Digital economy e decarbonizzazione, in un anno investiti 120 miliardi nell’Ue per 150 mila nuovi occupati

Ambiente e trasformazione digitale per creare nuovi posti di lavoro, ottimizzare le risorse, migliorare la competitività delle imprese (soprattutto Pmi) e la qualità della vita degli europei. Pubblicata la Relazione 2017 sull’attuazione dei fondi strutturali e d’investimento europei.

A ottobre 2017, quasi la metà della dotazione di bilancio 2014-2020 dei fondi strutturali e di investimento europei (fondi SIE) era già stata impegnata in progetti concreti. A fine del 2016 avevano ricevuto il sostegno dei fondi quasi 800 mila imprese, creando circa 154 000 nuovi posti di lavoro.

Nell’ultimo anno, complessivamente, sono stati selezionati 2 milioni di progetti finanziati dall’UE, vale a dire 1 milione in più rispetto all’anno precedente.

Questi i primi risultati della “Relazione strategica 2017 sull’attuazione dei fondi strutturali e d’investimento europei” pubblicata ieri a Bruxelles, con i risultati ottenuti dall’impiego dei fondi strutturali e di investimento europei (dall’inizio del periodo di finanziamento), ora che l’attuazione dei programmi 2014-2020 ha raggiunto il pieno regime.

I fondi europei destinati a ricerca, sviluppo e innovazione (RD&I), alla promozione e l’impiego di soluzioni ICT e al miglioramento della competitività delle piccole e medie imprese (Pmi), per il periodo 2014-2020 sono stati stanziati nella misura di 181,4 miliardi di euro. Di questi, a fine 2016 erano 50,3 miliardi quelli già assegnati, il 28% delle risorse totali.

Fondi che andranno a sostenere 76 mila imprese, con l’obiettivo di rinnovare e trasformare in chiave digitale l’economia dell’Unione europea, soprattutto per implementare le infrastrutture di connettività entro il 2025.

Grazie alla banda ultralarga, saranno connesse 915 mila abitazioni, mentre il 36% degli investimenti andranno a migliorare la penetrazione dei servizi ICT in aree rurali, coinvolgendo quasi 1,3 milioni di cittadini.

Ci calcola che saranno creati 154 mila nuovi posti di lavoro nel settore delle Pmi.

Altro capitolo di massima rilevanza è quello dei cambiamenti climatici, con gli interventi per la decarbonizzazione dell’economia (low carbon economy) e la promozione dei un modello di trasporto più sostenibile e di qualità. Complessivamente, i fondi destinati alla green economy sono 262,2 miliardi di euro, di cui 73,2 miliardi già allocati alla fine dell’anno scorso.

Il 21% della somma è andata ad iniziative per l’efficienza energetica e l’aumento della capacità degli impianti FER (Fonti energetiche rinnovabili). Più di 16 miliardi sono andati a progetti per la resilienza e la ricerca in nuove soluzioni per affrontare le sfide imposte dai cambiamenti climatici.

Essendo le città i nuovi motori dell’economia dell’UE, per l’Agenda urbana sono stati già allocati 15 miliardi di euro per 900 progetti di innovazione urbana su 115 miliardi di euro disponibili per il periodo 2014-2020.

Flavio Fabbri

Fonte: http://bit.ly/2jZ6VKz

Archivio

Al via la “Call for professor” d’intesa con le università

L’Associazione Italian Digital Revolution – AIDR, in collaborazione con alcune università italiane, si è candidata come “Digital Knowledge Provider” nell’ambito di seminari, corsi di formazione e master universitari.L’obiettivo della “Call For Professor”, in linea con la missione associativa, è quello di porre i riflettori sull’innovazione, attraverso la diffusione della cultura digitale mettendo a disposizione delle Università italiane contenuti e docenti da inserire all’interno dei propri percorsi formativi.

Privacy, tavola rotonda Aidr su controlli e sanzioni Garante  

Milano, 22 gennaio – Trascorso il periodo transitorio che tutti gli Stati europei hanno osservato per consentire alle imprese di adeguarsi al nuovo sistema legato al GDPR, entrato in vigore da maggio 2018, sono iniziate le verifiche e i controlli nonché l’irrogazione delle sanzioni amministrative. Da una prima analisi è possibile constatare come il Garante privacy italiano stia tenendo un approccio ragionevole e ponderato in merito alle sanzioni per il mancato rispetto del GDPR, e ciò, in modo conforme a quanto dispone il regolamento stesso, secondo cui le sanzioni devono essere “effettive, proporzionate e dissuasive”.

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
18/02/2020
Avete presente il mito della Fata Morgana, quello da cui prende nome il fenomeno fisico visibile da Reggio Calabria? Si tratta di una specie di miraggio, che ingrandisce Messina e la proietta talmente vicina alla Calabria da illudere i calabre In un leggendario mese d’agosto, un re barbaro arrivò a Reggio per conquistare la Sicilia. Morgana, per proteggere il fratello, fece apparire la Sicilia talmente vicina alla Calabria che il re si illuse di poterla raggiungere a nuoto. Mentre nuotava, però, l’incantesimo si interruppe e il re barbaro morì affogato.
Notizie
17/02/2020
Roma 17 febbraio - L’Associazione Italian Digital Revolution (AIDR), in collaborazione con alcune università italiane, si è candidata come ‘Digital Knowledge Provider’ nell’ambito di seminari, corsi di formazione e master universitari. L’obiettivo della “Call for professor”, in linea con la missione associativa, è quello di porre i riflettori sull’innovazione, attraverso la diffusione della cultura digitale mettendo a disposizione delle università italiane contenuti e docenti da inserire all’interno dei propri percorsi formativi.
Notizie
14/02/2020
Se il concetto di “industria culturale” è stato generalmente utilizzato con un’accezione negativa, oggi il paragone tra il settore della cultura e quello industriale offre nuovi spunti e nuove prospettive, soprattutto quando si parla di innovazione. Così come il settore industriale si sta aprendo alla rivoluzione digitale attraverso la cosiddetta “Industria 4.0”, anche il mondo della cultura può e deve guardare agli strumenti digitali come a un’occasione per migliorare un’offerta che si innesta su un terreno già fertile.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!