Presentazione della Conferenza Digital competences for education A cura di Fulvio Oscar Benussi

I temi che verranno discussi, il prossimo 30 maggio, nella Conferenza Digital competences for education sono sicuramente di grande interesse per la scuola italiana.
Ci siamo abituati a vivere onlife: gli smartphone e gli altri display tendono ad essere onnipresenti nella vita dei ragazzi. Questi strumenti tecnologici spingono gli alunni a leggere sempre più per sommi capi influenzando in negativo la comprensione e l’analisi del contenuto. L’introduzione ‘dell’artefatto digitale’ in classe deve perciò partire dallo sviluppo delle competenze digitali, ma anche da strumenti metodologici per gli insegnanti
che consentano loro di esercitare consapevolmente la loro missione educativa nella società iper-tecnologica e digitale del terzo millennio.

I Relatori esporranno gli esiti di una ricerca triennale, relativa ai processi organizzativi ed educativi che sottendono alla diffusione di pratiche didattiche innovative, realizzata nell’ambito del Progetto internazionale Erasmus +, “DECODE – Develop COmpetence in Digital Era”. Il confronto verrà arricchito dall’apporto di relatori nazionali e internazionali, impegnati in percorsi di ricerca e innovazione digitale in ambito educativo.
Sono partner del progetto: Link Campus University, Italia; ANP, Italia; Università Roma TRE, Italia; Aspire-Igen group, Regno Unito; Institute of Educational Science, Romania; Omnia Joint Autority of Education, Finlandia; Open University of Catalonia, Spagna e l’Associazione Italian Digital Revolution che parteciperà al Convegno nell’ambito dell’accordo di collaborazione Link Campus University – AIDR.

La ricerca, di cui verranno illustrati gli esiti, era finalizzata a verificare come contrastare e superare le difficoltà registrate nell’integrare ‘il digitale’ in classe e aveva come obiettivo la diffusione di competenze di ICT cruciali per promuovere l’alfabetizzazione digitale, la diffusione della media education per la promozione dell’innovazione sociale e dell’inclusione sociale. Queste competenze sono considerate strategiche per rispondere alle nuove esigenze della società dell’informazione e dell’apprendimento permanente e irrinunciabili al fine di sviluppare sistemi di istruzione innovativi e al passo con le sfide della contemporaneità.

In Italia negli ultimi anni sono stati effettuati cospicui investimenti sia finanziari che di organizzazione e sistematizzazione dei processi di formazione in servizio degli insegnanti (PNSD e piattaforma S.O.F.I.A.). Il confronto internazionale contenuto nel Rapporto OCSE ‘Skills Outlook 2019’ non evidenzia, per il nostro Paese, esiti in termini di skills particolarmente entusiasmanti. Le cause verranno investigate mediante il confronto con le situazioni emerse nelle ricerche effettuate nei cinque Paesi coinvolti nel Progetto Erasmus +, “DECODE – Develop COmpetence in Digital Era” e si toccheranno anche i temi dell’e-leadership e della governance dello spazio educativo.

Segnaliamo infine l’intervento dal titolo “digitally native?”. A riguardo i relatori proporranno delle loro riflessioni che, per chi quotidianamente si rapporta con i suoi studenti a scuola e si confronta perciò con la pertinenza di tale espressione nel definire bambini e adolescenti, è sicuramente un’intrigante domanda.
—-
Il prof. Fulvio Oscar Benussi, socio AIDR è docente di scuola secondaria di secondo grado, formatore e pubblicista. Esperto di innovazione didattica ha tenuto numerosi speech in Università italiane ed estere. Vari suoi contributi, molti redatti in collaborazione con Annamaria Poli ricercatrice dell’Università degli studi di Milano Bicocca, sono stati pubblicati in riviste scientifiche dell’ambito universitario.

Archivio

“Blockchain per tutti”, arriva il primo e-book di Aidr

Da oggi disponibile su sito associazione e su principali store on-line Si inaugura la collana editoriale dedicata anche ai non addetti ai lavori, con l’obiettivo di far scoprire le tecnologie e il...

Al via la “Call for professor” d’intesa con le università

L’Associazione Italian Digital Revolution – AIDR, in collaborazione con alcune università italiane, si è candidata come “Digital Knowledge Provider” nell’ambito di seminari, corsi di formazione e master universitari.L’obiettivo della “Call For Professor”, in linea con la missione associativa, è quello di porre i riflettori sull’innovazione, attraverso la diffusione della cultura digitale mettendo a disposizione delle Università italiane contenuti e docenti da inserire all’interno dei propri percorsi formativi.

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
27/05/2020
Nel 2020, complice lo shock sistemico della pandemia del COVID-19 che ha colpito i sistemi sanitari ed economici di tutto il mondo, si profila un’espansione vertiginosa delle nuove tecnologie esponenziali che avranno come scopo oggettivo il miglioramento della qualità della vita delle persone.
Notizie
26/05/2020
L'Intelligenza Artificiale modificherà  il nostro agire quotidiano, incidendo sulle nostre scelte, sui nostri comportamenti, arrivando persino a prevederli ed a distinguere le nostre emozioni, con realtà artificiale sempre più invasiva, sia negli ambiti personali che professionali, come quando la I.A. viene chiamata in causa per decidere quali persone assumere, tirando  in ballo la possibile e progressiva erosione della facoltà di giudizio e di azione e delle stesse caratteristiche che ci rendono pienamente uomini.
Notizie
25/05/2020
Il nostro Paese sta attraversando uno dei momenti più drammatici, complessi e sconosciuti  della sua storia recente e meno recente. Siamo tutti Lombardi, Bergamaschi, Bresciani, Milanesi, Lodigiani, Cremonesi, Piacentini solo per citare la regione e alcune delle provincie più colpite, ma ahimè potremmo andare avanti molto a lungo … E’ una battaglia, un impegno, una sofferenza, una tristezza che ci deve accomunare tutti, nessuno escluso. 

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!