Seleziona una pagina

Telemedicina per la Gestione integrata del paziente. Progetto per i pazienti diabetici – l’esperienza dell’ATS Sardegna

Migliorare la vita dei pazienti e il lavoro degli operatori: sono questi gli obiettivi che si pongono i progetti di Telemedicina della ATS Sardegna rivolti in una prima fase ai pazienti cronici di Diabetologia, a cui seguiranno quelli della Broncopneumopatia cronica ostruttiva e della Cardiologia, afferma Rita Concas, Funzionario in ufficio di staff direzione d’area di Cagliari ATS Sardegna e componente dell’Osservatorio Sanità Digitale di AIDR.

Un progetto innovativo avviato in via sperimentale per i pazienti Diabetologici della ASSL di Olbia e quelli della ASSL di Carbonia – Iglesias: le due Aree sono state individuate all’interno dell’ATS in considerazione della specifica situazione socio-assistenziale del territorio e per lo stato di insularità dei territori, in particolare per il Distretto di La Maddalena e per quello di Carloforte – Sant’Antioco.

Il Diabete Mellito è una patologia cronica legata ad una disfunzione del metabolismo del glucosio: i pazienti diabetici devono solitamente autogestire la patologia mediante terapia farmacologia, con iniezioni di insulina più volte al giorno, e mediante il controllo della glicemia tramite piccoli apparecchi di misura (i glucometri). Gli esiti della terapia vengono valutati periodicamente da un centro diabetologico e dai medici di medicina generale che provvedono ad assegnare, là dove fosse necessario, la nuova terapia ai pazienti. Un buon controllo metabolico è fondamentale per prevenire complicanze a breve termine, come ipoglicemia e coma diabetico, e complicanze a lungo termine, come problemi cardiovascolari, cecità o piede diabetico.

Il Progetto di Telemedicina in campo Diabetologico, sottolinea Rita Concas, si inquadra nell’ambito di una più ampia iniziativa connessa alla realizzazione del sistema informatico per le Cure Primarie, avviata dal Dipartimento ICT della ATS Sardegna e che vede la collaborazione della Medtronic SpA, la multinazionale del settore, che realizza i dispositivi per la gestione e il monitoraggio del paziente. Negli scorsi giorni si è tenuto a Olbia l’incontro di avvio del progetto, che vede tecnici e operatori impegnati ora nelle attività di Startup operativo, a cui seguirà, tra ottobre e novembre, il reclutamento dei pazienti.

Il paziente potrà verificare e controllare, attraverso un accesso al sistema web con PC o Tablet o Smartphone, tutti i valori e parametri relativi al proprio stato di salute, riguardante la propria terapia di somministrazione dell’insulina. Allo stesso modo gli operatori sanitari del Centro Diabetologico avranno accesso al Sistema Software Web per verificare in tempo reale lo stato dei propri pazienti, analizzare statistiche e monitorare costantemente la situazione medica e la terapia di ciascuno.

Il sistema di telemedicina per la gestione dei pazienti diabetici con sistema integrato di terapia insulinica andrà a ridurre, sia al paziente che all’operatore sanitario, i tempi di interscambio e trasmissione dei parametri, evitando al paziente di doversi recare in ambulatorio per trasmettere i propri dati, che invece verranno trasmessi in tempo reale. Ma non solo, con gli informatici stiamo lavorando per realizzare un sistema di “chat” che consentano al paziente e all’operatore di dialogare in diretta. Sistemi di telemedicina come questo sono ormai diventati indispensabili per una corretta gestione della patologia.

Questa nuova scienza presenta numerosi vantaggi, come la razionalizzazione delle strutture del sistema ospedaliero, il miglioramento della qualità dell’assistenza terapeutica, il drastico abbattimento dei costi della gestione sanitaria e, soprattutto, la possibilità per il paziente di ricevere delle diagnosi senza doversi necessariamente recare in ospedale: il controllo a distanza dà la possibilità di rimanere all’interno della propria abitazione. Un vantaggio soprattutto in presenza di pazienti allettati che potrebbero essere raggiunti dal medico di Medicina Generale che si occuperebbe di scaricare il Diario Glicemico per poi condividerlo con il Diabetologo.

Il processo di estensione alle altre ASSL di ATS è previsto entro l’anno in corso e non oltre il primo trimestre del 2020, comunque subito dopo il completamento e la valutazione dei risultati nelle aree sperimentali di Carbonia-Iglesias e Olbia.

Rita Concas, funzionario in ufficio di staff direzione d’area di Cagliari ATS Sardegna e componente dell’Osservatorio Sanità Digitale di AIDR

Archivio

SUPERBONUS 110%: siglato accordo tra Aidr e il portale RILANCIO ITALIA 2020 per ottenere il credito d’imposta

Un accordo di collaborazione è stato siglato tra l’associazione Italian Digital Revolution – AIDR e la Rete d’Imprese RILANCIO ITALIA 2020. L’intesa intende promuovere la piattaforma digitale di RILANCIO ITALIA 2020 (http://www.rilancioitalia2020.it/), Rete d’Imprese che è impegnata, nell’ambito del superbonus 110%, nella promozione, vendita e veicolazione dei servizi connessi e realizzati allo scopo.

“Blockchain per tutti”, arriva il primo e-book di Aidr

Da oggi disponibile su sito associazione e su principali store on-line Si inaugura la collana editoriale dedicata anche ai non addetti ai lavori, con l’obiettivo di far scoprire le tecnologie e il...

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
20/10/2020
Troppe parole sul Recovery Fund, o meglio Next generation EU, troppi sui media che ripetono all’infinito “ora che abbiamo questi 209 miliardi” ”ora che ci sono questi soldi”…”ora che è arrivato il recovery fund” etc etc. E’ necessario fare chiarezza innanzitutto sulla tempistica dei trasferimenti, (sulla concretezza dell’erogazione credo che, a prescindere dai mal di pancia dei cosiddetti Paesi “frugali”, essi verranno deliberati.), l’Italia dunque nel 2021 utilizzerà 25 miliardi del programma Next generation Eu nel 2021 (11 di prestiti dal Recovery fund, 10 di sovvenzioni più altri 4 di finanziamenti per la coesione (React Eu), nel 2022 le risorse che l’Italia richiederà all’Europa saliranno a 37,5 miliardi, nel 2023 ci sarà un picco fino a 41 miliardi, per poi ritornare a 39,4 miliardi nel 2024, 30,6 nel 2025 e 27,5 nel 2026.
Notizie
08/10/2020
di Michele Leone, Digital Media Specialist e socio Aidr. PTA ovvero "Poli territoriali avanzati". Sarà un concentrato di tecnologia racchiusa in strutture decentrate e Data driven, con area specifiche per concorsi pubblici, con spazi di co-working e con uffici per videoconferenze e lavoro agile per la “nuova” Pubblica Amministrazione.
Notizie
07/10/2020
AIDR ha deciso di dotarsi di un Osservatorio sull’applicazione del digitale e delle nuove tecnologie al mondo agroalimentare ed agroindustriale. Il suo scopo è quello di studiare, stimolare e promuovere l’applicazione delle tecnologie digitali alla filiera agroalimentare, mediante approfondimenti, articoli, rapporti, contributi ed il concorso di svariate competenze, tecniche, giuridiche ed economiche.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!