Comunicazione nella PA: l’Antitrust accoglie l’esposto di Ferpi

di Rita Palumbo

Il Garante della Concorrenza e del Mercato ha preso una decisa posizione sulle attività di informazione e comunicazione nella Pubblica Amministrazione, evidenziando come gli incarichi professionali per i ruoli di comunicazione debbano essere affidati senza esclusive a favore dei giornalisti iscritti all’Albo. Il commento del Segretario Generale Ferpi, Rita Palumbo.

Non è solo una segnalazione. Non è solo un parere legale. È una vera e propria vittoria per i professionisti della Comunicazione.

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha accolto l’esposto di FERPI ed ha deciso di segnalare al Presidente del Senato della Repubblica, al Presidente della Camera dei Deputati, al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro per la Pubblica Amministrazione e all’Associazione Nazionale Comuni Italiani che l’applicazione della legge 150/2000, nell’imporre il requisito dell’iscrizione all’albo dei giornalisti per le attività della Comunicazione determina “… conseguenze negative sull’efficienza dei meccanismi di selezione e sulla qualità delle caratteristiche dei servizi offerti alla pubblica amministrazione”.

Qualità, competenze, pari opportunità di accesso al mercato della Pubblica Amministrazione, inadeguata interpretazione della legge 150/2000. Sono queste le parole chiave che ci fanno brindare ad un traguardo senza precedenti, che rafforza la nostra convinzione di continuare ad impegnarci nella più ardua battaglia verso il riconoscimento, la certificazione e l’adeguamento economico delle professioni della Comunicazione.

Che cosa comporta in concreto la segnalazione dell’Antitrust? La Pubblica Amministrazione, locale e centrale, dovrà ben applicare i dettami della legge 150/2000, riservando ai giornalisti iscritti all’ordine solo quelle attività di specifica competenza giornalistica. E, al contempo, dovrà riservare le attività di Comunicazione e pubbliche relazioni ai professionisti del settore.

In termini economici significa che, ipotizzando per difetto che le opportunità offerte dalla PA in tutta Italia siano 1000 posizioni all’anno e che ogni posizione valga un compenso annuale di 25mila euro, il mercato della Comunicazione beneficerà di un aumento occupazionale significativo e di un valore economico pari a 25milioni di euro all’anno.

Era necessario e improrogabile passare dall’amara contestazione di non poter svolgere la nostra professione nella PA, alla decisione di cercare lo spazio istituzionale adeguato a spiegare le differenze tra due professioni – quella giornalistica e quella del comunicatore – che non sono in contrapposizione, ma che sono diverse negli obiettivi di scopo e nelle skills professionali.

Il significato intrinseco – politico ed associativo – dell’esito dell’esposto all’Antitrust significa che siamo riusciti a dimostrare che la nostra professione ha un valore di mercato e un’ identità professionale indispensabile allo sviluppo e alla crescita culturale del nostro Sistema Paese. Faremo sentire in modo continuo e costante la nostra voce ai tavoli istituzionale del Governo e continueremo a rafforzare la nostra dignità professionale impegnandoci in altre sfide: il confronto sulla previdenza, l’equo compenso, gli addendum contrattuali.

Il percorso è lungo e sicuramente insidioso, ma non impossibile, come è stato dimostrato.

Ringrazio l’Avvocato Fantigrossi che ci accompagna in quest’avventura, tutti i colleghi che hanno contribuito a raggiungere quest’obiettivo e in modo particolare Giovanni Landolfi, che con meticolosità e costanza ha dato il via alla riflessione lavorando con costanza per raggiungere l’obiettivo.


Fonte: https://bit.ly/2SZuBSD

Archivio

Al via la “Call for professor” d’intesa con le università

L’Associazione Italian Digital Revolution – AIDR, in collaborazione con alcune università italiane, si è candidata come “Digital Knowledge Provider” nell’ambito di seminari, corsi di formazione e master universitari.L’obiettivo della “Call For Professor”, in linea con la missione associativa, è quello di porre i riflettori sull’innovazione, attraverso la diffusione della cultura digitale mettendo a disposizione delle Università italiane contenuti e docenti da inserire all’interno dei propri percorsi formativi.

Privacy, tavola rotonda Aidr su controlli e sanzioni Garante  

Milano, 22 gennaio – Trascorso il periodo transitorio che tutti gli Stati europei hanno osservato per consentire alle imprese di adeguarsi al nuovo sistema legato al GDPR, entrato in vigore da maggio 2018, sono iniziate le verifiche e i controlli nonché l’irrogazione delle sanzioni amministrative. Da una prima analisi è possibile constatare come il Garante privacy italiano stia tenendo un approccio ragionevole e ponderato in merito alle sanzioni per il mancato rispetto del GDPR, e ciò, in modo conforme a quanto dispone il regolamento stesso, secondo cui le sanzioni devono essere “effettive, proporzionate e dissuasive”.

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
18/02/2020
Avete presente il mito della Fata Morgana, quello da cui prende nome il fenomeno fisico visibile da Reggio Calabria? Si tratta di una specie di miraggio, che ingrandisce Messina e la proietta talmente vicina alla Calabria da illudere i calabre In un leggendario mese d’agosto, un re barbaro arrivò a Reggio per conquistare la Sicilia. Morgana, per proteggere il fratello, fece apparire la Sicilia talmente vicina alla Calabria che il re si illuse di poterla raggiungere a nuoto. Mentre nuotava, però, l’incantesimo si interruppe e il re barbaro morì affogato.
Notizie
17/02/2020
Roma 17 febbraio - L’Associazione Italian Digital Revolution (AIDR), in collaborazione con alcune università italiane, si è candidata come ‘Digital Knowledge Provider’ nell’ambito di seminari, corsi di formazione e master universitari. L’obiettivo della “Call for professor”, in linea con la missione associativa, è quello di porre i riflettori sull’innovazione, attraverso la diffusione della cultura digitale mettendo a disposizione delle università italiane contenuti e docenti da inserire all’interno dei propri percorsi formativi.
Notizie
14/02/2020
Se il concetto di “industria culturale” è stato generalmente utilizzato con un’accezione negativa, oggi il paragone tra il settore della cultura e quello industriale offre nuovi spunti e nuove prospettive, soprattutto quando si parla di innovazione. Così come il settore industriale si sta aprendo alla rivoluzione digitale attraverso la cosiddetta “Industria 4.0”, anche il mondo della cultura può e deve guardare agli strumenti digitali come a un’occasione per migliorare un’offerta che si innesta su un terreno già fertile.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!