Seleziona una pagina

Identità digitale in Costituzione, Cloud nazionale, sostegno per Tlc e piano antenna per 5G. La proposta di legge della Lega

di Luigi Garofalo 

Alessandro Morelli, presidente Commissione Tlc, e Massimiliano Capitanio e Igor Iezzi hanno presenteranno, a Montecitorio, il pacchetto di proposte di legge della Lega sulle nuove frontiere del digitale e delle telecomunicazioni. 

Il diritto all’identità digitale da introdurre nella Costituzione italiana, la nascita del cloud nazionale per i dati della pubblica amministrazione – che può essere gestito da una nuova Autorità regolatoria -, sostegno e sicurezza per le telecomunicazioni per diffondere maggiormente le reti ultraveloci e la designazione di un ‘mister antenna’ per l’installazione delle antenne 5G. Ecco le 4 misure per l’Italia digitale inserire dalla Lega in una proposta di legge “da calendarizzare la prossima settimana”, presentata questo pomeriggio nella sala stampa di Montecitorio da Alessandro Morelli, presidente Commissione Tlc, e Massimiliano Capitanio e Igor Iezzi.

Il diritto all’identità digitale nella Costituzione italiana

Con questa proposta di legge intendiamo apportare un’integrazione all’articolo 22 della Costituzione, con l’obiettivo di aggiungere un comma nel quale si precisa che la Repubblica tutela con norme di legge il diritto all’identità, anche digitale, di ogni individuo”, ha spiegato Iezzi, componente della Commissione Affari Costituzionali.“Questo rappresenta una novità in ambito europeo e, allo stesso tempo, un enorme passo avanti per il nostro Paese, perché richiamiamo in Costituzione la tutela dell’identità digitale e dei dati del singolo come diritto”, ha concluso Iezzi.

Cloud nazionale dei dati della Pa, che può essere gestito da una nuova Autorità

“Vogliamo istituire un Cloud nazionale, che sia una vera e propria cassaforte per i dati dei cittadini, raccolti dagli enti pubblici”, ha dichiarato Alessandro Morelli, che ha aggiunto: “una fort knox messa a disposizione delle istituzioni, locali e nazionali, che spesso non sono in grado di fare massa critica per la realizzazione di cloud locali, o non riescono ad avere le competenze per la valorizzazione dei dati raccolti”.

Un cloud nazionale dei dati della Pa gestito da chi? “Potrebbe essere affidata una nuova Autorità regolatoria il compito di gestire il cloud nazionale dei dati della Pa, su cui lo Stato potrà anche eseguire l’attività di data analysis”, ha detto Morelli.

Sostegno e sicurezza per le Telecomunicazioni

L’Italia non è un Paese digitale, rincorre questo sogno, che vogliamo contribuire a realizzare con questa proposta di legge”, ha affermato Massimiliano Capitanio nel presentare le misure per le tlc e la diffusione della banda ultralarga e delle reti 5G.

La propsta di legge intende modificare la disciplina dei contributi dovuti dalle imprese delle Tlc per i collegamenti fissi bidirezionali.

Introduciamo anche“, ha aggiunto Capitanio, “misure per facilitare i procedimenti amministrativi per l’installazione di reti ad alta velocità. In particolare, si propone di modificare la legislazione vigente in materia ambientale, edilizia e paesaggistica in modo da prevedere dei tempi più rapidi per il rilascio delle necessarie autorizzazioni all’installazione delle reti ultraveloci”.

Abbiamo introdotto in questa proposta anche delle modifiche alla disciplina sulla web tax per destinare una parte dei proventi in investimenti nell’infrastruttura fisica. Includiamo nel provvedimento delle misure per contrastare la pirateria cinematografica o audiovisiva, come aumentare le pene per il camcording e mettere fine alla pirateria sugli eventi sportivi”, ha concluso Capitanio.

“Piano antenne” per la rete in 5G

Vogliamo fare in modo che in ciascuna città metropolitana vi sia un soggetto, un ‘mister antenna’, che fa una mappatura dei punti all’interno del territorio in cui installare i ripetitori 5G”, così Morelli ha presentato il “piano antenne per le reti 5G, “sfruttando l’infrastruttura verticale esistente (ad esempio pali di illuminazione pubblica o semafori)”. “Questo è un sistema virtuoso perché consente di ridurre al minimo il numero di ripetitori, evitando l’effetto giungla’”, diminuendo i costi di investimento per le telco, e può generare un’entrata per i Comuni, attraverso il canone che gli operatori pagherebbero per installare il loro ripetitore”, ha concluso il presidente della Commissione Tlc della Camera dei Deputati.

Fonte: Key4biz.it del 24/07/2019

Archivio

SUPERBONUS 110%: siglato accordo tra Aidr e il portale RILANCIO ITALIA 2020 per ottenere il credito d’imposta

Un accordo di collaborazione è stato siglato tra l’associazione Italian Digital Revolution – AIDR e la Rete d’Imprese RILANCIO ITALIA 2020. L’intesa intende promuovere la piattaforma digitale di RILANCIO ITALIA 2020 (http://www.rilancioitalia2020.it/), Rete d’Imprese che è impegnata, nell’ambito del superbonus 110%, nella promozione, vendita e veicolazione dei servizi connessi e realizzati allo scopo.

“Blockchain per tutti”, arriva il primo e-book di Aidr

Da oggi disponibile su sito associazione e su principali store on-line Si inaugura la collana editoriale dedicata anche ai non addetti ai lavori, con l’obiettivo di far scoprire le tecnologie e il...

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
27/10/2020
Ecco il video dell’intervista a Franco Losi, cofondatore della società Cinello, a cura di Gianfranco Ossino, Ingegnere e Responsabile Osservatorio per la Digitalizzazione dell’Ambiente e dell’Energia Aidr, e Francesco Pagano, responsabile servizi informatici ALES e consigliere AIDR.
Notizie
26/10/2020
di Vito Coviello, Socio AIDR e Responsabile Osservatorio Tecnologie Digitali nel settore dei trasporti e della logistica. Stiamo vivendo un periodo complesso in cui è stata messa in discussione la nostra libertà di vita a causa della pandemia che ci ha costretto ad uscire dagli schemi, a cercare nuove soluzioni, nuovi equilibri di vita nell’attesa del ritorno alla normalità. Ma quale sarà la nostra normalità post Covid?
Notizie
20/10/2020
Troppe parole sul Recovery Fund, o meglio Next generation EU, troppi sui media che ripetono all’infinito “ora che abbiamo questi 209 miliardi” ”ora che ci sono questi soldi”…”ora che è arrivato il recovery fund” etc etc. E’ necessario fare chiarezza innanzitutto sulla tempistica dei trasferimenti, (sulla concretezza dell’erogazione credo che, a prescindere dai mal di pancia dei cosiddetti Paesi “frugali”, essi verranno deliberati.), l’Italia dunque nel 2021 utilizzerà 25 miliardi del programma Next generation Eu nel 2021 (11 di prestiti dal Recovery fund, 10 di sovvenzioni più altri 4 di finanziamenti per la coesione (React Eu), nel 2022 le risorse che l’Italia richiederà all’Europa saliranno a 37,5 miliardi, nel 2023 ci sarà un picco fino a 41 miliardi, per poi ritornare a 39,4 miliardi nel 2024, 30,6 nel 2025 e 27,5 nel 2026.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!