Seleziona una pagina

Cybersecurity, in Gazzetta il decreto con la nuova architettura nazionale

di Paolo Anastasio

Istituito il Csirt ‘Computer security incident Response team’, mentre al Dis va il monitoraggio e la risposta agli incidenti.

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del presidente del Consiglio che istituisce il ‘Computer security incident Response team’ (Csirt) italiano, in linea con quanto previsto dalla direttiva che per la prima volta a livello Ue affronta il tema della cybersicurity, definendo le misure standard comuni necessarie per un elevato livello di sicurezza delle reti e dei sistemi informativi nazionali.

Il Csirt è istituito presso il Dis, il Dipartimento delle informazioni per la Sicurezza, e ha il compito di:

  • definire le procedure tecniche per la prevenzione e la gestione degli incidenti informativi, ricevere le notifiche sugli incidenti, fornire a chi ha effettuato la notifica le informazioni per facilitare una gestione efficace dell’evento.
  • Informare gli altri Stati dell’Ue eventualmente coinvolti.
  • Garantire la collaborazione nella rete Csirt, attraverso l’individuazione di forme di cooperazione appropriate, lo scambio di informazioni.

“Viene così a comporsi un altro tassello importante dell’architettura nazionale cyber – sottolinea il Dipartimento – che, con la collocazione del Csirt presso il Dis, favorirà una più efficace gestione tecnica degli incidenti a livello nazionale e internazionale, grazie alle sinergie garantite dalle altre funzioni già assicurate dal Dipartimento in tale ambito, quali il ‘punto di contatto unico nazionale Nis’ per la gestione operativa di incidenti transfrontalieri, il ‘Nucleo per la Sicurezza Cibernetica (Nsc)’ per la gestione operativa di incidenti che hanno un impatto sulla sicurezza nazionale, e le attivazioni che deriveranno dal cosiddetto ‘Perimetro di sicurezza nazionale cibernetica’.”

Il decreto firmato dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte individua anche i tempi per una piena operatività del Csirt: entro 120 giorni il Dis, il Mise e l’Agid dovranno sottoscrivere appositi accordi per assicurare il trasferimento delle funzioni del Cert nazionale e del Cert-Pa al Csirt italiano che, per lo svolgimento dei propri compiti, si avvarrà dell’Agid ai sensi del decreto legislativo Nis. Le disposizioni del decreto istitutivo del Csirt entreranno in vigore entro 6 mesi.

Fonte: Key4biz.it del 11/11/2019

Archivio

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
02/08/2021
L’estate 2021 la ricorderemo anche per gli attacchi informatici che hanno preso di mira, nel periodo della pandemia, ospedali, strutture mediche e strutture che si occupano dello sviluppo e della distribuzione del vaccino contro il Covid 19. L’ultimo episodio ha interessato il Ced della Regione Lazio, mandando in tilt tutti i sistemi compresi quelli del portale Salute Lazio e della rete vaccinale.
Notizie
30/07/2021
Una rivoluzione dettata dalla pandemia. L’Italia ha scoperto lo smart working più per necessità, che per scelta nel corso dell’ultimo anno a mezzo. In che modo milioni di italiani hanno vissuto questo nuovo approccio, quali ripercussioni avrà nei prossimi anni l’introduzione sempre più consistente del lavoro agile? A Digitale Italia, il format web ideato da Aidr, una puntata dedicata allo smart working. Ospiti del format: Laura Carletti, CSR & HR Randstad Group Italia e Sergio Alberto Codella: segretario generale Aidr.
Notizie
29/07/2021
Nonostante anche in Italia vi sia un notevole incremento del settore Smart Home, simile a quello dei principali Paesi occidentali, in termini assoluti siamo ancora agli ultimi posti in Europa. Con questa espressione, che preferisco nella versione italiana di “Casa Intelligente”, si vogliono identificare tutti quei processi, figli della domotica che consentono di gestire in maniera automatica o da remoto dispositivi ed impianti che si trovano all’interno dell’abitazione e che consentono non solo un risparmio di energia, ma che aiutano a semplificare la vita domestica garantendo anche una maggiore sicurezza alle persone che vi abitano.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!