Tutti contro Facebook. Dal suo ex vicepresidente alla Francia, che lo regola per gli under 16

L’ex vicepresidente di Facebook, Chamath Palihapitiya, ha dichiarato: ‘Il social network sta distruggendo la società’. E il Governo francese ha presentato un disegno di legge che impone l’approvazione dei genitori per l’iscrizione al social degli under 16.

È una brutta settimana per Facebook. In questi giorni è venuta alla ribalta la dura dichiarazione del suo ex vicepresidente per la crescita degli utenti, Chamath Palihapitiya: “mi sento tremendamente in colpa per aver creato dei tool che stanno distruggendo il tessuto sociale”, e il riferimento è ai Like e ai cuoricini che imperversano sul social network. “Questi strumenti, guidati dalla dopamina, fanno vivere 2 miliardi di utenti in un modo della perfezione, perché ricompensati con reaction a breve termine, cuori, mi piace, pollici in su, che in realtà confondono ciò che conta davvero, confondono la realtà e la verità”, ha aggiunto Palihapitiya durante un’intervista rilasciata davanti agli studenti della Graduate School of Business di Stanford.

L’altra spallata al social network blu arriva dalla Francia. “L’iscrizione a Facebook comporterà l’autorizzazione dei genitori per minori di età inferiore ai 16 anni”, ha detto il ​​ministro della giustizia Nicole Belloubet. La novità è contenuta nel disegno di legge presentato dal Governo che riguarda tutti i social per tutelare maggiormente la privacy degli under 16. Tecnicamente la proposta di legge prevede che ci sia, nella procedura di iscrizione, una sezione, un box, in cui i genitori o i tutori possono esprimere il loro consenso o rifiuto.

Oltre alla privacy, il Governo francese pensa anche a tutelare la salute dei bambini dalle nuove tecnologie dichiarando guerra ai cellulari a scuola. Una legge in vigore li vieta già durante le ore di lezione, ma “dal rientro dalle vacanze sarà vietato utilizzarli anche nelle pause. Un’ipotesi è quella di riporli in appositi armadietti, in modo che non vengano utilizzati a scuola, ma possano comunque essere a portata di mano in caso d’emergenza”, ha annunciato il ministro dell’Educazione Jean-Michel Blanquer.

La replica di Facebook
Ritornando alla vicenda del fuoco amico in casa Facebook è giunta la replica della società alle parole del suo ex vicepresidente: “Chamath non utilizza Facebook da oltre sei anni (come ha dichiarato lui stesso n.d.r.). Quando lavorava da noi, la compagnia era focalizzata sull’ideazione di nuove esperienze e sulla crescita del social network in tutto il mondo. All’epoca, era un’azienda molto diversa e, crescendo, ci siamo resi conto di come anche le nostre responsabilità sono cresciute”, si legge nella dichiarazione rilasciata al Washington Post. “Abbiamo svolto molto lavoro e ricerche con esperti e accademici per comprendere gli effetti di Facebook sul benessere delle persone e ora stiamo informando gli utenti sui cambiamenti apportati alla piattaforma”, ha concluso il portavoce della società.

Nei cambiamenti non sono stati eliminati i Like, anzi di recente sono aumentati le reaction, le faccine, per dare un feedback a un post, foto o video. E sono proprio questi feedback “la causa della distruzione del tessuto sociale”, secondo l’ex vicepresidente per la crescita degli utenti, Chamath Palihapitiya, che personalmente ha adottato questa soluzione per vivere senza l’illusione di una vita perfetta: stare lontano dai social network “anche se questo fa arrabbiare molto i miei amici”.

Luigi Garofalo

Fonte: http://bit.ly/2jYdr4h

Archivio

Al via la “Call for professor” d’intesa con le università

L’Associazione Italian Digital Revolution – AIDR, in collaborazione con alcune università italiane, si è candidata come “Digital Knowledge Provider” nell’ambito di seminari, corsi di formazione e master universitari.L’obiettivo della “Call For Professor”, in linea con la missione associativa, è quello di porre i riflettori sull’innovazione, attraverso la diffusione della cultura digitale mettendo a disposizione delle Università italiane contenuti e docenti da inserire all’interno dei propri percorsi formativi.

Privacy, tavola rotonda Aidr su controlli e sanzioni Garante  

Milano, 22 gennaio – Trascorso il periodo transitorio che tutti gli Stati europei hanno osservato per consentire alle imprese di adeguarsi al nuovo sistema legato al GDPR, entrato in vigore da maggio 2018, sono iniziate le verifiche e i controlli nonché l’irrogazione delle sanzioni amministrative. Da una prima analisi è possibile constatare come il Garante privacy italiano stia tenendo un approccio ragionevole e ponderato in merito alle sanzioni per il mancato rispetto del GDPR, e ciò, in modo conforme a quanto dispone il regolamento stesso, secondo cui le sanzioni devono essere “effettive, proporzionate e dissuasive”.

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
18/02/2020
Avete presente il mito della Fata Morgana, quello da cui prende nome il fenomeno fisico visibile da Reggio Calabria? Si tratta di una specie di miraggio, che ingrandisce Messina e la proietta talmente vicina alla Calabria da illudere i calabre In un leggendario mese d’agosto, un re barbaro arrivò a Reggio per conquistare la Sicilia. Morgana, per proteggere il fratello, fece apparire la Sicilia talmente vicina alla Calabria che il re si illuse di poterla raggiungere a nuoto. Mentre nuotava, però, l’incantesimo si interruppe e il re barbaro morì affogato.
Notizie
17/02/2020
Roma 17 febbraio - L’Associazione Italian Digital Revolution (AIDR), in collaborazione con alcune università italiane, si è candidata come ‘Digital Knowledge Provider’ nell’ambito di seminari, corsi di formazione e master universitari. L’obiettivo della “Call for professor”, in linea con la missione associativa, è quello di porre i riflettori sull’innovazione, attraverso la diffusione della cultura digitale mettendo a disposizione delle università italiane contenuti e docenti da inserire all’interno dei propri percorsi formativi.
Notizie
14/02/2020
Se il concetto di “industria culturale” è stato generalmente utilizzato con un’accezione negativa, oggi il paragone tra il settore della cultura e quello industriale offre nuovi spunti e nuove prospettive, soprattutto quando si parla di innovazione. Così come il settore industriale si sta aprendo alla rivoluzione digitale attraverso la cosiddetta “Industria 4.0”, anche il mondo della cultura può e deve guardare agli strumenti digitali come a un’occasione per migliorare un’offerta che si innesta su un terreno già fertile.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!