Seleziona una pagina

Facebook ora permette a utenti e pagine di disattivare i commenti dei post

La nuova funzionalità permette di scegliere, a priori, chi può lasciare un commento sotto i post della propria pagina o bacheca. La decisione dopo una sentenza in Australia

di Michela Rovelli 
C’è un po’ più di controllo su ciò che succede sulla propria pagina Facebook da mercoledì 31 marzo. Il social network ha annunciato una nuova funzionalità che permette di scegliere chi può e chi non può lasciare un commento sotto ai nostri post. Nello specifico, sarà possibile selezionare le categorie di utenti a cui il commento viene disabilitato. Proprio come ha deciso di fare Twitter recentemente riguardo alle risposte a un tweet.

C’è un po’ più di controllo su ciò che succede sulla propria pagina Facebook da mercoledì 31 marzo. Il social network ha annunciato una nuova funzionalità che permette di scegliere chi può e chi non può lasciare un commento sotto ai nostri post. Nello specifico, sarà possibile selezionare le categorie di utenti a cui il commento viene disabilitato. Proprio come ha deciso di fare Twitter recentemente riguardo alle risposte a un tweet.

Come funziona il controllo

Prima era possibile soltanto controllare i commenti a posteriori, ovvero dopo che erano stati pubblicati. L’unico blocco a priori possibile riguardava un filtro tramite parole chiave: si poteva scegliere quali termini oscuravano in automatico il commento che le conteneva. La novità introdotta da Facebook è sicuramente importante soprattutto per i media e per i personaggi famosi, spesso alle prese con la difficoltà di gestire le «discussioni» – non prive di insulti, volgarità e attacchi – sotto ai loro post. Le pagine o i profili privati possono ora decidere se abilitare i commenti a tutti, a coloro che visualizzano il post, oppure solo a coloro che sono stati taggati. La funzione sarà attiva entro due settimane dall’annuncio del 31 marzo.

La sentenza in Australia

Perché questa decisione? Il Guardian racconta che l’introduzione della disattivazione dei commenti su Facebook è legata a una sentenza del 2019 in Australia che ha stabilito i media sono responsabili dei commenti diffamatori pubblicati dagli utenti sulle loro pagine Facebook. Le stesse aziende si sono quindi rivolte al social network per chiedere più possibilità di controllo. Come detto, a parte l’esclusione di parole chiave, fino ad ora una moderazione a priori era impossibile. E anche a posteriori, la selezione e cancellazione di tutti i commenti diffamatori metteva molto sotto stress il team di moderatori delle aziende che si occupano di informazione. La decisione di Facebook di venire incontro a queste richieste fa fronte anche all’accordo raggiunto col governo australiano sulla gestione delle news sul social network e del pagamento per la pubblicazione di queste. Tra i vari requisiti contenuti nella bozza della legislazione c’era anche la possibilità di moderare i commenti. E anche se il punto è stato poi cancellato nella stesura definitiva, l’indicazione ha avuto un seguito.

Le altre novità per il controllo del News Feed

Oltre che sulla moderazione dei commenti, Facebook è intervenuto anche nella gestione del News Feed da parte dell’utente. Dopo aver creato la funzionalità «Preferiti», per selezionare quelle pagine e quegli amici che vogliamo seguire di più e di cui vogliamo vedere più post in bacheca, ora il social network ha annunciato anche la «Feed Filter Bar», che rende «più semplice passare da un News Feed classificato dall’algoritmo a un feed ordinato cronologicamente con i post più recenti per primi». Insomma, se non volete che sia l’algoritmo a scegliere cosa vedete in bacheca ma volete semplicemente visualizzare gli ultimi post pubblicati, questo filtro ora ve lo permette. Più controllo, dunque, anche qui, messo in mano agli utenti. La funzionalità è già stata attivata sull’app Android mentre arriverà nelle prossime settimane su iOS. Infine, Facebook vuole anche spiegarvi perché vi mostra contenuti da pagine o utenti che non seguite. Con l’opzione «Perché sto vedendo questo?», si aprirà una finestra dove si chiarificano le motivazioni. Che principalmente sono: anche a persone vicine a te, con cui interagisci su Facebook, ne sono interessati; sono gli stessi temi di altre pagine che segui; la localizzazione.

Fonte: Corriere delle sera del 1/04/2021

Archivio

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
26/05/2022
Il sito del Senato, del ministero della Difesa, il portale dell’Istituto superiore di Sanità, quello dello scalo aeroportuale di Orio al Serio a Bergamo, Genova e Rimini. Sono oltre 50 i siti colpiti negli ultimi giorni dall’attacco informatico lanciato dagli hacker filo-russi Killnet. Un’offensiva senza precedenti che ha fatto alzare il livello di guardia nel nostro Paese, tanto che lo stesso Sottosegretario Franco Gabrielli ha detto: “Dobbiamo prepararci per l’escalation”.
Notizie
24/05/2022
La digitalizzazione della pubblica amministrazione tra nuove competenze e opportunità ai cittadini, e il ruolo del PNRR. Questi i temi dell’evento promosso da IGF ITALIA in collaborazione con INPS il prossimo 30 maggio a Roma a Palazzo Wedekind. Il seminario sarà fruibile anche in streaming registrandosi a questo link (https://www.igf-italia.org/evento/pa-digitale-pnrr). “Si tratta – sottolinea in una nota l’associazione Aidr – di un evento di straordinaria rilevanza per la portata dei contenuti, che arriva in un momento importante nel processo di digitalizzazione della pubblica amministrazione.
Notizie
19/05/2022
Una tutela maggiore, affinché ogni bambino sia protetto, autorizzato e rispettato online. Questo il principio con il quale la Commissione ha adottato una nuova strategia europea per un Internet migliore per i bambini (BIK+). “Si tratta sottolinea in una nota l’associazione Aidr – di una visione importante nel quadro delle azioni della Commissione Europea a supporto dei diritti dell’infanzia, che amplia il quadro delle tutele già tracciato nella prima strategia europea per un Internet migliore per i bambini (BIK)”. “I dispositivi moderni – spiega la Commissione Europea - offrono opportunità e vantaggi, consentendo ai minori di interagire fra loro, apprendere online e divertirsi.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!