Seleziona una pagina

LIFELONG LEARNING: NELLA VITA C’È SEMPRE DA IMPARARE

di Sandro Zilli, Innovation Manager, Resp. Osservatorio AIDR Innovazione e Crescita Digitale

La capacità di apprendere è una pietra angolare della motivazione e della crescita umana. Sia che si tratti di argomenti di interesse personale, sia che si tratti di temi utili allo sviluppo professionale, la curiosità e l’apprendimento possono portare ad una vita più appagante e multidimensionale. Inoltre, numerose ricerche dimostrano che una mente attiva e indagatrice aiuta a prevenire la perdita di memoria legata all’età ed il declino delle capacità cognitive.

Soprattutto negli ultimi anni di progresso tecnologico accelerato e di cambiamenti sempre più vistosi, la necessità di continuare ad apprendere anche dopo il percorso di studi tradizionali, ha dimostrato di ricoprire un ruolo fondamentale nella vita delle persone. L’apprendimento permanente e continuativo – lifelong learning – permette infatti, a chi lo mette in pratica, di rispondere in modo efficace ed effettivo ai nuovi bisogni, cambiamenti e sfide che si presentano durante la vita.

SCENARIO

 Siamo sulla soglia di importanti trasformazioni nel mondo del lavoro, ed è probabile che entro i prossimi 7 anni, i robot l’intelligenza artificiale diventeranno fondamentali nei processi industriali. Questo porterà ad una profonda trasformazione della natura stessa del lavoro, imponendo la gestione delle operation e della forza lavoro attraverso modalità totalmente nuove.  In un tale contesto è possibile che a rimetterci saranno tutti quei lavori in cui l’automazione risulterà essere più efficiente. Nasceranno quindi professioni nuove ma, considerando che per oltre la metà degli impiegati attuali cambieranno anche le mansioni, è necessario puntare più che mai alla riqualificazione poiché verosimilmente le competenze attuali potrebbero risultare insufficienti. Interessante, come riporta un recente studio di McKinsey, è considerare la previsione di scenario che entro il 2055 la metà dei lavori saranno automatizzati. In Italia quasi il 60% delle mansioni aziendali potrebbero quindi venire svolte da macchine e non più dall’uomo.

Ad essere interessati da questo processo saranno 11 milioni di lavoratori. In un futuro non troppo lontano, in sostanza, i lavoratori dovranno fare i conti con nuove skills. Ci saranno sempre alcune figure come il machine learning engineer, il data scientist o lo sviluppatore Big Data, che continueranno ad essere richiesti anche tra molti anni ma in generale, per far fronte ai cambiamenti della rivoluzione digitale, sarà necessario essere in grado di crearsi una presenza in rete molto forte caratterizzata da skills tecniche e valorizzata attraverso il personal branding. Secondo il World Economic Forum entro il 2022 le innovazioni tecnologiche ed i progressi in campo informatico porteranno alla creazione di 133 milioni di nuovi posti di lavoro. Con l’avanzare di questa rivoluzione tecnologica che vedrà il combinarsi del lavoro umano con quelle delle macchine sarà necessario porre l’accento sul re-skilling: la formazione e le competenze messe in campo fino ad oggi dovranno essere riviste ed implementate in funzione di nuovi modelli e processi di business. Sulla base di quanto detto è evidente che i profili lavorativi maggiormente richiesti saranno quelli che includeranno competenze tecnologiche e digitali e, per tale motivo, alla classica preparazione universitaria sarà fattore imprescindibile l’affiancamento di programmi post-universitari di specializzazione.

"Io sto ancora imparando"

“Io sto ancora imparando”

Michelangelo Buonarroti, protagonista del Rinascimento italiano ha pronunciato queste parole all’età di 87 anni dopo aver dato vita a creazioni uniche e straordinarie.
L’artista insegna ancora oggi che non ci si può mai considerare arrivati perché
nella vita c’è sempre da imparare.

IL MODELLO DEL LIFELONG LEARNING

 Il susseguirsi di cambiamenti economici, tecnologici e sociali degli ultimi anni ha portato alla luce la necessità comune di tenersi costantemente aggiornati, e la tendenza per il futuro sembra assestarsi sul modello di lifelong learning dove l’aggiornamento delle competenze sarà fattore determinante nell’eccellere in una determinata professione. A differenza dell’apprendimento tradizionale, con il Lifelong learning, l’individuo è responsabile di tutto ciò che apprende, del modo in cui lo apprende e del contesto in cui sceglie di realizzare il proprio sapere. Questa pratica dunque si riferisce al processo di acquisizione di conoscenze e di apprendimento di nuove competenze nel corso della vita. Molte persone continuano la loro formazione per lo sviluppo e la realizzazione personale, mentre altri la vedono come un passo significativo verso l’avanzamento di carriera. Il Lifelong learning è dunque fondamentale per ampliare ulteriormente le nostre competenze e set di abilità, in risposta ad un ambiente in continua evoluzione ed a nuovi modelli di sviluppo che vedono il continuo cambiamento delle esigenze dei clienti.

L’apprendimento continuo si può esprimere in tante forme, non solo nel frequentare corsi, visitare eventi di settore, leggere libri, blog e articoli ma anche nelle attività e pratiche che un professionista svolge quotidianamente per continuare ad accrescere le proprie conoscenze e che si traducono poi nella creazione di nuove opportunità di lavoro e nel consolidamento delle proprie competenze, un po’ quello che accadeva nelle botteghe rinascimentali.

Personalmente ho abbracciato già da tempo, e con molta soddisfazione, la cultura “dell’investire in sé stessi” e, quando posso, cerco sempre d’incoraggiare i miei clienti e le persone con cui mi relaziono a perseguirla. Forse non tutti i tentativi portano subito ad un risultato concreto, ma alla fine del percorso ci scopriremo sicuramente più ricchi, con più fiducia in noi stessi e più consapevoli delle nostre potenzialità per affrontare un futuro che vede il cambiamento come una costante nella vita.

Archivio

“Blockchain per tutti”, arriva il primo e-book di Aidr

Da oggi disponibile su sito associazione e su principali store on-line Si inaugura la collana editoriale dedicata anche ai non addetti ai lavori, con l’obiettivo di far scoprire le tecnologie e il...

Al via la “Call for professor” d’intesa con le università

L’Associazione Italian Digital Revolution – AIDR, in collaborazione con alcune università italiane, si è candidata come “Digital Knowledge Provider” nell’ambito di seminari, corsi di formazione e master universitari.L’obiettivo della “Call For Professor”, in linea con la missione associativa, è quello di porre i riflettori sull’innovazione, attraverso la diffusione della cultura digitale mettendo a disposizione delle Università italiane contenuti e docenti da inserire all’interno dei propri percorsi formativi.

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
06/08/2020
L’Associazione Italian Digital Revolution - AIDR - e la testata giornalistica online PRP Channel hanno dato il via ad un accordo di collaborazione per promuovere e diffondere la cultura digitale in Italia.  AIDR nasce con l’obiettivo di diffondere i contenuti presenti nel programma dell'Agenda Digitale Europea e dell’Agenda Digitale Italiana e qualsiasi altra iniziativa utile a promuovere e diffondere la cultura digitale in Italia. L’AIDR intende quindi promuovere iniziative e sensibilizzare i decisori politici e leIstituzioni sulla “digital revolution” e la conseguente ridefinizione della vita dei cittadini in un mondo sempre più interconnesso.
Notizie
05/08/2020
di Alessandro Capezzuoli, funzionario ISTAT e responsabile osservatorio dati professioni e competenze Aidr. Parafrasando Thomas Edison, si potrebbe dire che i discorsi sulla trasformazione digitale contengono il 99 per cento di fuffa e l’1 per cento di contenutiParafrasando Thomas Edison, si potrebbe dire che i discorsi sulla trasformazione digitale contengono il 99 per cento di fuffa e l’1 per cento di contenuti. La parola fuffa deriva probabilmente dal sostantivo maschile “fuffigno”, usato in Toscana per indicare l’ingarbugliamento dei fili di una matassa. Questa immagine è molto rappresentativa e sintetizza alla perfezione il contenuto di questo articolo, che ha la presunzione di fare chiarezza rispetto al racconto fuffigno della trasformazione digitale.
Notizie
04/08/2020
di Vittorio Zenardi Direttore Aidr Web TV, Sito e Social Media. Oggi è in atto nel mondo energia una transizione energetica che punta a privilegiare soluzioni sostenibili. Come la digitalizzazione può contribuire a ciò è l’argomento dell’Intervista al Dr. Gennaro Niglio Direttore Sviluppo e Innovazione GSE e al Prof. Vincenzo Loia Rettore dell’Università di Salerno. Modera Ing. Gianfranco Ossino Responsabile Osservatorio digitalizzazione dell’Ambiente e dell’Energia AIDR.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!