Seleziona una pagina

Privacy e web, incontro Aidr al Senato con Alpa e Fantinati

Presentazione libro Giusella Finocchiaro su protezione dati personali

Roma, 5 luglio – Conoscere il nuovo Regolamento Ue, a un anno circa di distanza dalla sua entrata in vigore, per tutelare l’identità digitale. È questo il filo conduttore attorno al quale si è sviluppato il dibattito su privacy e web, mercoledì pomeriggio a Palazzo Madama, a cui hanno partecipato Mattia Fantinati, sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega alla Pubblica amministrazione, Caterina Chiaravalloti, presidente del Tribunale di Latina, Guido Alpa, avvocato e professore di diritto civile Università La Sapienza di Roma, e Mauro Nicastri, presidente di Aidr (Associazione italian digital revolution). Occasione dell’incontro, moderato dall’analista di Huffington Post e Limes, Piero Schiavazzi, è stata la presentazione dell’ultimo volume di Giusella Finocchiaro, professore ordinario di diritto privato e di diritto di Internet Università di Bologna, La protezione dei dati personali in Italia. Regolamento UE 2016/679 e d.lgs. 10 agosto 2018, n. 101 (Zanichelli editore).

“La protezione dei dati è fondamentale per mettere i cittadini in salvo dai rischi che il digitale può comportare sulla vita di tutti noi – ha subito inquadrato Fantinati -. Rischi anche alla sicurezza nazionale. Ricordate il caso Cambridge Analytica? Da sottosegretario, sto personalmente promuovendo una rivoluzione digitale, con l’obiettivo di costruire una smart nation, bilanciando le esigenze di efficacia ed efficienza della PA con quelle di protezione dei cittadini. Tenere insieme questi aspetti è la nostra sfida. Che possiamo vincere, anche grazie ad eventi come questo. Dobbiamo mettere insieme pool di esperti, politici, cittadini. Questo convegno dimostra qual è la strada da seguire”.

“Il Regolamento – ha riferito dal canto suo il professor Alpa -, prende in considerazione due aspetti diversi dell’utilizzo dei dati personali, fin dall’art. 1: da un lato i diritti della persona, dall’altro la libera circolazione dei dati personali. Restano aperti i problemi dei diritti della persona sui dati che rimandano a due concezioni diverse anche del consenso. Una lettura è quella proprietaria del dato, che vede il dato coessenziale alla persona. L’altra è quella che vede il dato come espressione della persona, ma allo stesso tempo bene suscettibile di circolazione”.

“La diffusione del digitale, se da un lato rende più veloce la circolazione della notizia, dall’altro altera la dimensione spazio temporale della stessa. L’esempio più emblematico è quello della diffusione della notizia del promovimento dell’azione penale a carico di un soggetto, notizia che rimane sospesa nel tempo, talora anche quando viene meno l’attualità della stessa, o addirittura non viene aggiornata in relazione all’esito del procedimento penale – ha spiegato Chiaravalloti -. Sebbene sussistano degli strumenti di tutela giurisdizionale che dovrebbero rendere più effettivo il diritto alla rettifica, contestualizzazione ed eventualmente cancellazione dei dati, ci si chiede tuttavia se – tenuto conto peraltro dell’arco temporale durante il quale la notizia rimane nella disponibilità del web – la diffusione del dato giudiziario, espressione del diritto di cronaca, quale esplicazione del più ampio diritto di libera manifestazione del pensiero, non vanifichi la tutela di altri diritti della persona. In primis, quello della presunzione d’innocenza dell’imputato”.

A lanciare il tema della “reputazione” online è stato Nicastri, che a nome dell’Aidr ha posto così la questione: “Durante la nostra attività di diffusione della cultura digitale, capita spesso di registrare paure, tensioni e impotenza di diversi cittadini nei confronti di pubblicazioni web a tratti calunniose, diffamanti, che non si riesce in alcun modo a cancellare, eliminare dalla Rete. Si tratta di un problema molto serio, perché va a compromettere la reputazione del soggetto malcapitato, che avrebbe invece diritto a non discolparsi in merito magari a reati mai commessi o fatti mai avvenuti”.

“Il termine ‘privacy’, – ha risposto Finocchiaro – oggi, indica, molti temi diversi: dalla riservatezza vera e propria, alla protezione dei dati personali, all’identità digitale e alla reputazione. Per tutelare i diritti sottesi l’ordinamento giuridico offre strumenti diversi. Occorre comporre questi diversi diritti in un sistema, che oggi è tutto da costruire. Non è ancora ben delineato il sistema della protezione della personalità che va dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea, al Regolamento europeo, alla normativa italiana, ai provvedimenti del Garante, alla giurisprudenza e alla dottrina. Il sistema e la visione complessiva spesso sfuggono a chi si concentra soltanto sul dettaglio, perdendo la visione complessiva”.

“Il Regolamento europeo – ha rimarcato infine l’autrice del libro presentato a Palazzo Madama – richiede un bilanciamento costante fra diritti e interessi contrapposti: basti pensare all’utilizzo dei dati personali nelle applicazioni di intelligenza artificiale o al diritto all’oblio. Il Regolamento non risolve e non potrebbe risolvere il problema, ma indica invece le direttrici lungo le quali si deve svolgere il ragionamento giuridico e il necessario costante bilanciamento”.

Archivio

SUPERBONUS 110%: siglato accordo tra Aidr e il portale RILANCIO ITALIA 2020 per ottenere il credito d’imposta

Un accordo di collaborazione è stato siglato tra l’associazione Italian Digital Revolution – AIDR e la Rete d’Imprese RILANCIO ITALIA 2020. L’intesa intende promuovere la piattaforma digitale di RILANCIO ITALIA 2020 (http://www.rilancioitalia2020.it/), Rete d’Imprese che è impegnata, nell’ambito del superbonus 110%, nella promozione, vendita e veicolazione dei servizi connessi e realizzati allo scopo.

“Blockchain per tutti”, arriva il primo e-book di Aidr

Da oggi disponibile su sito associazione e su principali store on-line Si inaugura la collana editoriale dedicata anche ai non addetti ai lavori, con l’obiettivo di far scoprire le tecnologie e il...

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
20/10/2020
Troppe parole sul Recovery Fund, o meglio Next generation EU, troppi sui media che ripetono all’infinito “ora che abbiamo questi 209 miliardi” ”ora che ci sono questi soldi”…”ora che è arrivato il recovery fund” etc etc. E’ necessario fare chiarezza innanzitutto sulla tempistica dei trasferimenti, (sulla concretezza dell’erogazione credo che, a prescindere dai mal di pancia dei cosiddetti Paesi “frugali”, essi verranno deliberati.), l’Italia dunque nel 2021 utilizzerà 25 miliardi del programma Next generation Eu nel 2021 (11 di prestiti dal Recovery fund, 10 di sovvenzioni più altri 4 di finanziamenti per la coesione (React Eu), nel 2022 le risorse che l’Italia richiederà all’Europa saliranno a 37,5 miliardi, nel 2023 ci sarà un picco fino a 41 miliardi, per poi ritornare a 39,4 miliardi nel 2024, 30,6 nel 2025 e 27,5 nel 2026.
Notizie
08/10/2020
di Michele Leone, Digital Media Specialist e socio Aidr. PTA ovvero "Poli territoriali avanzati". Sarà un concentrato di tecnologia racchiusa in strutture decentrate e Data driven, con area specifiche per concorsi pubblici, con spazi di co-working e con uffici per videoconferenze e lavoro agile per la “nuova” Pubblica Amministrazione.
Notizie
07/10/2020
AIDR ha deciso di dotarsi di un Osservatorio sull’applicazione del digitale e delle nuove tecnologie al mondo agroalimentare ed agroindustriale. Il suo scopo è quello di studiare, stimolare e promuovere l’applicazione delle tecnologie digitali alla filiera agroalimentare, mediante approfondimenti, articoli, rapporti, contributi ed il concorso di svariate competenze, tecniche, giuridiche ed economiche.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!