Seleziona una pagina

Fuga da WhatsApp. Tra Telegram e Signal qual è l’app migliore per la privacy?

di Luigi Garofalo

Sono le app di messaggistica del momento, ma quale tra Telegram e Signal è più rispettosa della privacy degli utenti? Ecco il confronto.

Signal e Telegram sono, attualmente, al primo e secondo posto delle app gratuite più scaricate nell’App Store di Apple e nel Play Store di Google, secondo i dati di Apptopia e Sensor Tower. Milioni di utenti si sono iscritti a queste applicazioni dopo l’aggiornamento della privacy policy di WhatsApp.

La fuga da WhatsApp

Uno spettacolare autogol nella porta della casa madre Facebook causato dall’errore di comunicazione, e anche di violazione di norme secondo il Garante italiano, della piattaforma di messaggistica che ha spinto milioni di utenti, spaventati da un ulteriore invasione nella privacy, a prendere la fuga di massa verso app di messaggistica concorrenti, in primis verso Telegram e Signal.

Telegram e Signal, la migliore per privacy e sicurezza?

Tra queste due qual è l’app migliore per privacy e sicurezza.

Partiamo da cosa hanno in comune. Entrambe sono app di chat che offrono crittografia end-to-end più sicura rispetto a WhatsApp e iMessage di Apple, perché quella di queste ultime è garantita solo all’interno dei rispettivi ecosistemi. Infatti, una volta effettuato il backup su un cloud, (Drive o iCloud) la crittografia end-to-end viene meno. Per cui, Signal e Telegram offrono maggiore sicurezza, privacy e funzionalità rispetto a WhatsApp ed Apple, ma i metodi di crittografia e la raccolta dei dati variano.

Signal, crittografia open source. È la più rispettosa della privacy

Pro: Signal è ampiamente considerata l’app più rispettosa della privacy. La sua crittografia è end-to-end per ogni chat, ogni messaggio, ogni chiamata. Ciò significa che possono essere lette o ascoltate solo dai destinatari previsti. “La privacy non è una modalità opzionale — è solo il modo in cui Signal funziona”, è lo slogan dell’app. È possibile anche confermare che il server funziona correttamente e che stai comunicando con la persona giusta usando i numeri di sicurezza.

Inoltre il codice della crittografia end-to-end è open source, considerata una best practice tra i professionisti della sicurezza informatica. Ciò significa che il codice può essere esaminato qui su GitHub per individuare eventuali difetti, backdoor ed è verificato dai ricercatori. Ha app per Android, iPhone, iPad, Mac, Windows e Linux e funzionalità attente alla privacy come i messaggi che si autodistruggono, se impostato il timer. L’app ha aggiunto una serie di funzionalità user-friendly nell’ultimo anno, inclusa la chat video di gruppo per un massimo di 8 partecipanti, mentre le chat di gruppo possono ospitare fino a 1.000 partecipanti.

Contro: Anche se sta avendo un boom di iscrizioni, non è così ampiamente adottato come WhatsApp e iMessage. È necessario il passaparola di tutti per farlo usare anche ad amici, parenti e colleghi, perché dovremmo iniziare a spostare su Telegram e Signal le comunicazioni sensibili e di lavoro.

Telegram, pubblico solo una parte del codice. La crittografia end-to-end deve essere attivata per ogni chat

Pro: Telegram supporta fino a 200.000 membri in un gruppo, motivo per cui è stata l’app di riferimento per i manifestanti a Hong Kong, Iran e Bielorussia. L’app ha caratteristiche uniche, come l’ordinamento dei contatti in base a quando sono stati visti l’ultima volta.

Contro: Telegram è spesso criticato per aver pubblicato solo parti selezionate del suo codice per la revisione pubblica. “Telegram potrebbe avere una crittografia più debole di Signal, ma è difficile saperlo perché sono stati un po ‘ambigui nel ottenere audit esterni”, ha detto Riana Pfefferkorn, ricercatrice presso il Center for Internet and Society di Stanford, scrive il Wall Street Journal.

Il portavoce di Telegram Mike Ravdonikas ha affermato che la crittografia e l’API dell’app sono “completamente documentate e aperte alla revisione da parte di esperti di sicurezza”. Tuttavia, il codice per il server back-end dell’app non è pubblico. Una pagina di supporto afferma che tutto il codice “verrà rilasciato alla fine”.

Come con Facebook Messenger, su Telegram la crittografia end to end non è di default, deve essere attivata trasformando le chat in chat segrete.

Come si fa ad attivare la crittografia end to end su Telegram e quindi la chat segreta?

Cliccare sul profilo dell’utente, sui 3 puntini e poi selezionare “avvia chat segreta”.

E su Telegram solo le chat segrete offrono:
Crittografia end-to-end

Nessuna traccia sui server

Timer di autodistruzione

Impossibilità di inoltrare i messaggi

Comunica ad entrambi gli utenti chi fa screenshot

Telegram può raccogliere metadati come indirizzo IP e informazioni sul dispositivo, che la società afferma nella sua politica sulla privacy vengono utilizzati per prevenire spam e abusi.

Quindi, dal confronto chi vince? Signal. Ecco perché

Oltre alla crittografia end-to-end di default, Signal raccoglie un solo dato, che non viene neanche associato all’identità dell’utente.

Ecco, invece, i dati che raccoglie Telegram:

Infine, guardate quanti dati raccoglie WhatsApp:

 

Archivio

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

La reputazione online, tutele e diritti (Video)

A Digitale Italia approfondimento legato ai temi della digitalizzazione. Ospiti del format web ideato da Aidr, Mauro Nicastri, presidente di Aidr e Gabriele Gallassi Cofounder,...

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
22/10/2021
Quale percezione hanno gli altri della nostra identità in rete, in che modo possiamo cancellare le immagini online che non ci rappresentano, è possibile tutelarsi da contenuti lesivi della nostra reputazione? A Digitale Italia nuovo approfondimento legato ai temi della digitalizzazione.
Notizie
21/10/2021
La chiave del successo di una buona strategia di social media marketing passa da lì, non ci sono dubbi. Per una azienda, piccola o grande che sia, non basta la presenza, o almeno non basta più la semplice presenza, sui social bisogna andare oltre, creando contenuti di valore
Notizie
20/10/2021
Il rito della vendemmia è millenario, e per molti aspetti le azioni umane sono le stesse di sempre, ben rappresentante dalle formelle e dai bassorilievi dei “cicli delle stagioni” delle grandi cattedrali romaniche che infallibilmente associano il mese di settembre – nell’allora vigente calendario giuliano - al segno zodiacale della Bilancia ed alla raccolta delle uve.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!