Garante privacy: multa a Eni Gas e Luce per trattamento illecito di dati

di Federica De Stefani, avvocato e responsabile Aidr Regione Lombardia

Il Garante privacy ha sanzionato Eni Gas e Luce con una multa che complessivamente arriva a 11,5 milioni di euro per due distinte violazioni: il trattamento illecito di dati personali nell’ambito di attività di telemarketing e l’attivazione di contratti non richiesti dagli utenti.

Gli accertamenti sono stati effettuati dall’Autorità a seguito di segnalazioni ricevute dopo il 25 maggio 2018, data in cui il Regolamento Europeo 2016/679, noto con l’acronimo di GDPR, è divenuto pienamente esecutivo.

Le gravi irregolarità rilevate hanno riguardato un elevato numero di utenti e proprio la diffusione delle violazioni, unita ad altri elementi quali la durata delle violazioni contestate e le condizioni economiche del trasgressore, hanno portato alla quantificazione delle sanzioni elevate.

Per quanto riguarda le attività di telemarketing e teleseling il Garante ha irrogato una sanzione di 8,5 milioni di euro per trattamenti illeciti di dati personali tra cui, da controlli effettuati su un numero circoscritto di casi che hanno fatto emergere l’esistenza di condotte standard ripetute in maniera seriale, telefonate pubblicitarie effettuate senza il consenso della persona contattata o nonostante la stessa avesse manifestato il proprio diniego a ricevere chiamate promozionali, l’assenza di misure tecnico organizzative in grado di recepire le manifestazioni di volontà, positive o negative, degli utenti, i tempi di conservazione dei dati superiori a quelli consentiti,  l’acquisizione dei dati dei potenziali clienti da soggetti terzi che, a loro volta, non avevano acquisito il consenso per la comunicazione di tali dati.

Eni Gas e Luce, oltre a pagare la sanzione amministrativa ricevuta, dovrà implementare le procedure e i sistemi adottati per verificare, anche tramite analisi “a campione”, la validità del consenso rilasciato dalle persone prima di qualsiasi campagna promozionale. Dovrà inoltre adottare misure che siano in grado di convogliare in una sorta di “black list” tutti i nominativi delle persone che hanno manifestato la propria intenzione di non ricevere informazioni pubblicitarie.

Nel proprio provvedimento sanzionatorio, inoltre, il Garante ha espressamente vietato a Eni Gas e Luce l’utilizzo dei dati acquisiti da list provider in mancanza dell’acquisizione, da parte di questi, del consenso alla comunicazione dei dati personali a soggetti terzi.

Eni Gas e Luce è stata multata anche per la conclusione di contratti non richiesti dagli utenti con una sanzione pari a 3 milioni di euro.

Tra le varie fattispecie che hanno portato alla luce l’esistenza dei contratti in parola, sono state rilevate la scoperta da parte dell’utente del nuovo contratto solo a seguito della ricezione della disdetta del precedente gestore, la presenza nelle fatture di errori relativi ai dati riportati o addirittura firme apocrife.

Eni Gas e Luce dovrà provvedere al pagamento delle sanzioni entro il termine di 30 giorni e dovrà occuparsi dell’introduzione, nelle proprie procedure, di misure correttive idonee a garantire l’individuazione delle anomalie nei vari trattamenti di dati personali che dovranno essere comunicati all’Autorità.

Archivio

Al via la “Call for professor” d’intesa con le università

L’Associazione Italian Digital Revolution – AIDR, in collaborazione con alcune università italiane, si è candidata come “Digital Knowledge Provider” nell’ambito di seminari, corsi di formazione e master universitari.L’obiettivo della “Call For Professor”, in linea con la missione associativa, è quello di porre i riflettori sull’innovazione, attraverso la diffusione della cultura digitale mettendo a disposizione delle Università italiane contenuti e docenti da inserire all’interno dei propri percorsi formativi.

Privacy, tavola rotonda Aidr su controlli e sanzioni Garante  

Milano, 22 gennaio – Trascorso il periodo transitorio che tutti gli Stati europei hanno osservato per consentire alle imprese di adeguarsi al nuovo sistema legato al GDPR, entrato in vigore da maggio 2018, sono iniziate le verifiche e i controlli nonché l’irrogazione delle sanzioni amministrative. Da una prima analisi è possibile constatare come il Garante privacy italiano stia tenendo un approccio ragionevole e ponderato in merito alle sanzioni per il mancato rispetto del GDPR, e ciò, in modo conforme a quanto dispone il regolamento stesso, secondo cui le sanzioni devono essere “effettive, proporzionate e dissuasive”.

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
24/02/2020
La propagazione del contagio da coronavirus, al centro delle cronache mondiali degli ultimi giorni, sta proiettando l’attenzione collettiva (di esperti, Istituzioni, cittadini) sulle modalità con cui prevenire il pericolo della progressiva diffusione dell’epidemia, specie in ragione del suo elevatissimo grado di trasmissibilità.
Notizie
22/02/2020
I motori di ricerca sono il punto d’ingresso principale al web. A una pagina, nella gran parte dei casi, si accede a partire dalla ricerca di una o più parole chiave. E per questo, quando IL motore di ricerca non funziona, è come se “si fosse rotto l’internet” (vedi la bella striscia a tema di zerocalcare).
Notizie
21/02/2020
Roma, 21 Febbraio - Un accordo di collaborazione è stato siglato a Roma tra le associazioni Italian Digital Revolution e Knosso, associazione nata per diffondere la cultura della sicurezza e della legalità intesa come conoscenza e presidio di protezione dei beni tangibili di una organizzazione pubblica o privata.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!