Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Caos di figure tecniche nella PA, ostacolo alla rivoluzione digitale

Caos di figure tecniche nella PA, ostacolo alla rivoluzione digitale

digitale
17-07-2017

Per accompagnare lo sviluppo digitale delle PA servono le giuste competenze. E’ senza dubbio necessario riqualificare la spesa ICT, ma è anche indispensabile non sottovalutare il peso delle conoscenze tecniche interne alle amministrazioni.

Uno degli aspetti più controversi per la realizzazione delle nuove indicazioni fissate dal Piano Triennale Agid è sicuramente quello delle competenze professionali.

L’interrogativo di fondo da anni riguarda la presenza presso le amministrazioni delle figure necessarie per allinearsi a quanto viene richiesto dal legislatore, a partire dalla presenza, indicata dall’art. 61 del testo unico sul documento amministrativo (dpr 445/2000) del responsabile per la gestione documentale, dei flussi e degli archivi. La tendenza positiva che si sta facendo strada in tempi molto recenti è quella di indirizzare le piccole amministrazioni a dotarsi di un servizio tecnico (ad esempio una figura tecnica in grado di sostenere i processi documentali) da condividere tra più enti.

Anche il Piano Triennale su altri fronti (l’archiviazione dei dati e la conservazione digitale) sembra andare in questa direzione, sicuramente interessante e l’unica che potrebbe garantire – se ben gestita – la sostenibilità dei progetti e il mantenimento della qualità dei ruoli tecnici che non possono mancare se sono in gioco processi impegnativi e complessi.

E’ senza dubbio necessario riqualificare la spesa e razionalizzare i costi delle infrastrutture, ma è anche indispensabile non sottovalutare – come è stato fatto finora – il peso delle conoscenze tecniche interne alle amministrazioni. L’alternativa è la rinuncia al controllo sui propri processi e sulla correttezza dell’azione amministrativa. Una prospettiva di questa natura è pericolosa per il ruolo stesso della pubblica amministrazione e potrebbe derivare anche dalla continua moltiplicazione e frammentazione dei compiti previsti quando è in gioco il processo di smaterializzazione.

Dovremmo ormai sapere che tutti i dipendenti pubblici dovrebbero possedere livelli adeguati di conoscenza degli strumenti e delle logiche della comunicazione digitale, mentre le figure di riferimento in grado di guidare in modo strategico i processi di sviluppo digitale sono riconducibili a due soli ambiti tecnici: l’archivista informatico definito con il ruolo di responsabile per la gestione documentale cui spetta il coordinamento degli interventi sugli archivi, dalla formazione alla conservazione, a prescindere dai supporti e dai formati; l’ICT manager a cui compete la gestione delle tecnologie e degli apparati tecnici, delle infrastrutture di rete, una figura rilevante che tuttavia dovrebbe avere la capacità di svolgere i suoi compiti a supporto dell’amministrazione e non in sostituzione delle altre figure di riferimento.

Ci vuole creatività e determinazione nel garantire che le trasformazioni siano operative e utili. Serve anche molto buon senso e soprattutto buona volontà perché la lunga crisi che abbiamo attraversato, e che non sembra ancora conclusa, rende questo passaggio inevitabile e necessario ma, allo stesso tempo, lo priva delle risorse che qualunque innovazione richiede per avere successo. 

Mariella Guercio, Università Sapienza di Roma

Fonte: http://bit.ly/2u0Xyhq

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Da sinistra: Francesco Saverio E. Profiti, Stefano Van Der Byl, Pier Luigi Bartoletti, Andrea Bisciglia, Maria Antonietta Spadorcia, Mauro Rosario Nicastri, Vincenzo Panella,
Da sinistra: Mauro Draoli, Agenzia per l'Italia Digitale, Carlo De Masi, Presidente Adiconsum, Federica Meta, Giornalista Corriere delle Comunicazioni, Ciro Cafiero, Giuslavorista, Andrea Napoletano, Avvocato direzione Legale ANAS S.p.A. Amedeo Scornaienc
Mattia Fantinati (M5S) Componente X Commissione attività produttive e Mirco Carloni, Consigliere della Regione Marche
Premiazione "Rating di legalità" AIDR
Il nuovo sistema degli appalti pubblici: regole, processi e tecnologie (8 ist,0 cat)
Da sinistra: Roberto Morello, Dirigente Medico Ospedaliero, Cosimo Maria Ferri, Sottosegretario di Stato alla giustizia, Mauro Rosario Nicastri, Presidente AIDR
Da sinistra: Mauro Nicastri, Francesco Saverio E. Profiti, Stefano Van Der Byl, Pier Luigi Bartoletti, Massimo Casciello, Andrea Bisciglia
Aturo Siniscalchi Vicepresidente AIDR

Notizie e Comunicati correlati

Banda ultralarga
Via libera del Consiglio dell’Autorità al provvedimento che fissa le modalità con cui le imprese dovranno d’ora in avanti comunicare le caratteristiche delle diverse tipologie di infrastruttura fisica utilizzate per l’erogazione ....
lun 16 lug, 2018
Industria 4.0
Cosa significa veramente Impresa 4.0? “L’innovazione 4.0”, chiarisce la circolare n.4/E/2017 in merito alle misure super ammortamento e iper ammortamento previsti nell’ambito del Piano Nazionale Industria 4.0., “non sta nell’introdurre ....
dom 15 lug, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Accordi di Collaborazione

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589