Seleziona una pagina

Primo Maggio, Mattarella: “Le istituzioni collaborino tra loro. Il Paese è maturo, riparta dal lavoro”

“Nessuno dimentichi lʼangoscia delle settimane precedenti – afferma il Capo dello Stato riferendosi alla pandemia – e dal governo è necessaria chiarezza”

“Finalmente si riparte“, ma non bisogna archiviare “l’angoscia delle settimane precedenti”. Il Paese è maturo e riparta dal lavoro con prudenza e “collaborazione tra le istituzioni e nelle istituzioni”. Così Sergio Mattarella agli italiani. in occasione del Primo Maggio. “Sono necessarie indicazioni ragionevoli e chiare da parte del governo ed è decisiva la capacità di adottare comportamenti coerenti” per preservare la salute.

Primo Maggio: l’appello di Mattarella per il lavoro

 

Secondo il Capo dello Stato, sarebbe imperdonabile dimenticare “la violenta e veloce aggressione del virus o il fatto che abbiamo superato i duecentomila contagi e che ogni giorno dobbiamo piangere alcune centinaia di vittime“. L’uscita dal tunnel è possibile, ma non è certo il momento di “vanificare i sacrifici fatti fin qui”.

Tensioni politiche e fiducia negli italianiNella giornata in cui si celebra l’importanza del lavoro, Mattarella parla con chiarezza anche alla politica e dalle sue parole si comprende come la tensione che ancora pervade partiti e istituzioni lo preoccupi non poco. Un senso civico che il Capo dello Stato chiede anche agli italiani: “So che possiamo fare affidamento sul senso di responsabilità dei nostri concittadini, perché ci si continui a comportare con la necessaria prudenza”.

I buoni risultati vanno difesiL’Italia sta attraversando un “passaggio d’epoca pieno di difficoltà”, ripete più volte Mattarella spingendo sul tasto dell’unità nazionale ed esaltando il comportamento “ammirevole” dei cittadini, che non devono mollare proprio adesso. “La ripresa è possibile perché nei quasi due mesi precedenti siamo riusciti ad attenuare molto la pericolosità dell’epidemia. Dobbiamo difendere questo risultato a tutela della nostra salute”, insiste il Presidente, preoccupato da un clima da “liberi tutti” che potrebbe portare alla catastrofe.

Primo Maggio: il messaggio del Capo dello Stato

 

“L’Italia disegni il futuro attraverso il lavoro “Non mancano certo i toni di fiducia e ottimismo, in questo messaggio per un Primo Maggio così particolare. Il Capo dello Stato premette come l’Italia sia oggi un “Paese maturo e forte” e proprio per questo deve saper cogliere dalla sventura le opportunità. L’Italia “concorde e unita” deve saper “ridisegnare attraverso il lavoro” il suo prossimo futuro. “La battuta d’arresto che abbiamo subìto – scrive Mattarella – spinge ad accelerare verso un cambiamento che deve valorizzare e non subire fenomeni come la globalizzazione e la ,digitalizzazione dell’economia, con scelte lungimiranti”. E per fare questo non puo’ mancare il contributo dell’Europa. Europa che, Mattarella riconosce, ha “già assunto importanti decisioni”.

Tornare tutti al lavoro, quindi, perché “l’Italia vuole costruire il suo domani” e perché “non ci può essere Repubblica senza lavoro, come afferma solennemente il primo articolo della nostra Costituzione”. Ma non bastano gli intenti o gli alti valori sanciti sulla Carta: serve subito “un equo, efficace e tempestivo sostegno alle famiglie e alle attività produttive, a quanti sono rimasti disoccupati e senza reddito, in modo da conservare intatte tutte le risorse del nostro capitale sociale”. “Alla ripresa vanno indirizzati, in modo concorde, gli sforzi di tutti, senza distrazioni o negligenze”, è la sintesi di Sergio Mattarella.

La firma del decretoNella serata del 30 aprile Mattarella firma inoltre il decreto legge sulle “misure urgenti” in tema di intercettazioni, carceri, giustizia e “per l’introduzione del sistema di allerta COVID-19” (la cosiddetta app).

Fonte: Tgcom24 del 1 Maggio 2020

Archivio

SUPERBONUS 110%: siglato accordo tra Aidr e il portale RILANCIO ITALIA 2020 per ottenere il credito d’imposta

Un accordo di collaborazione è stato siglato tra l’associazione Italian Digital Revolution – AIDR e la Rete d’Imprese RILANCIO ITALIA 2020. L’intesa intende promuovere la piattaforma digitale di RILANCIO ITALIA 2020 (http://www.rilancioitalia2020.it/), Rete d’Imprese che è impegnata, nell’ambito del superbonus 110%, nella promozione, vendita e veicolazione dei servizi connessi e realizzati allo scopo.

“Blockchain per tutti”, arriva il primo e-book di Aidr

Da oggi disponibile su sito associazione e su principali store on-line Si inaugura la collana editoriale dedicata anche ai non addetti ai lavori, con l’obiettivo di far scoprire le tecnologie e il...

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
27/10/2020
Ecco il video dell’intervista a Franco Losi, cofondatore della società Cinello, a cura di Gianfranco Ossino, Ingegnere e Responsabile Osservatorio per la Digitalizzazione dell’Ambiente e dell’Energia Aidr, e Francesco Pagano, responsabile servizi informatici ALES e consigliere AIDR.
Notizie
26/10/2020
di Vito Coviello, Socio AIDR e Responsabile Osservatorio Tecnologie Digitali nel settore dei trasporti e della logistica. Stiamo vivendo un periodo complesso in cui è stata messa in discussione la nostra libertà di vita a causa della pandemia che ci ha costretto ad uscire dagli schemi, a cercare nuove soluzioni, nuovi equilibri di vita nell’attesa del ritorno alla normalità. Ma quale sarà la nostra normalità post Covid?
Notizie
20/10/2020
Troppe parole sul Recovery Fund, o meglio Next generation EU, troppi sui media che ripetono all’infinito “ora che abbiamo questi 209 miliardi” ”ora che ci sono questi soldi”…”ora che è arrivato il recovery fund” etc etc. E’ necessario fare chiarezza innanzitutto sulla tempistica dei trasferimenti, (sulla concretezza dell’erogazione credo che, a prescindere dai mal di pancia dei cosiddetti Paesi “frugali”, essi verranno deliberati.), l’Italia dunque nel 2021 utilizzerà 25 miliardi del programma Next generation Eu nel 2021 (11 di prestiti dal Recovery fund, 10 di sovvenzioni più altri 4 di finanziamenti per la coesione (React Eu), nel 2022 le risorse che l’Italia richiederà all’Europa saliranno a 37,5 miliardi, nel 2023 ci sarà un picco fino a 41 miliardi, per poi ritornare a 39,4 miliardi nel 2024, 30,6 nel 2025 e 27,5 nel 2026.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!