall” secondo il quale invece di far pagare il lettore gli si assegna un bonus economico iniziale che se da un lato viene consumato con la lettura degli articoli, dall’altro lato viene incrementato premiando una serie di comportamenti “virtuosi” quali:

 

Guardare un’inserzione pubblicitaria

Cliccare un determinato link

Tornare spesso e leggere molte pagine

Promuovere il giornale su Twitter, Facebook, Google+ sul suo blog

Comprare prodotti e/o servizi dalla sezione e-commerce

Comprare biglietti per un evento del giornale

Offrire dati personali al giornale in modo tale che il giornale possa fare della pubblicità più su misura

Scrivere buoni commenti

Sostenere progetti

Rispondere a una domanda di un giornalista su Twitter che sia utile a quel giornalista per fare un articolo

Segnalare e correggere un errore

Offrire uno spunto per un articolo

 

Di “Reverse Paywall vs Metered Paywall” parleranno Alberto Puliafito e Pier Luca Santoro a #digit16 il 22 ottobre dalle 11 alle 13   nel workshop dedicato al tema, che consente, anche, di ottenere i relativi crediti formativi dell’OdG. Prenotazioni per giornalisti su Sigef, per tutti su digit.

 

 Redazione Lsdi.it 

Fonte: https://www.key4biz.it/ejournalism-a-ogni-testata-il-suo-modello-di-business/

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Giuseppe De Lucia, relazioni istituzionali Ericsson e Rosangela Cesareo, blogger.
Da sinistra: Gian Luca Petrillo, Mauro Nicastri, Roberto Vescio, Maria Antonietta Spadorcia, Francesco Saverio E. Profiti, Sergio Alberto Codella, Andrea Bisciglia, Gennaro Petrone
Da sinistra verso destra: Anna Testa, Cisco e Girls in Tech Italy; Menia Cutrupi, CEO Dream Lab; Filomena Tucci (AIDR); Paola Di Rosa, Fondatrice At Factory; Alessandra Graziosi, Scholas Occurrentes
Rosangela Cesareo, Blogger e socia AIDR
Luigi Consoli, segretario generale del Tar del Lazio, Alberto Tucci avvocato penalista, Simone Rossi, esperto in organizzazione giudiziaria di Agenda Digitale Giustizia
Rosangela Cesareo, Blogger e socia AIDR, Promotrice MAMME IN PARLAMENTO
MAMME IN PARLAMENTO - CAMERA DEI DEPUTATI
Da sinistra verso destra: Enza Bruno Bossio, parlamentare e componente Intergruppo Innovazione, Simona Vicari, Sottosegretario di Stato al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti; Filomena Tucci (AIDR); Maria Rosaria Scherillo, Vicepresidente Confi

Notizie e Comunicati correlati

donne digitali
Le donne sono migliori degli uomini nella tecnologia, lo afferma un rapporto di The Brookings Institution che ritiene che le donne abbiano migliori competenze tecnologiche e digitali rispetto agli uomini, ma sono ancora sottorappresentate nel settore. Un ....
mar 21 nov, 2017
AIDR
Ferri: “Con le nuove tecnologie la giustizia ha già risparmiato 63 milioni di euro” . “Con la digitalizzazione è possibile avviare quel percorso che aiuta il cittadino a ritrovare la fiducia nella Pubblica amministrazione. ....
mar 21 nov, 2017

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
VmWay
EIDEMON
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
SCHOLAS
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589