Pagamenti elettronici, Soro: ‘Rischio schedatura elettronica’. DEF, il Governo studia bonus in due fasce

di Paolo Anastasio

Il Garante Privacy mette in guardia sul pericolo per i contribuenti dall’uso fiscale del Pos e si scaglia contro fake news: mai ostacolato lotta all’evasione.

l Garante Privacy Antonello Soro interviene nel dibattito in corso sul DEF relativo all’introduzione di incentivi fiscali per promuovere i pagamenti elettronici. La maggioranza ne sta discutendo e sta cercando il modo di trovare 7 miliardi di coperture dalla lotta all’evasione fiscale. L’ipotesi è quella di incentivare l’utilizzo di carte e Pos in maniera massiccia. Ma il rischio di “schedatura elettronica” c’è e per questo vanno presi dei provvedimenti preventivi se si vuole procedere. Lo ha detto Antonello Soro, presidente del Garante per la protezione dei dati personali in un’intervista a Italia Oggi.

Rischio schedatura

Per i pagamenti tracciabili c’è il rischio di una schedatura a tutto campo dei consumi. Nella scrittura delle norme va posta attenzione alla qualità del dato per l’identikit del rischio evasione. C’è poi da compiere da parte della pubblica amministrazione un cambio di passo nella gestione del rischio informatico dei dati per evitare nuovi accessi alle banche dati fiscali come accadde per lo spesometro, quando milioni di informazioni sensibili furono in balia di tutti. Antonello Soro spiega a ItaliaOggi quali sono le garanzie da porre in essere per i contribuenti e a chi accusa che troppa privacy limita la lotta all’evasione ribatte: “I paletti posti dal garante attengono essenzialmente a misure di sicurezza per impedire accessi abusivi e accorgimenti per assicurare qualità ed esattezza dei dati, rendendo così affidabili i criteri sulla cui base stilare il profilo di rischio di evasione”.

Minimizzare i rischi

Il Garante aggiunge che va posta grande attenzione alla minimizzazione del rischio di attacchi informatici al prezioso patrimonio informativo dell’Agenzia delle Entrate per “garantire la buona riuscita degli accertamenti attraverso l’esattezza dei dati (e quindi l’affidabilità della profilazione) sui quali essi si basano”.

Ma in concreto quali sono i rischi contenuti nel DEF in materia di tracciabilità dei pagamenti? Il Garante individua tre aspetti che vanno garantiti: la confidenzialità dei flussi informativi e la sicurezza dei canali; la proporzionalità dei trattamenti dei dati personali raccolti e gestiti, anche per impedire una profilazione dei consumi.

Garante contro fake news: mai ostacolato lotta all’evasione

Intanto, in una nota il Garante Privacy sottolinea che “non ha mai ostacolato la lotta all’evasione fiscale. E quella che si legge da giorni su diverse testate non è altro che un’intollerabile fake news”.

“Quest’idea del tutto falsa – che ­ si rincorre, da un notista all’altro – è frutto di palese ignoranza dei provvedimenti adottati dal Garante, i quali hanno invece assicurato un contributo determinante per migliorare l’efficacia delle verifiche fiscali”.

Sin dal novembre 2012, infatti, l’Autorità ha autorizzato le comunicazioni degli operatori finanziari all’Archivio dei rapporti finanziari, secondo le modalità proposte dall’Agenzia delle entrate. Sono state prescritte le misure per proteggere il patrimonio informativo dell’Agenzia da rischi di dispersioni, attacchi informatici, manipolazioni. Il Garante ha inoltre indicato le modalità per realizzare la profilazione del rischio fiscale individuale – prevista peraltro dalla legge – su criteri di calcolo affidabili, in modo tale che si potessero selezionare effettivamente potenziali evasori e non invece soggetti in piena regola con gli obblighi fiscali.

Tutt’altro che ostacolare, dunque. Il Garante Privacy ha semmai supportato la lotta all’evasione fiscale: basterebbe documentarsi”.

Il Governo studia bonus in due fasce

Sul fronte degli incentivi ai pagamenti con carta, il Governo sta studiando alcune ipotesi per abbassare le commissioni di esercenti e consumatori per incentivare l’utilizzo di carte di debito e di credito. Secondo il Sole 24 Ore, l’Antitrust sarà chiamata ad esprimere un parere preventivo sulle ipotesi di incentivo che dovrebbero riguardare la prima fascia dei micropagamenti fino a 5 euro e la seconda fascia dei pagamenti fra 5 euro e 24,99 euro.

Il viceministro all’Economia, Laura Castelli, ha confermato in una intervista a Radio Anch’io: “Stiamo studiando il meccanismo. Ci sono diverse misure. Quello che bisogna cambiare è l’esperienza del consumatore che deve scegliere come fare: se pagare con carta o con i contanti”.

Fra le ipotesi in campo anche la carta unica di identità e pagamento, molto simile alla card del reddito di cittadinanza, per chi non ha un conto corrente bancario e vuole usufruire del rimborso mensile previsto per l’uso dei pagamenti elettronici. Ma tutto è ancora da studiare.

Fonte: Key4biz.it del 03/10/2019

Archivio

Al via la “Call for professor” d’intesa con le università

L’Associazione Italian Digital Revolution – AIDR, in collaborazione con alcune università italiane, si è candidata come “Digital Knowledge Provider” nell’ambito di seminari, corsi di formazione e master universitari.L’obiettivo della “Call For Professor”, in linea con la missione associativa, è quello di porre i riflettori sull’innovazione, attraverso la diffusione della cultura digitale mettendo a disposizione delle Università italiane contenuti e docenti da inserire all’interno dei propri percorsi formativi.

Privacy, tavola rotonda Aidr su controlli e sanzioni Garante  

Milano, 22 gennaio – Trascorso il periodo transitorio che tutti gli Stati europei hanno osservato per consentire alle imprese di adeguarsi al nuovo sistema legato al GDPR, entrato in vigore da maggio 2018, sono iniziate le verifiche e i controlli nonché l’irrogazione delle sanzioni amministrative. Da una prima analisi è possibile constatare come il Garante privacy italiano stia tenendo un approccio ragionevole e ponderato in merito alle sanzioni per il mancato rispetto del GDPR, e ciò, in modo conforme a quanto dispone il regolamento stesso, secondo cui le sanzioni devono essere “effettive, proporzionate e dissuasive”.

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
18/02/2020
Avete presente il mito della Fata Morgana, quello da cui prende nome il fenomeno fisico visibile da Reggio Calabria? Si tratta di una specie di miraggio, che ingrandisce Messina e la proietta talmente vicina alla Calabria da illudere i calabre In un leggendario mese d’agosto, un re barbaro arrivò a Reggio per conquistare la Sicilia. Morgana, per proteggere il fratello, fece apparire la Sicilia talmente vicina alla Calabria che il re si illuse di poterla raggiungere a nuoto. Mentre nuotava, però, l’incantesimo si interruppe e il re barbaro morì affogato.
Notizie
17/02/2020
Roma 17 febbraio - L’Associazione Italian Digital Revolution (AIDR), in collaborazione con alcune università italiane, si è candidata come ‘Digital Knowledge Provider’ nell’ambito di seminari, corsi di formazione e master universitari. L’obiettivo della “Call for professor”, in linea con la missione associativa, è quello di porre i riflettori sull’innovazione, attraverso la diffusione della cultura digitale mettendo a disposizione delle università italiane contenuti e docenti da inserire all’interno dei propri percorsi formativi.
Notizie
14/02/2020
Se il concetto di “industria culturale” è stato generalmente utilizzato con un’accezione negativa, oggi il paragone tra il settore della cultura e quello industriale offre nuovi spunti e nuove prospettive, soprattutto quando si parla di innovazione. Così come il settore industriale si sta aprendo alla rivoluzione digitale attraverso la cosiddetta “Industria 4.0”, anche il mondo della cultura può e deve guardare agli strumenti digitali come a un’occasione per migliorare un’offerta che si innesta su un terreno già fertile.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!