Seleziona una pagina

Il giornalismo nell’era digitale

Il  ruolo centrale del giornalismo – e del giornalista – nell’era digitale è certamente cambiato.  Diverso è il pubblico, diverso il linguaggio e le piattaforme di reperimento e consultazione delle informazioni. Oggi la maggior parte delle persone vengono a conoscenza di breaking news tramite i social network che consultano come fonte primaria di notizie quasi quanto i giornali.

Questo anche perché gran parte dei servizi offerti dai giornali tradizionali ai propri lettori si possano considerare oggi, in sostanza, come assolti da strumenti ‘esterni’ al corpo giornalistico ma comunque concorrenziali, e nella maggior parte dei casi gratuiti.Il lettore può per esempio  consultare recensioni cinematografiche su Netflix o su IMDB, leggere commenti su un romanzo direttamente da Amazon senza consultazione di testate specialistiche per non parlare di Facebook, Twitter e YouTube.

Nuove abitudini per vecchie necessità, che però non possono sostituire  il ruolo insindacabile del giornalismo come dispensatore di contenuti inediti e autorevoli. Questi nuovi servizi che ci mettono a disposizione le nuove tecnologie non possono infatti replicare la qualità che si può trovare in una testata giornalistica che ha alla base dei suoi contenuti e del suo lavoro la veridicità e l’attendibilità delle fonti che sono verificate scrupolosamente.

Mentre le news organization guardano principalmente ai numeri come pageview e simili per convertirli in denaro, si dovrebbero invece approntare metriche per misurare il vero valore di una notizia. Questo rappresenterebbe un novità interessante, si tratterebbe in pratica di applicare il modello quantitativo delle pagine viste e dei visitatori unici, alle reazioni provocate dalla pubblicazione degli articoli. I numeri verrebbero poi comparati in base temporale in modo che ogni redazione potrebbe avere un database integrato in grado di connettere ogni articolo ad indicatori sia qualitativi che quantitativi.

L’era digitale ha aperto la strada a una nuova modalità di fruire e condividere le notizie basata sulla conversazione tra giornalista e lettore dove lo scambio ha il carattere dell’immediatezza. In rete i contenuti abbondano, ma spesso il flusso “forzato” e incessante di notizie fa perdere la qualità.

In questo contesto liquido, la produzione e la ricerca di notizie si sono fuse in un flusso unico che nasce e sfocia nel web, dove chiunque può creare e condividere contenuti. La notizia da prodotto preconfezionato diventa un processo in evoluzione grazie ai contributi dei lettori. Oggi il giornalista deve non solo reperire notizie originali e attendibili ma deve saper selezionare e rielaborare adeguatamente informazioni già presenti in rete.

Per far questo deve affiancare alle classiche competenze del giornalismo tradizionale anche skill digitali che vanno dall’attività SEO (Search Engine Optimization), SEM (Search Engine Marketing) e di Social Media marketing alla conoscenza delle dinamiche della SERP (Search Engine Results Page). Inoltre è fondamentale saper rielaborare immagini con programmi come Photoshop e all’occorrenza anche video con l’utilizzo di software come Première.

La figura che ne esce è un professionista multitasking con un insieme di conoscenze trasversali, indispensabili per poter sfruttare appieno le opportunità di un nuovo umanesimo digitale.

di Vittorio Zenardi, Giornalista e Direttore Aidr Web Tv, Sito e Social Media 

Archivio

SUPERBONUS 110%: siglato accordo tra Aidr e il portale RILANCIO ITALIA 2020 per ottenere il credito d’imposta

Un accordo di collaborazione è stato siglato tra l’associazione Italian Digital Revolution – AIDR e la Rete d’Imprese RILANCIO ITALIA 2020. L’intesa intende promuovere la piattaforma digitale di RILANCIO ITALIA 2020 (http://www.rilancioitalia2020.it/), Rete d’Imprese che è impegnata, nell’ambito del superbonus 110%, nella promozione, vendita e veicolazione dei servizi connessi e realizzati allo scopo.

“Blockchain per tutti”, arriva il primo e-book di Aidr

Da oggi disponibile su sito associazione e su principali store on-line Si inaugura la collana editoriale dedicata anche ai non addetti ai lavori, con l’obiettivo di far scoprire le tecnologie e il...

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
20/10/2020
Troppe parole sul Recovery Fund, o meglio Next generation EU, troppi sui media che ripetono all’infinito “ora che abbiamo questi 209 miliardi” ”ora che ci sono questi soldi”…”ora che è arrivato il recovery fund” etc etc. E’ necessario fare chiarezza innanzitutto sulla tempistica dei trasferimenti, (sulla concretezza dell’erogazione credo che, a prescindere dai mal di pancia dei cosiddetti Paesi “frugali”, essi verranno deliberati.), l’Italia dunque nel 2021 utilizzerà 25 miliardi del programma Next generation Eu nel 2021 (11 di prestiti dal Recovery fund, 10 di sovvenzioni più altri 4 di finanziamenti per la coesione (React Eu), nel 2022 le risorse che l’Italia richiederà all’Europa saliranno a 37,5 miliardi, nel 2023 ci sarà un picco fino a 41 miliardi, per poi ritornare a 39,4 miliardi nel 2024, 30,6 nel 2025 e 27,5 nel 2026.
Notizie
08/10/2020
di Michele Leone, Digital Media Specialist e socio Aidr. PTA ovvero "Poli territoriali avanzati". Sarà un concentrato di tecnologia racchiusa in strutture decentrate e Data driven, con area specifiche per concorsi pubblici, con spazi di co-working e con uffici per videoconferenze e lavoro agile per la “nuova” Pubblica Amministrazione.
Notizie
07/10/2020
AIDR ha deciso di dotarsi di un Osservatorio sull’applicazione del digitale e delle nuove tecnologie al mondo agroalimentare ed agroindustriale. Il suo scopo è quello di studiare, stimolare e promuovere l’applicazione delle tecnologie digitali alla filiera agroalimentare, mediante approfondimenti, articoli, rapporti, contributi ed il concorso di svariate competenze, tecniche, giuridiche ed economiche.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!