Seleziona una pagina

#Coronavirus: il Garante fornisce le prime indicazioni per la didattica a on-line

di Davide D’Amico Dirigente MIUR e Consigliere AIDR

Con il provvedimento del 26 marzo 2020, il Garante per la protezione dei dati personali interviene in tema di diritto alla protezione dei dati personali nella didattica a distanza per fornire le indicazioni utili a scuole, atenei studenti e famiglie. L’obiettivo è di assicurare un utilizzo “quanto più consapevole e positivo delle nuove tecnologie a fini didattici”. 

In particolare il Garante si sofferma sul fatto che le scuole e le università non devono richiedere il consenso al trattamento dei dati di docenti, alunni, studenti, genitori in quanto esso rientra nelle funzioni istituzionalmente assegnate alle stesse scuole e università.

E’ comunque necessario che le scuole e le università prestino particolare attenzione alla scelta e regolamentazione degli strumenti digitali utilizzati per la didattica a distanza. In particolare questi strumenti devono essere caratterizzati da misure di protezione dei dati sin dalla fase di progettazione e per “impostazioni predefinite”. E ancora, è possibile esimersi dalla valutazione d’impatto per il trattamento effettuato dalla singola istituzione scolastica nell’ambito di un servizio di videoconferenza o di una piattaforma che non prevede il controllo automatico degli utenti.

Nel caso in cui la piattaforma digitale selezionata comporti il trattamento di dati personali di studenti, alunni o dei rispettivi genitori per conto della scuola o dell’università, occorre regolare il rapporto con il fornitore attraverso un contratto o un altro atto giuridico come nel caso più comune del registro elettronico, per il quale  fornitore tratta i dati per conto della scuola.

Il provvedimento del Garante prevede inoltre che, nel caso in cui sia necessario utilizzare piattaforme più complesse, con servizi che non riguardano solo la didattica, devono comunque essere attivate solamente quelle funzioni strettamente necessarie alla formazione con una configurazione tale da minimizzare i dati personali da trattare evitando ad esempio la  geolocalizzazione il social login, etc.. In questo caso le scuole e gli atenei avranno cura di assicurare un utilizzo dei dati trattati per loro conto solo in riferimento alla didattica a distanza.

In ogni caso la disposizione prevede che il Garante vigili sul rispetto della disciplina di protezione dei dati personali da parte dei fornitori delle principali piattaforme digitali per la didattica a distanza, con l’obiettivo di garantire una adeguata tutela del trattamento dei dati dei docenti, degli studenti e delle famiglie.

Inoltre è specificato che il trattamento dati svolto dalle piattaforme per conto della scuola o dell’ateneo si deve limitare solamente ai servizi necessari per la fornitura della didattica on-line, senza ulteriori finalità proprie del fornitore, che non potrà condizionare la fruizione dei servizi  ad alcuna sottoscrizione di contratto o alla prestazione del consenso del trattamento dati, che riguardino l’utilizzo di ulteriori funzioni, non collegate all’attività  didattica.

Una particolare attenzione è poi focalizzata sui dati personali dei minori, per i quali deve essere garantita una specifica protezione, poiché essi hanno una minore consapevolezza delle conseguenze dei rischi dei loro diritti. Occorre quindi preservare l’utilizzo dei dati di minori da finalità di profilazione o di marketing.

Infine il Garante si sofferma sulla necessità di garantire la trasparenza e la correttezza del trattamento ed in particolare al fatto che le scuole e le università debbano informare gli interessati (alunni, studenti, genitori e docenti) con un linguaggio di facile comprensione anche ai minori, con particolare riferimento al trattamento dei dati effettuato.

Accedi al provvedimento del Garante del 26  marzo 2020 n. 64
link: https://bit.ly/3ax9xrt 

 

Archivio

SUPERBONUS 110%: siglato accordo tra Aidr e il portale RILANCIO ITALIA 2020 per ottenere il credito d’imposta

Un accordo di collaborazione è stato siglato tra l’associazione Italian Digital Revolution – AIDR e la Rete d’Imprese RILANCIO ITALIA 2020. L’intesa intende promuovere la piattaforma digitale di RILANCIO ITALIA 2020 (http://www.rilancioitalia2020.it/), Rete d’Imprese che è impegnata, nell’ambito del superbonus 110%, nella promozione, vendita e veicolazione dei servizi connessi e realizzati allo scopo.

“Blockchain per tutti”, arriva il primo e-book di Aidr

Da oggi disponibile su sito associazione e su principali store on-line Si inaugura la collana editoriale dedicata anche ai non addetti ai lavori, con l’obiettivo di far scoprire le tecnologie e il...

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
20/10/2020
Troppe parole sul Recovery Fund, o meglio Next generation EU, troppi sui media che ripetono all’infinito “ora che abbiamo questi 209 miliardi” ”ora che ci sono questi soldi”…”ora che è arrivato il recovery fund” etc etc. E’ necessario fare chiarezza innanzitutto sulla tempistica dei trasferimenti, (sulla concretezza dell’erogazione credo che, a prescindere dai mal di pancia dei cosiddetti Paesi “frugali”, essi verranno deliberati.), l’Italia dunque nel 2021 utilizzerà 25 miliardi del programma Next generation Eu nel 2021 (11 di prestiti dal Recovery fund, 10 di sovvenzioni più altri 4 di finanziamenti per la coesione (React Eu), nel 2022 le risorse che l’Italia richiederà all’Europa saliranno a 37,5 miliardi, nel 2023 ci sarà un picco fino a 41 miliardi, per poi ritornare a 39,4 miliardi nel 2024, 30,6 nel 2025 e 27,5 nel 2026.
Notizie
08/10/2020
di Michele Leone, Digital Media Specialist e socio Aidr. PTA ovvero "Poli territoriali avanzati". Sarà un concentrato di tecnologia racchiusa in strutture decentrate e Data driven, con area specifiche per concorsi pubblici, con spazi di co-working e con uffici per videoconferenze e lavoro agile per la “nuova” Pubblica Amministrazione.
Notizie
07/10/2020
AIDR ha deciso di dotarsi di un Osservatorio sull’applicazione del digitale e delle nuove tecnologie al mondo agroalimentare ed agroindustriale. Il suo scopo è quello di studiare, stimolare e promuovere l’applicazione delle tecnologie digitali alla filiera agroalimentare, mediante approfondimenti, articoli, rapporti, contributi ed il concorso di svariate competenze, tecniche, giuridiche ed economiche.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!