Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Pagamenti digitali, parte la rivoluzione dei servizi

Pagamenti digitali, parte la rivoluzione dei servizi

15-01-2018
Pagamenti digitali

Inizia una nuova era per i pagamenti digitali, con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del 13 gennaio 2018 è entrata, infatti, in vigore la direttiva europea 2015/2366, conosciuta come Psd2.

Psd2 acronimo di (Payment Service Directive) è una direttiva che modifica le regole sui pagamenti online effettuati con device mobili e non, ma anche con carte di credito e bancomat. Tra le novità più rilevanti: transazioni più rapide e trasparenti, nuove modalità di pagamento, maggiore sicurezza e tutela dei dati personali. Per agevolare l’utilizzo degli strumenti digitali i costi delle transazioni saranno inoltre ridotti.

La commissione interbancaria per ogni operazione di pagamento tramite carta di debito e prepagata non potrà essere superiore allo 0,2% del valore dell’operazione stessa; per le operazioni tramite carta di credito la commissione interbancaria per ogni singola operazione non potrà essere invece superiore allo 0,3% del valore dell’operazione.

Queste le parole di Valdis Dombrovskis, vicepresidente della Commissione Ue, responsabile per la stabilità finanziaria e i servizi finanziari: “Questa legislazione è un altro passo verso un mercato unico digitale nell’UE. Promuoverà lo sviluppo di pagamenti innovativi online e mobili, a vantaggio dell’economia e della crescita. Con l’entrata in vigore della PSD2, stiamo mettendo al bando il sovrapprezzo per pagamenti con carte di debito e di credito. Questo potrebbe portare un risparmio di oltre 550 milioni l’anno per i consumatori della Ue. I consumatori saranno inoltre più protetti quando effettueranno i pagamenti”.

La direttiva PSD2 recepisce i recenti sviluppi di mercato (portafogli virtuali, pagamenti digitali etc.) e si pone come base per ulteriori innovazioni. Non riguarda soltanto i pagamenti effettuati da singoli cittadini, ma anche quelli delle aziende, alcune tipologie di beni e servizi, inoltre, si potranno pagare tramite il credito telefonico. Nasce così un innovativo modello bancario, sempre più aperto e digitale.

Vittorio Zenardi, Responsabile Sito e Social Media AIDR

Fonte: http://bit.ly/2mxKqgw

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

F. Cavallaro (Cisal), C De Masi (Flaei-Cisl), F. Meta (giornalista CorCom), D. Colaci (AGID), Mario Romano, (Confindustria), D. D'Amico, Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

Notizie e Comunicati correlati

Luigi Di Maio
Oggi il ministro del Mise Luigi Di Maio durante la VII riunione della Cabina di Regia per l’Italia internazionale, ha avanzato l'idea della creazione di una sorta di Amazon del Made in Italy, che faciliti la vendita dei prodotti italiani e combatta, ....
mer 12 set, 2018
m
Premiata Weedea e il suo Secure Shelter, un sistema di monitoraggio strutturale in tempo reale pensato per rendere fruibile agli amministratori di beni storici o di particolare interesse uno strumento che monitori costantemente lo stato di salute di un ....
mer 12 set, 2018

Eventi correlati

NETFORUM
Dal 10-05-2017
al 11-05-2017
Luogo: MiCo - Milano Congressi Ingresso Ala Nord: Via Gattamelata, 5 20149 Milano MiCo Gate 1
Netcomm Forum, evento per la digital trasformation italiana con più di 10.000 imprese, 150 sponsor, 3 convegni, 160 relatori e 46 workshop.
Due giorni dedicati al business, formazione e networking per far crescere la tua impresa.
Fashion, Design,

In questa pagina

Le nostre aziende

Accordi di Collaborazione

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589