Nomina di Cavaliere della Repubblica per Mauro Nicastri: le congratulazioni dell’Aidr

Lunedì 16 dicembre presso il Teatro A. Rendano di Cosenza S.E. il Prefetto Dott.ssa Paola Galeone ha consegnato le onorificenze al Merito della Repubblica Italiana, conferite dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella a concittadini distintisi in modo significativo per il loro impegno professionale e sociale e resisi particolarmente benemeriti nei confronti della Repubblica. Tra gli insigniti anche Mauro Nicastri, dell’Agenzia per l’Italia Digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri e presidente Aidr.
“Esprimo da parte di tutta l’Aidr le più vive felicitazioni per la prestigiosa onorificenza al merito della Repubblica Italiana per la quale è stato insignito Mauro Nicastri. Un riconoscimento che arriva per il suo forte impegno e per le significative esperienze maturate nell’ambito della trasformazione digitale del Paese – ha dichiarato Arturo Siniscalchi, direttore FormezPA e vice presidente Aidr”.
Mauro Rosario Nicastri è nato 47 anni fa a Falerna (CZ). Ha maturato significative esperienze nella c.d. Società dell’Informazione e nella pubblica amministrazione.
Una frazione importante del proprio iter professionale gli ha consentito di svolgere ruoli di primo piano in organismi pubblico/privato e successivamente nella pubblica amministrazione.
Responsabile dell’Ufficio competenze digitali dell’Agenzia per l’Italia Digitale e Consigliere per la Trasformazione Digitale della Pubblica Amministrazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri; è stato, dal 2001 al 2009, IT Manager del Consorzio Asmez (www.asmez.it), che associa oltre 2700 Enti in tutta Italia, per la gestione ed il coordinamento dei progetti nell’ambito dei fondi regionali, nazionali ed europei degli enti aderenti accompagnando i comuni a partecipare da protagonisti alla realizzazione della prima e seconda fase del Piano Nazionale di e-Government. Ha ricoperto il ruolo di responsabile dell’area amministrazione, controllo di gestione, programmazione e pianificazione, trasparenza e prevenzione dell’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID) della Presidenza del Consiglio dei Ministri ed ha preso parte, tra l’altro, alla stesura dei piani nazionali per la “Banda Ultra Larga”, per la “Crescita Digitale” e il “Piano Triennale per l’informatica nella Pubblica Amministrazione” che definiscono gli obiettivi di crescita indicati dell’Unione Europea per favorire l’innovazione, il progresso e la crescita economica facendo leva sul potenziale delle tecnologie ICT e facilitare lo sviluppo del mercato unico digitale.
Dal 2010 al 2011 è stato funzionario del Garante per la protezione dei dati personali (www.garanteprivacy.it).
Dal 2016 è presidente di Italian Digital Revolution – AIDR (www.aidr.it), associazione senza fini di lucro nata con lo scopo di stimolare e veicolare riflessioni di esperti sia nel settore pubblico, sia nel settore privato per sensibilizzare cittadini e imprese ad utilizzare il digitale come leva di trasformazione economica e sociale. L’Associazione si avvale dell’esperienza di imprenditori, università, associazioni, fondazioni, organi di stampa, liberi professionisti, docenti e ricercatori universitari, avvocati, medici, funzionari pubblici, etc…e cultori del settore delle tecnologie digitali. Le diverse competenze interne gli consentono di svolgere un ruolo di primo piano nel promuovere gli effetti della trasformazione digitale.
Autore di numerosi articoli in tema di e-government e innovazione, insegna in diverse università nell’ambito dei programmi dall’Agenda Digitale Europea, dell’Agenda Digitale Italiana e del Codice dell’Amministrazione Digitale.

Archivio

Privacy, tavola rotonda Aidr su controlli e sanzioni Garante  

Milano, 22 gennaio – Trascorso il periodo transitorio che tutti gli Stati europei hanno osservato per consentire alle imprese di adeguarsi al nuovo sistema legato al GDPR, entrato in vigore da maggio 2018, sono iniziate le verifiche e i controlli nonché l’irrogazione delle sanzioni amministrative. Da una prima analisi è possibile constatare come il Garante privacy italiano stia tenendo un approccio ragionevole e ponderato in merito alle sanzioni per il mancato rispetto del GDPR, e ciò, in modo conforme a quanto dispone il regolamento stesso, secondo cui le sanzioni devono essere “effettive, proporzionate e dissuasive”.

La protezione dei dati personali in Italia

Roma, 20 gennaio – Verrà presentata mercoledì 22 gennaio, alle ore 10.30 (Hotel Fifty House Soho di Milano), nel corso di una tavola rotonda con aziende organizzata dall’Associazione italian digital revolution (Aidr), “La protezione dei dati personali in Italia” (Regolamento UE n. 2016/679 e d.lgs. 10 agosto 2018, n. 101), opera della prof.ssa Giusella Finocchiaro, avvocato, ordinario di diritto privato e diritto di internet presso l’Università di Bologna.

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Eventi
22/01/2020
Milano, 22 gennaio – Trascorso il periodo transitorio che tutti gli Stati europei hanno osservato per consentire alle imprese di adeguarsi al nuovo sistema legato al GDPR, entrato in vigore da maggio 2018, sono iniziate le verifiche e i controlli nonché l’irrogazione delle sanzioni amministrative. Da una prima analisi è possibile constatare come il Garante privacy italiano stia tenendo un approccio ragionevole e ponderato in merito alle sanzioni per il mancato rispetto del GDPR, e ciò, in modo conforme a quanto dispone il regolamento stesso, secondo cui le sanzioni devono essere “effettive, proporzionate e dissuasive”.
Notizie
21/01/2020
l Garante privacy ha sanzionato Eni Gas e Luce con una multa che complessivamente arriva a 11,5 milioni di euro per due distinte violazioni: il trattamento illecito di dati personali nell’ambito di attività di telemarketing e l’attivazione di contratti non richiesti dagli utenti.Gli accertamenti sono stati effettuati dall’Autorità a seguito di segnalazioni ricevute dopo il 25 maggio 2018, data in cui il Regolamento Europeo 2016/679, noto con l’acronimo di GDPR, è divenuto pienamente esecutivo.
Eventi
19/01/2020
Roma, 20 gennaio - Verrà presentata mercoledì 22 gennaio, alle ore 10.30 (Hotel Fifty House Soho di Milano), nel corso di una tavola rotonda con aziende organizzata dall’Associazione italian digital revolution (Aidr), “La protezione dei dati personali in Italia” (Regolamento UE n. 2016/679 e d.lgs. 10 agosto 2018, n. 101), opera della prof.ssa Giusella Finocchiaro, avvocato, ordinario di diritto privato e diritto di internet presso l’Università di Bologna.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!