Seleziona una pagina

Google-Apple, tra due giorni le API per combattere il virus

Nel giro di poche settimane le due aziende hanno dato il via a una collaborazione per gettare le basi tecniche delle app che aiuteranno a tracciare i contatti. Ecco come è nato tutto.

Se tutto va come previsto, tra un paio di giorni Google ed Apple dovrebbero rilasciare le API su cui si baseranno molte delle app di tracciamento dei contatti che serviranno a cercare di combattere la diffusione del virus. La pandemia e la spinta di molti governi hanno infatti convinto, per altro con molta rapidità, le due aziende a collaborare, cosa impensabile fino a poche settimane fa.

Ma come è nata, da un punto di vista pratico, questa cooperazione? E cosa si cela dal punto di vista tecnico dietro le API che stanno nascendo? La risposta a queste domande arriva da una dettagliata ricostruzione fatta da CNBC. Secondo la nota testata, le due aziende si sarebbero messe autonomamente a lavorare su questo problema nel mese di marzo, Apple con un progetto battezzato “Bubble” e Google con uno chiamato “Apollo”. Le riflessioni iniziali erano quelle di trovare un sistema che permettesse di raccogliere i dati indispensabili, ma senza creare pericoli per la privacy.

Il mese scorso, erano molti i governi che pensavano a un approccio centralizzato e potenzialmente rischioso: raccogliere i dati degli utenti e inviarli a un server centrale per l’elaborazione, l’emissione degli alert e lo studio. Dato che l’idea di usare il GPS è stata subito esclusa da tutte le autorità occidentali, questa ipotesi si è scontrata con i limiti tecnici dell’uso del Bluetooth. Avere sempre in funzione questa radio, infatti, riduce notevolmente l’autonomia dei dispositivi, e in più i prodotti Apple impediscono l’invio di dati all’esterno. La società ha avuto contatti con rappresentanti tedeschi e francesi, ma non ha voluto cedere su questo punto, offrendo però piena collaborazione.

Per trovare una soluzione efficace, però, non sarebbero certo bastati gli iPhone. Così è iniziata la collaborazione con Google. Secondo la ricostruzione fatta da CNBC, le due aziende hanno cominciato a dialogare già a marzo, per poi arrivare, il 10 aprile, all’annuncio congiunto fatto dal CEO di Apple Tim Cook e dal CEO di Alphabet Sundar Pichai.

La soluzione escogitata, che viene definita come “notifica dell’esposizione” e non come “tracciamento dei contatti”, è costituita da una serie di API che consentono a telefoni Android e iOs di scambiarsi informazioni via Bluetooth, ma con un meccanismo che dovrebbe salvaguardare, almeno parzialmente, l’autonomia. L’idea è quella di trasmettere dei codici crittografati generati da un’app che cambiano continuamente in modo casuale, monitorando la presenza di altri dispositivi nelle vicinanze.

Quando due smartphone si “incontrano”, si scambiano il codice in quel momento attivo e lo memorizzano sul dispositivo. Quando a una persona viene riscontrata la positività al Coronavirus (e questa aggiorna le informazioni sullo smartphone), l’app invia a un server le chiavi crittografate che erano state usate per generare i codici nelle settimane precedenti. Chiunque scarichi poi queste informazioni sul proprio dispositivo potrà sapere se è stato potenzialmente esposto al contagio. Un meccanismo di questo tipo impedisce l’identificazione delle identità personali e il tracciamento della posizione.

Una delle richieste pendenti è quella di poter conoscere almeno l’area geografica, attraverso il codice di avviamento postale, per poter capire in quali zone il virus si sta espandendo. Alcuni ricercatori della Oxford University ritengono comunque di avere già visto risultati promettenti tramite un modello teorico. “Il nostro modello”, scrive Christophe Fraser, autore senior del report pubblicato dal Nuffield Department of Medicine della Oxford University, “evidenzia che se il 60% circa della popolazione utilizzasse un’app di questo tipo, la pandemia potrebbe essere fermata. E anche con numeri più bassi, stimiamo comunque una riduzione del numero di casi di Coronavirus e di decessi”.

Una volta rilasciate le API di Google ed Apple toccherà agli sviluppatori di applicazioni integrarle e proporre le app complete. Questo potrebbe avvenire abbastanza rapidamente, a patto che i vari governi non si ostinino a chiedere soluzioni troppo personalizzate. Sarebbe questo il momento ideale per mostrare un’Europa davvero unita.

Fonte: IctBusiness.t del 29 Aprile 2020

Archivio

“Blockchain per tutti”, arriva il primo e-book di Aidr

Da oggi disponibile su sito associazione e su principali store on-line Si inaugura la collana editoriale dedicata anche ai non addetti ai lavori, con l’obiettivo di far scoprire le tecnologie e il...

Al via la “Call for professor” d’intesa con le università

L’Associazione Italian Digital Revolution – AIDR, in collaborazione con alcune università italiane, si è candidata come “Digital Knowledge Provider” nell’ambito di seminari, corsi di formazione e master universitari.L’obiettivo della “Call For Professor”, in linea con la missione associativa, è quello di porre i riflettori sull’innovazione, attraverso la diffusione della cultura digitale mettendo a disposizione delle Università italiane contenuti e docenti da inserire all’interno dei propri percorsi formativi.

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
06/08/2020
L’Associazione Italian Digital Revolution - AIDR - e la testata giornalistica online PRP Channel hanno dato il via ad un accordo di collaborazione per promuovere e diffondere la cultura digitale in Italia.  AIDR nasce con l’obiettivo di diffondere i contenuti presenti nel programma dell'Agenda Digitale Europea e dell’Agenda Digitale Italiana e qualsiasi altra iniziativa utile a promuovere e diffondere la cultura digitale in Italia. L’AIDR intende quindi promuovere iniziative e sensibilizzare i decisori politici e leIstituzioni sulla “digital revolution” e la conseguente ridefinizione della vita dei cittadini in un mondo sempre più interconnesso.
Notizie
05/08/2020
di Alessandro Capezzuoli, funzionario ISTAT e responsabile osservatorio dati professioni e competenze Aidr. Parafrasando Thomas Edison, si potrebbe dire che i discorsi sulla trasformazione digitale contengono il 99 per cento di fuffa e l’1 per cento di contenutiParafrasando Thomas Edison, si potrebbe dire che i discorsi sulla trasformazione digitale contengono il 99 per cento di fuffa e l’1 per cento di contenuti. La parola fuffa deriva probabilmente dal sostantivo maschile “fuffigno”, usato in Toscana per indicare l’ingarbugliamento dei fili di una matassa. Questa immagine è molto rappresentativa e sintetizza alla perfezione il contenuto di questo articolo, che ha la presunzione di fare chiarezza rispetto al racconto fuffigno della trasformazione digitale.
Notizie
04/08/2020
di Vittorio Zenardi Direttore Aidr Web TV, Sito e Social Media. Oggi è in atto nel mondo energia una transizione energetica che punta a privilegiare soluzioni sostenibili. Come la digitalizzazione può contribuire a ciò è l’argomento dell’Intervista al Dr. Gennaro Niglio Direttore Sviluppo e Innovazione GSE e al Prof. Vincenzo Loia Rettore dell’Università di Salerno. Modera Ing. Gianfranco Ossino Responsabile Osservatorio digitalizzazione dell’Ambiente e dell’Energia AIDR.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!