Smart Nation, non ce l’ha fatta il Governo del cambiamento. Il bilancio delle politiche digitali

di Luigi Garofalo  

Tracciamo il bilancio per vedere cosa ha fatto e cosa non ha fatto il Governo M5S-Lega su Innovazione, Tlc, Pa digitale, cybersecurity, 5G e fibra ottica. 

L’Italia non è diventata una “Smart Nation”. L’ambizioso traguardo del Governo del cambiamento, sognato soprattutto dal Movimento 5 Stelle, non è stato raggiunto a causa dell’improvvisa crisi dell’esecutivo, che interromperà la legislatura. Tracciamo il bilancio per vedere cosa ha fatto e cosa non ha fatto il Governo M5S-Lega su Innovazione, Tlc, Pa digitale, cybersecurity, 5G e fibra ottica.

Fondo Innovazione: fatto (Ma non da 2 miliardi come promesso da Di Maio, ma da 1 miliardo)

L’ultimo passo compiuto dal Governo gialloverde per la Smart Nation è stata la costituzione del Fondo Nazionale Innovazione a sostegno del panorama imprenditoriale ed industriale italiano “in ambito startup e innovazione”. Non di 2 miliardi di euro, come promesso da Luigi Di Maio, ministro dello Sviluppo Economico (Mise), ma il fondo è di circa 1 miliardo che sarà utilizzata come “fondo dei fondi” per investimenti diretti in piccole e medie imprese (Pmi) e in startup ad alto tasso di innovazione.

Pa digitale rimandata. PagoPa Spa e le impronte digitali insufficienti per una vera pubblica amministrazione digitale

L’attuale Governo ha deciso un cambiamento radicale nella governance del digitale nella pubblica amministrazione, non più affidata a una soluzione “tampone”, al Commissario straordinario per l’attuazione dell’Agenda digitale. Da gennaio la regia passerà a Palazzo Chigi, che vigilerà anche su PagoPa Spa, una società per azioni interamente partecipata dallo Stato per la gestione e i compiti della piattaforma PagoPa, il sistema di pagamenti elettronici realizzato per rendere più semplice, sicuro e trasparente qualsiasi pagamento verso la Pubblica Amministrazione.

L’altra e ultima novità tecnologica per la pubblica amministrazione, voluta dall’esecutivo M5S-Lega, e diventata legge è l’obbligo delle impronte digitali e, contestualmente, la videosorveglianza, per combattere l’assenteismo nella Pubblica amministrazione (sono esclusi gli insegnanti).

Dunque PagoPa Spa e le impronte digitali sono insufficienti per la digital transformation della Pa. Questa, invece, la promessa del Governo per una Pa digitale: “il cittadino potrà ricorrere maggiormente a strumenti digitali in vari ambiti quali, ad esempio, la sanità, il fisco, la previdenza, la mobilità, i servizi anagrafici”.

Rete unica, “create le condizioni”

“Se si vorrà fare l’operazione di mercato per creare un soggetto unico della connettività in Italia abbiamo creato i presupposti normativi per farlo”, ha detto spesso il vice premier Di Maio, facendo riferimento alle norme inserite nel decreto fiscale che incentivano l’aggregazione fra le reti di Tim Open Fiber.

Blockchain – Smart Contract: fatto (Quando pubbliche le strategie nazionali su Blockchain e IA)

Di Maio, a capo del Mise, ha dato vita a due gruppi di esperti su blockchain e intelligenza artificiale, come annunciato, il 26 luglio 2018, nelle linee programmatiche in materia di Telecomunicazioni e Digitale del ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico. Ora si aspetta di vedere i risultati a cui sono giunti i due gruppi e soprattutto sapere quando l’Italia sarà in grado di pubblicare le strategie nazionali sulla blockchain e sull’AI. “Ad ottobre quella sull’intelligenza artificiale”, ha dichiarato recentemente il capo politico del M5S. Vedremo.

Blockchain – Smart Contract: tecnologie basate su registri distribuiti, come la blockchain, hanno trovato per la prima volta la piena validità giuridica nel disegno di legge di conversione del DL Semplificazioni, approvato dal Parlamento. Nel testo è contenuta anche la definizione di Smart contract. La legge prevede, inoltre, che la memorizzazione di un documento informatico attraverso l’uso di tecnologie basate su registri distribuiti produca gli effetti giuridici della validazione temporale elettronica. L’identificazione di un preciso inquadramento giuridico, unitamente alle disposizioni europee in materia di antiriciclaggio e alle relazioni pubblicate da Banca d’Italia, favorisce la generale accettazione delle cripto-attività e lo sviluppo di nuove attività d’impresa.

Fibra ottica, permessi scavi più snelli: fatto

Con lo stesso decreto Semplificazioni Di Maio ha mantenuta la promessa di “accelerare il più possibile i processi di autorizzazione” per i lavori di scavo per la fibra ottica. La legge riduce la burocrazia e agevola gli interventi necessari per la posa della fibra (avvio scavi, pozzetti, ecc.) semplificando così tutta la procedura. Sulla realizzazione di una rete pubblica in fibra ottica, di recente, il Governo ha dato il via libera all’erogazione dei voucher a cittadini, scuole e imprese nelle cosiddette aree grigie, quelle periferiche, per stimolare la domanda di Internet ultraveloce.

Piazza WiFi Italia: il progetto va avanti?

Sono oltre 100 i Comuni in cui è già attivo il servizio Piazza WiFi Italia, che ha come obiettivo quello di permettere ai cittadini di connettersi gratuitamente e in modo semplice, tramite l’app dedicata, a una rete wifi libera e diffusa su tutto il territorio nazionale.

Sono 2.413 i Comuni che fino ad ora hanno aderito al progetto del MiSe, avviato a fine febbraio 2019, con una disposizione di 45 milioni di euro. Una bella iniziativa aperta a tutti, dai soggetti privati ai Comuni, dalle Città metropolitane alle Province e le Regioni. Per aderire è necessario registrarsi sulla piattaforma web accessibile dal sito wifi.italia.it.

Decreto Golden Power sul 5G: affossato?

Infine il 5G. L’asta ha fruttato 6,55 miliardi alle casse dello Stato, vale a dire 4 miliardi in più dei 2,5 miliardi attesi dalla Legge di Bilancio. Ma è sul decreto Golden Power esteso anche alle reti 5G, che il Governo gialloverde ha fatto marcia indietro in modo clamoroso. Dopo averlo varato, il M5S ha cambiato idea e ha deciso di “non insistere” per la conversione in legge, raccogliendo così le lamentele di Huawei. Per rimpiazzarlo è stato varato il disegno di legge cybersecurity. Mentre il Golden Power sul 5G, voluto dalla Lega e in particolare dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti, è praticamente affossato, perché il decreto è in vigore dal 12 luglio e andrebbe convertito in legge entro il 9 settembre. In piena crisi di Governo.

FonteKey4biz.it del 09/08/2019

Archivio

Al via la “Call for professor” d’intesa con le università

L’Associazione Italian Digital Revolution – AIDR, in collaborazione con alcune università italiane, si è candidata come “Digital Knowledge Provider” nell’ambito di seminari, corsi di formazione e master universitari.L’obiettivo della “Call For Professor”, in linea con la missione associativa, è quello di porre i riflettori sull’innovazione, attraverso la diffusione della cultura digitale mettendo a disposizione delle Università italiane contenuti e docenti da inserire all’interno dei propri percorsi formativi.

Privacy, tavola rotonda Aidr su controlli e sanzioni Garante  

Milano, 22 gennaio – Trascorso il periodo transitorio che tutti gli Stati europei hanno osservato per consentire alle imprese di adeguarsi al nuovo sistema legato al GDPR, entrato in vigore da maggio 2018, sono iniziate le verifiche e i controlli nonché l’irrogazione delle sanzioni amministrative. Da una prima analisi è possibile constatare come il Garante privacy italiano stia tenendo un approccio ragionevole e ponderato in merito alle sanzioni per il mancato rispetto del GDPR, e ciò, in modo conforme a quanto dispone il regolamento stesso, secondo cui le sanzioni devono essere “effettive, proporzionate e dissuasive”.

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
24/02/2020
La propagazione del contagio da coronavirus, al centro delle cronache mondiali degli ultimi giorni, sta proiettando l’attenzione collettiva (di esperti, Istituzioni, cittadini) sulle modalità con cui prevenire il pericolo della progressiva diffusione dell’epidemia, specie in ragione del suo elevatissimo grado di trasmissibilità.
Notizie
22/02/2020
I motori di ricerca sono il punto d’ingresso principale al web. A una pagina, nella gran parte dei casi, si accede a partire dalla ricerca di una o più parole chiave. E per questo, quando IL motore di ricerca non funziona, è come se “si fosse rotto l’internet” (vedi la bella striscia a tema di zerocalcare).
Notizie
21/02/2020
Roma, 21 Febbraio - Un accordo di collaborazione è stato siglato a Roma tra le associazioni Italian Digital Revolution e Knosso, associazione nata per diffondere la cultura della sicurezza e della legalità intesa come conoscenza e presidio di protezione dei beni tangibili di una organizzazione pubblica o privata.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!