Facebook, nuova falla di sicurezza per gli utenti. 600mila password alla mercé dei dipendenti di Menlo Park

di Piero Boccellato

I problemi per Facebook non finiscono più: un nuovo scandalo relativo alla sicurezza e alla privacy sta colpendo il social network più famoso al mondo.Quasi 600 milioni di account sono a rischio a causa di una falla di sistema: tantissime password sono state salvate in un normale documento di testo privo di alcuna forma di sicurezza o criptografia, completamente accessibile a tutti i dipendenti della società di Mark Zuckerberg. L’errore è stato ammesso e rivelato sul blog ufficiale di Facebook da Pedro Canahuati, VP Engineering, Security and Privacy del social network.

La falla di sicurezza
Tutto è partito da una denuncia firmata dai ricercatori di KrebsOnSecurity, secondo i quali le password di milioni di utenti di Facebook sarebbero state archiviate in testo normale e finite alla mercé dei circa 20mila dipendenti dell’azienda nel cloud aziendale.Semplici file a portata di click, senza alcuna protezione con le probabilità che le password utilizzate per accedere a Facebook siano uguali a quelle utilizzate per gli altri servizi.Secondo Facebook, non ci sono prove che le password in chiaro siano state esposte al di fuori della società, o che siano state utilizzate dai dipendenti per accedere agli account. Perciò agli utenti non sarà richiesto di reimpostare le proprie password. Da Menlo Park fanno sapere, inoltre, “che il problema ha colpito centinaia di milioni di utenti di Facebook Lite, decine di milioni di altri utenti di Facebook, e decine di migliaia di utenti di Instagram”.

Per la vostra sicurezza cambiate password
Se usate Facebook, il consiglio è non solo di cambiare password ma farlo anche per gli account di altri servizi, soprattutto se avete il vizio di usare le stesse password per più servizi. L’ideale sarebbe usare password esclusive per gli account più importanti, soprattutto per la posta elettronica, i conti online e i social network e quando è possibile, attivate sempre la verifica a due fattori.

L’ennesimo scivolone
Oramai gli scandali sulla privacy di Facebook non fanno più nessun rumore. Non è bastato Cambridge Analityca, l’attacco hacker di ottobre 2018 che ha visto coinvolti 90 milioni di utenti, o la cessione dei dati a terze parti che vede Facebook indagato dalla Corte Federale di New York (l’ultima in ordine di arrivo)Proprio adesso che Mark Zuckerberg è diventato il paladino della privacy con il suo nuovo progetto di fondere Facebook, Instagram e WhatsApp (alla faccia della privacy) il CEO prende un altro scivolone, l’ennesimo.

Non riusciamo a capire perché un’azienda che ha 2 miliardi di utenti registrati e con un fatturato di 41 miliardi di dollari (dati 2017) non riesca a proteggere minimamente i propri utenti. Incompetenza forse? O consapevolezza del valore immenso che hanno i dati degli utenti per poter aumentare il fatturato?

Fonte: Key4biz.it del 22/03/ 2019

Archivio

Al via la “Call for professor” d’intesa con le università

L’Associazione Italian Digital Revolution – AIDR, in collaborazione con alcune università italiane, si è candidata come “Digital Knowledge Provider” nell’ambito di seminari, corsi di formazione e master universitari.L’obiettivo della “Call For Professor”, in linea con la missione associativa, è quello di porre i riflettori sull’innovazione, attraverso la diffusione della cultura digitale mettendo a disposizione delle Università italiane contenuti e docenti da inserire all’interno dei propri percorsi formativi.

Privacy, tavola rotonda Aidr su controlli e sanzioni Garante  

Milano, 22 gennaio – Trascorso il periodo transitorio che tutti gli Stati europei hanno osservato per consentire alle imprese di adeguarsi al nuovo sistema legato al GDPR, entrato in vigore da maggio 2018, sono iniziate le verifiche e i controlli nonché l’irrogazione delle sanzioni amministrative. Da una prima analisi è possibile constatare come il Garante privacy italiano stia tenendo un approccio ragionevole e ponderato in merito alle sanzioni per il mancato rispetto del GDPR, e ciò, in modo conforme a quanto dispone il regolamento stesso, secondo cui le sanzioni devono essere “effettive, proporzionate e dissuasive”.

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
18/02/2020
Avete presente il mito della Fata Morgana, quello da cui prende nome il fenomeno fisico visibile da Reggio Calabria? Si tratta di una specie di miraggio, che ingrandisce Messina e la proietta talmente vicina alla Calabria da illudere i calabre In un leggendario mese d’agosto, un re barbaro arrivò a Reggio per conquistare la Sicilia. Morgana, per proteggere il fratello, fece apparire la Sicilia talmente vicina alla Calabria che il re si illuse di poterla raggiungere a nuoto. Mentre nuotava, però, l’incantesimo si interruppe e il re barbaro morì affogato.
Notizie
17/02/2020
Roma 17 febbraio - L’Associazione Italian Digital Revolution (AIDR), in collaborazione con alcune università italiane, si è candidata come ‘Digital Knowledge Provider’ nell’ambito di seminari, corsi di formazione e master universitari. L’obiettivo della “Call for professor”, in linea con la missione associativa, è quello di porre i riflettori sull’innovazione, attraverso la diffusione della cultura digitale mettendo a disposizione delle università italiane contenuti e docenti da inserire all’interno dei propri percorsi formativi.
Notizie
14/02/2020
Se il concetto di “industria culturale” è stato generalmente utilizzato con un’accezione negativa, oggi il paragone tra il settore della cultura e quello industriale offre nuovi spunti e nuove prospettive, soprattutto quando si parla di innovazione. Così come il settore industriale si sta aprendo alla rivoluzione digitale attraverso la cosiddetta “Industria 4.0”, anche il mondo della cultura può e deve guardare agli strumenti digitali come a un’occasione per migliorare un’offerta che si innesta su un terreno già fertile.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!