Seleziona una pagina

Nasce il servizio civile digitale, mille giovani aiuteranno chi non sa usare Spid e servizi online

Firmato oggi il protocollo tra la ministra Pisano e il ministro Spadafora. Sperimentazione per un anno dei “facilitatori digitali”, Il bando sarà pubblicato sull’Albo del Servizio civile universale all’inizio del nuovo anno

Per aiutare gli italiani nell’alfabetizzazione informatica arrivano ora i volontari del servizio civile digitale. La ministra per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione, Paola Pisano, e il ministro per le Politiche giovanili e lo sport, Vincenzo Spadafora, hanno infatti firmato oggi il protocollo d’intesa per avviare la sperimentazione e impiegare almeno 1000 operatori volontari nel ruolo di “facilitatori digitali”. I giovani, dopo un periodo di formazione, saranno impegnati sul territorio, nei quartieri, nelle comunità locali e negli spazi pubblici organizzati per accogliere e guidare coloro che hanno bisogno di aiuto nell’utilizzo delle tecnologie. Si tratterà insomma di un servizio civile da parte di persone che già hanno competenze digitali, per trasferirle a cittadini di tutte le età.

Il ritardo italiano nell’alfabetizzazione digitale

Quanto sia utile un sostegno del genere lo mostrano i dati Istat sulle competenze digitali di base. L’uso capillare di smartphone e social non si traduce infatti in un utilizzo consapevole degli strumenti tecnologici: il 42% della popolazione tra 16 e 74 anni ha competenze digitali almeno di base, il 58% non ha competenze digitali. Sono inoltre 26 milioni i cittadini tra 16 e 74 anni senza competenze digitali almeno di base, un dato che ci vede in forte ritardo sulla media europea del 42%. Ancora, in questo 58% rientrano 11 milioni di persone che non utilizzano Internet e 15 milioni sono gli utenti Internet che non hanno competenze di base. Di fatto, molti italiani navigano nel mare di internet senza bussola e spesso aggrappati a un tronco in mezzo alla tempesta.

Il bando per diventare “facilitatori digitali”

Nella nota diramata dal ministero si legge che l’iniziativa del servizio civile digitale “punta ad accrescere le capacità e le competenze digitali dei cittadini e favorire l’uso dei servizi pubblici digitali per promuovere il pieno godimento dei diritti di cittadinanza, per diffondere un approccio consapevole alla realtà digitale e per agevolare la collaborazione tra Pubblica amministrazione, enti e cittadini”. L’avviso pubblico per la presentazione di programmi di intervento e progetti per il Servizio civile digitale sarà rivolto agli enti accreditati presso l’Albo del Servizio civile universale e pubblicato all’inizio del nuovo anno sul sito del Dipartimento per le politiche giovanili e il servizio civile universale.

Il protocollo sul Servizio civile digitale, spiega ancora la nota, rientra nelle finalità del programma ‘Repubblica digitale’ promosso dalla ministra Pisano per contrastare il divario digitale, anche di natura culturale, e risponde pienamente all’obiettivo principale del Servizio civile sostenuto dal ministro Spadafora di investire sui giovani, sulla loro formazione e sul loro ruolo di cittadini attivi. L’introduzione dell’identità digitale, la necessità e la comodità di usare i servizi online della pubblica amministrazione  (un esempio è la corsa all’assegnazione dello Spid per il “cashback”) rendono non procrastinabile un piano per l’alfabetizzazione digitale, oppure una vasta fetta della popolazione resterà indietro.

Pisano e Spadafora: “Compito dello Stato non lasciare nessuno indietro nell’alfabetizzazione informatica”

“Le ragazze e i ragazzi del Servizio civile digitale – ha affermato la ministra Pisano – saranno impegnati nell’aiutare i cittadini, a partire dalle persone anziane e da coloro che hanno meno confidenza con le tecnologie, ad ottenere e utilizzare i nuovi servizi digitali della Pubblica amministrazione come il Sistema pubblico di identità digitale (Spid) oppure l’app “Io” per accedere ai servizi pubblici da cellulare. È soprattutto compito dello Stato fare in modo che nessun cittadino sia lasciato indietro, in particolare chi ha più difficoltà nell’uso di nuovi servizi digitali”.

Il ministro Spadafora ha spiegato che “durante il lockdown migliaia di ragazze e ragazzi hanno messo a disposizione le loro competenze tecnologiche per aiutare i loro familiari e amici a restare connessi, nonostante le distanze imposte dalla pandemia, e a usufruire dei servizi digitali di Enti, Istituzioni, uffici, associazioni. È stata una risposta spontanea che ha consentito in breve tempo un salto digitale a moltissimi cittadini meno abituati a utilizzare le nuove tecnologie. È una spinta che non dobbiamo perdere. Il protocollo firmato oggi consentirà un primo esperimento nel 2021 del Servizio civile digitale, che potrà essere valorizzato al meglio nel prossimo futuro anche grazie al piano Next Generation EU”.

Fonte La Repubblica 28/12/20

 

Archivio

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
26/05/2022
Il sito del Senato, del ministero della Difesa, il portale dell’Istituto superiore di Sanità, quello dello scalo aeroportuale di Orio al Serio a Bergamo, Genova e Rimini. Sono oltre 50 i siti colpiti negli ultimi giorni dall’attacco informatico lanciato dagli hacker filo-russi Killnet. Un’offensiva senza precedenti che ha fatto alzare il livello di guardia nel nostro Paese, tanto che lo stesso Sottosegretario Franco Gabrielli ha detto: “Dobbiamo prepararci per l’escalation”.
Notizie
24/05/2022
La digitalizzazione della pubblica amministrazione tra nuove competenze e opportunità ai cittadini, e il ruolo del PNRR. Questi i temi dell’evento promosso da IGF ITALIA in collaborazione con INPS il prossimo 30 maggio a Roma a Palazzo Wedekind. Il seminario sarà fruibile anche in streaming registrandosi a questo link (https://www.igf-italia.org/evento/pa-digitale-pnrr). “Si tratta – sottolinea in una nota l’associazione Aidr – di un evento di straordinaria rilevanza per la portata dei contenuti, che arriva in un momento importante nel processo di digitalizzazione della pubblica amministrazione.
Notizie
19/05/2022
Una tutela maggiore, affinché ogni bambino sia protetto, autorizzato e rispettato online. Questo il principio con il quale la Commissione ha adottato una nuova strategia europea per un Internet migliore per i bambini (BIK+). “Si tratta sottolinea in una nota l’associazione Aidr – di una visione importante nel quadro delle azioni della Commissione Europea a supporto dei diritti dell’infanzia, che amplia il quadro delle tutele già tracciato nella prima strategia europea per un Internet migliore per i bambini (BIK)”. “I dispositivi moderni – spiega la Commissione Europea - offrono opportunità e vantaggi, consentendo ai minori di interagire fra loro, apprendere online e divertirsi.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!