Seleziona una pagina

Fatti e leggende su 5G, Huawei e spionaggi. Parla il prof. Giustozzi

di Marco Orioles

La provocazione del presidente Agcom (“bisogna solo scegliere se essere spiati, tra virgolette, dai cinesi o dagli americani”) commentata e analizzata dal prof. Corrado Giustozzi, uno dei massimi esperti di cybersecurity, mentre non si attenua la polemica Usa contro Huawei.

Le affermazioni fatte la settimana scorsa dal presidente dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom), Angelo Marcello Cardani, durante l’audizione in commissione Trasporti della Camera nell’ambito dell’indagine conoscitiva sulle nuove tecnologie delle telecomunicazioni, riaprono il dibattito sulla sicurezza delle comunicazioni in una rete complessa, ma destinata a mutare tutte le coordinate della nostra esistenza, come il 5G.

Quando Cardani dice che “bisogna solo scegliere se essere spiati, tra virgolette, dai cinesi o dagli americani”, non fa altro che infilare il dito in una piaga insanabile. E la piaga in questione è rappresentata dall’intrinseca vulnerabilità di qualsiasi tecnologia della comunicazione, che non da oggi è soggetta a prassi di intercettazione e, dunque, allo spionaggio.

Che cosa pensa Corrado Giustozzi che la cybersecurity la conosce come le proprie tasche?

Esperto di sicurezza cibernetica presso l’Agenzia per l’Italia Digitale (presidenza del Consiglio) per lo sviluppo del Computer Emergency Response Team della Pubblica Amministrazione (CERT-PA), membro dell’advisory group dell’Agenzia dell’Unione Europea per la Cybersecurity (ENISA), e titolare di docenze all’Università Campus Biomedico, alla Link Campus University, alla Sioi, alla Sapienza e alla Luiss, Giustozzi evoca, in questa conversazione con Start Magazine, le lontane radici di un problema che assillava già i Papi e i Dogi: proteggere le proprie comunicazioni militari e diplomatiche dagli sguardi indiscreti delle cancellerie rivali, ma anche violare quelle di queste ultime.

Ci sono, certamente, differenze non marginali tra lo spionaggio praticato nel Rinascimento e quello reso possibile dalle odierne tlc, che – come sottolinea Giustozzi – consentono un’inquietante pesca “a strascico” e “di massa”. È il problema che devono affrontare oggi i governi nel decidere a chi affidare la realizzazione del 5G, sullo sfondo dei moniti di Washington sui rischi posti da Huawei e, ora, anche delle parole di Cardani. Parole a cui Giustozzi aggiunge una serie di chiose, precisazioni e integrazioni tutte da leggere.

Prof. Giustozzi, che impressione le suscitano le dichiarazioni del presidente Agcom?

Sono sostanzialmente d’accordo con Cardani quando dice che dobbiamo solo decidere da chi farci intercettare. È una battuta che io faccio da anni, con la differenza che, tra i possibili intercettatori, io annovero oltre a Cina e Usa anche potenze come Russia o Israele. Stiamo d’altra parte parlando di un gioco antichissimo. Da sempre infatti i governi hanno spiato tutti gli altri governi, amici e nemici, in tempo di pace come in tempo di guerra.

Un gioco vecchio come l’umanità, insomma.

Certo. Ricordo che la crittografia moderna è nata durante il Rinascimento più o meno contemporaneamente nella Repubblica di Venezia e nello Stato Pontificio, con lo scopo di proteggere le comunicazioni diplomatiche. Era pratica comune di tutti i governi intercettare le comunicazioni diplomatiche degli ambasciatori esteri sul proprio territorio, nonché fare l’inverso, ossia proteggere le comunicazioni diplomatiche dei propri ambasciatori all’estero da intercettazioni dello Stato ospitante.

 

Archivio

SUPERBONUS 110%: siglato accordo tra Aidr e il portale RILANCIO ITALIA 2020 per ottenere il credito d’imposta

Un accordo di collaborazione è stato siglato tra l’associazione Italian Digital Revolution – AIDR e la Rete d’Imprese RILANCIO ITALIA 2020. L’intesa intende promuovere la piattaforma digitale di RILANCIO ITALIA 2020 (http://www.rilancioitalia2020.it/), Rete d’Imprese che è impegnata, nell’ambito del superbonus 110%, nella promozione, vendita e veicolazione dei servizi connessi e realizzati allo scopo.

“Blockchain per tutti”, arriva il primo e-book di Aidr

Da oggi disponibile su sito associazione e su principali store on-line Si inaugura la collana editoriale dedicata anche ai non addetti ai lavori, con l’obiettivo di far scoprire le tecnologie e il...

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
20/10/2020
Troppe parole sul Recovery Fund, o meglio Next generation EU, troppi sui media che ripetono all’infinito “ora che abbiamo questi 209 miliardi” ”ora che ci sono questi soldi”…”ora che è arrivato il recovery fund” etc etc. E’ necessario fare chiarezza innanzitutto sulla tempistica dei trasferimenti, (sulla concretezza dell’erogazione credo che, a prescindere dai mal di pancia dei cosiddetti Paesi “frugali”, essi verranno deliberati.), l’Italia dunque nel 2021 utilizzerà 25 miliardi del programma Next generation Eu nel 2021 (11 di prestiti dal Recovery fund, 10 di sovvenzioni più altri 4 di finanziamenti per la coesione (React Eu), nel 2022 le risorse che l’Italia richiederà all’Europa saliranno a 37,5 miliardi, nel 2023 ci sarà un picco fino a 41 miliardi, per poi ritornare a 39,4 miliardi nel 2024, 30,6 nel 2025 e 27,5 nel 2026.
Notizie
08/10/2020
di Michele Leone, Digital Media Specialist e socio Aidr. PTA ovvero "Poli territoriali avanzati". Sarà un concentrato di tecnologia racchiusa in strutture decentrate e Data driven, con area specifiche per concorsi pubblici, con spazi di co-working e con uffici per videoconferenze e lavoro agile per la “nuova” Pubblica Amministrazione.
Notizie
07/10/2020
AIDR ha deciso di dotarsi di un Osservatorio sull’applicazione del digitale e delle nuove tecnologie al mondo agroalimentare ed agroindustriale. Il suo scopo è quello di studiare, stimolare e promuovere l’applicazione delle tecnologie digitali alla filiera agroalimentare, mediante approfondimenti, articoli, rapporti, contributi ed il concorso di svariate competenze, tecniche, giuridiche ed economiche.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!