Seleziona una pagina

Giovani innovatori, nasce l’alleanza Italia-Sudamerica

Che siano “cervelli in fuga” o meno, l’Italia punta a tenere i giovani talenti all’estero uniti al sistema Paese, sia attraverso opportunita’ sul nostro territorio, sia attraverso la creazione di una rete che coinvolga anche soggetti “altri” come universita’, centri di ricerca, istituzioni e mondo dell’imprenditoria. Lo spiega all’agenzia ‘Dire’ Vincenzo De Luca, a capo della direzione per la Promozione del sistema Paese del ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale.

È proprio la Farnesina che ha promosso la firma di un protocollo di intesa tra l’Associazione nazionale dei giovani innovatori (Angi), e la Federazione iberoamericana dei giovani imprenditori (Fije). Un piano che punta a creare “un ponte tecnologico tra Angi, in rappresentanza di Italia e Europa, e il Sudamerica con Fije, che raduna oltre 180mila imprese in 17 paesi tra cui anche Spagna e Portogallo” sottolinea Gabriele Ferrieri, presidente dell’associazione fondata nel 2017 col supporto della Commissione cultura dell’Europarlamento e dell’Intergruppo parlamentare innovatori.

Secondo Ferrieri, col motto ‘Innovazione in tutte le sue forme’ Angi intende “promuovere il nostro sistema Paese anche in quell’angolo di mondo a partire dal trasferimento tecnologico”. Ma al tempo stesso, assicura il dirigente, “vogliamo essere al fianco di tutti i giovani che vogliano sviluppare la loro idea di business in una visione internazionale”.

Oggi Angi conta oltre mille soggetti tra persone fisiche e giuridiche, e due sedi, a Parigi e a La Valletta. “L’ufficio di Buenos Aires – dice Ferrieri – sara’ un hub per l’America Latina, una regione che costituisce un ulteriore tassello del percorso gia’ avviato in Europa”. La consulenza offerta da Angi si articola a vari livelli, dallo sviluppo dell’idea al suo consolidamento con programmi di formazione, pianificazione aziendale e attivita’ di networking e b2b, sia ai singoli innovatori che a startup o ad aziende gia’ avviate.

Ma a che punto e’ la presenza delle nostre aziende in America Latina? “C’e’ ancora molto lavoro da fare, eppure le opportunita’ in Paesi non tradizionali sono molte” risponde il sottosegretario agli Affari Esteri Ricardo Merlo, che aggiunge: “Penso a Paesi come Colombia, Ecuador, Peru’, Cile. Come governo, ci stiamo impegnando per accompagnare le nostre imprese a investire in quelle aree per il bene di tutto il Paese” perche’ “l’unico modo di abbattere il debito estero e’ aumentare il Pil”. Si tratta tuttavia di aree instabili, non e’ un deterrente per gli imprenditori? “Non sempre nella stabilita’ ci sono opportunita’ economiche, anzi, a volte bisogna investire in Paesi piu’ instabili se si vuole guadagnare” dice Merlo. “Bisogna allargare gli orizzonti”.

E’ in questa ottica che il direttore generale per la Promozione del sistema Paese, De Luca, ha ricordato l’Erasmus delle startup, “una misura che abbiamo introdotto nel piano straordinario per il ‘made in Italy’ per consentire non solo alle imprese, ma anche ai giovani e a quelli che promuovono startup, di compiere esperienze in Europa e oltre”. Per De Luca si tratta “di un’opportunita’ per crescere velocemente. Oggi innovazione e digitale permettono di passare rapidamente da un’idea a un’impresa, da una startup a una scaleup. A patto pero’ che questo processo venga accompagnato e sostenuto: ecco il valore di associazioni come Angi”.

Redazione DIRE

Fonte: https://bit.ly/2Fda9El

Archivio

SUPERBONUS 110%: siglato accordo tra Aidr e il portale RILANCIO ITALIA 2020 per ottenere il credito d’imposta

Un accordo di collaborazione è stato siglato tra l’associazione Italian Digital Revolution – AIDR e la Rete d’Imprese RILANCIO ITALIA 2020. L’intesa intende promuovere la piattaforma digitale di RILANCIO ITALIA 2020 (http://www.rilancioitalia2020.it/), Rete d’Imprese che è impegnata, nell’ambito del superbonus 110%, nella promozione, vendita e veicolazione dei servizi connessi e realizzati allo scopo.

“Blockchain per tutti”, arriva il primo e-book di Aidr

Da oggi disponibile su sito associazione e su principali store on-line Si inaugura la collana editoriale dedicata anche ai non addetti ai lavori, con l’obiettivo di far scoprire le tecnologie e il...

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
27/10/2020
Ecco il video dell’intervista a Franco Losi, cofondatore della società Cinello, a cura di Gianfranco Ossino, Ingegnere e Responsabile Osservatorio per la Digitalizzazione dell’Ambiente e dell’Energia Aidr, e Francesco Pagano, responsabile servizi informatici ALES e consigliere AIDR.
Notizie
26/10/2020
di Vito Coviello, Socio AIDR e Responsabile Osservatorio Tecnologie Digitali nel settore dei trasporti e della logistica. Stiamo vivendo un periodo complesso in cui è stata messa in discussione la nostra libertà di vita a causa della pandemia che ci ha costretto ad uscire dagli schemi, a cercare nuove soluzioni, nuovi equilibri di vita nell’attesa del ritorno alla normalità. Ma quale sarà la nostra normalità post Covid?
Notizie
20/10/2020
Troppe parole sul Recovery Fund, o meglio Next generation EU, troppi sui media che ripetono all’infinito “ora che abbiamo questi 209 miliardi” ”ora che ci sono questi soldi”…”ora che è arrivato il recovery fund” etc etc. E’ necessario fare chiarezza innanzitutto sulla tempistica dei trasferimenti, (sulla concretezza dell’erogazione credo che, a prescindere dai mal di pancia dei cosiddetti Paesi “frugali”, essi verranno deliberati.), l’Italia dunque nel 2021 utilizzerà 25 miliardi del programma Next generation Eu nel 2021 (11 di prestiti dal Recovery fund, 10 di sovvenzioni più altri 4 di finanziamenti per la coesione (React Eu), nel 2022 le risorse che l’Italia richiederà all’Europa saliranno a 37,5 miliardi, nel 2023 ci sarà un picco fino a 41 miliardi, per poi ritornare a 39,4 miliardi nel 2024, 30,6 nel 2025 e 27,5 nel 2026.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!