Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Under 40 contro la corruzione: otto su dieci pronti a denunciarla

Under 40 contro la corruzione: otto su dieci pronti a denunciarla

Corruzione
04-11-2017

La quasi totalità degli under 40 (nove su dieci) pensa che in Italia la corruzione sia capillarmente diffusa. Di questa quasi totalità l’81% è pronta a denunciarla.


Sono alcuni dei risultati dell'indagine, realizzata per Riparte il Futuro dall'Istituto Demopolis, che ha analizzato un campione di 2.000 intervistati, statisticamente rappresentativo dell'universo della popolazione italiana di età compresa tra i 18 ed i 40 anni, stratificato per genere, fascia di età e macro-area di residenza, ma soprattutto rappresentativo della popolazione italiana fra i 18 e i 40 anni per studiarne il grado di consapevolezza, le percezioni e i vissuti sul fenomeno della corruzione.

Nel dettaglio emerge che il 48% degli intervistati ritiene sia più presente a livello nazionale, fra Ministeri e altre istituzioni politiche, opinione particolarmente diffusa nel Nord del Paese, mentre il 45% la localizza in prevalenza su base locale,fra Regioni e Comuni, opinione soprattutto degli italiani del Sud.
Il 75% degli under 40 italiani valuta la lotta alla corruzione come impegno fondamentale per il futuro del Paese; il 51% denuncerebbe sicuramente un episodio di corruzione di cui fosse testimone o destinatario, mentre il 30% lo farebbe probabilmente.

«Appena un quarto degli under 40 – spiega il direttore di Demopolis Pietro Vento – ritiene che in Italia esistano strumenti efficaci per contrastare e ridurre la corruzione. Ed è netta, nella percezione dell'opinione pubblica, l'esigenza di nuove leggi, che incidano soprattutto su certezza della pena e trasparenza».

Fra i presidi di lotta più utili, il 68% dei cittadini fra i 18 ed i 40 anni – con una prevalenza del segmento femminile – cita infatti «la leva inibente delle condanne: assicurare e aumentare le pene per i corrotti. Circa 6 su 10 auspicano maggiore trasparenza della Pubblica Amministrazione e nelle gare d'appalto. La maggioranza assoluta (52%) punterebbe sulla tutela dei whistleblower: il dipendente pubblico o privato che segnala illeciti o episodi di corruzione. Il 45% dei cittadini intervistati dall'Istituto Demopolis auspicherebbe meccanismi di rotazione in seno alla P.A., con incarichi di durata limitata per i dipendenti pubblici in ruoli a “rischio corruzione”».

Ed infine, l’importanza conferita dagli under 40 all'informazione in tema di corruzione risulta elevata: il 53% degli intervistati esprime molto interesse; il 34% la ritiene abbastanza importante. Non a caso – secondo l’indagine Demopolis – l’82% dichiara di aver sentito parlare di importanti casi di corruzione. Il caso più noto è “Mafia Capitale” (83% di citazioni); i due terzi richiamano il Caso Consip; 1 su 2 gli episodi di corruzione legati all'Expo di Milano. Una percentuale appena più ridotta cita le tangenti Mose e gli scandali nella Sanità Lombarda.

S. U.

Fonte
http://bit.ly/2gHql4I

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

n
Nell’imminenza della scadenza del prossimo 25 maggio 2018, data in cui entreranno in vigore le norme del GDPR (General Data Protection Regulation), il legislatore nazionale ha fatto pubblicare nella Gazzetta Ufficiale del 27 novembre del c.a., le ....
ven 19 gen, 2018
c
L'azienda guidata dall'ad Marco Alverà si dota del dipartimento "Global Security & Cyber Defence". A dirigerlo è Andrea Chittaro Snam punta sulla sicurezza, anche cibernetica, dotandosi di un nuovo dipartimento denominato “Global ....
gio 18 gen, 2018

Eventi correlati

La paivacy esiste ancora?
Data: 07-04-2017
Luogo: Camera dei Deputati Sala Aldo Moro, Piazza Montecitorio - Roma
Venerdì 7 Aprile (ore 17.30), presso la Camera dei Deputati (Sala Aldo Moro, Piazza Montecitorio - Roma) l'associazione Eidos presenta il libro La privacy esiste ancora?

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
VmWay
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
A.P.S.P.
Adiconsum
SCHOLAS
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589