Seleziona una pagina

Lettera aperta alla Ministra della pubblica amministrazione

Illustr.ma On. Fabiana Dadone

Corso Vittorio Emanuele II, 116

00186 Roma

PEC: protocollo_dfp@mailbox.governo.it

e p.c.          agli organi di stampa e informazione 

 

Proposta per incentivare il lavoro agile nella pubblica amministrazione mediante la formazione SNA e-learning per tutti i dipendenti pubblici.

Illustre Ministro Dadone,

la pandemia impone una decisa accelerazione della digitalizzazione a cui la pubblica amministrazione è chiamata prima fra tutti. Il Covid – 19 ha imposto nuove regole di lavoro e i dipendenti della pubblica amministrazione, dirigenti e non, devono esser dotati del patrimonio conoscitivo necessario ad esercitare il lavoro agile nella maniera più efficiente ed efficace possibile.

AIDR è da anni impegnata in una costante attività di sensibilizzazione delle istituzioni e dei cittadini al tema digital e, oggi più che mai, intende fornire il suo supporto ad entrambi nell’ottica di una massima e proficua collaborazione a beneficio della collettività.

Con la presente si propone a cod.sto ecc. mo Ministero di avvalersi di strumenti già esistenti per consentire l’indispensabile formazione del personale delle amministrazioni, centrali e locali, propedeutica allo svolgimento “agile” della propria prestazione lavorativa.

Il Formez PA, la cui mission include la promozione della modernizzazione della pubblica amministrazione, può assumere un ruolo centrale nel coordinamento di questo processo in ragione dell’expertise già maturata e della disponibilità di un’organizzazione dedicata.

Come noto,  il d.lgs. 165/2001 recante “Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche” impone un obbligo di formazione per tutte le amministrazioni pubbliche che sono così individuate “le amministrazioni dello Stato, ivi compresi gli istituti e scuole di ogni ordine e grado e le istituzioni educative, le aziende ed amministrazioni dello Stato ad ordinamento autonomo, le Regioni, le Province, i Comuni, le Comunità montane, e loro consorzi e associazioni, le istituzioni universitarie, gli Istituti autonomi case popolari, le Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura e loro associazioni, tutti gli enti pubblici non economici nazionali, regionali e locali, le amministrazioni, le aziende e gli enti del Servizio sanitario nazionale, l’Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni (ARAN) e le Agenzie di cui al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300”.

Lo stesso d. lgs. impone “tenuto conto delle autonomie locali e di quelle delle regioni e delle province autonome, nel rispetto dell’articolo 97, comma primo, della Costituzione” di “c) realizzare la migliore utilizzazione delle risorse umane nelle pubbliche amministrazioni, assicurando la formazione e lo sviluppo professionale dei dipendenti” nonché di curare “la formazione e l’aggiornamento del personale, ivi compreso quello con qualifiche dirigenziali, garantendo altresì l’adeguamento dei programmi formativi, al fine di contribuire allo sviluppo della cultura di genere della pubblica amministrazione.”

La scuola nazionale dell’amministrazione (SNA) precisa ulteriormente che tra le sue principali attività figura l’erogazione della formazione per tutti i dipendenti pubblici. Come si legge sul suo sito, infatti: “Parte integrante della Presidenza del Consiglio dei Ministri, la Scuola Nazionale dell’Amministrazione (SNA) è l’istituzione deputata a selezionare, reclutare e formare i funzionari e i dirigenti pubblici e costituisce il punto centrale del Sistema unico del reclutamento e della formazione pubblica, istituito per migliorare l’efficienza e la qualità della Pubblica Amministrazione italiana”.

Ad oggi siamo tuttavia a segnalare che solo i dirigenti possono partecipare a detta formazione. La partecipazione ai corsi di formazione continua, infatti, è a titolo gratuito solo per i dipendenti delle Amministrazioni centrali, di cui al CCNQ 2016-2018, e per i dipendenti degli Organi costituzionali, delle Autorità indipendenti e dell’Istituto nazionale di statistica.

I soggetti non compresi in questo elenco possono accedere alla formazione, solo previo pagamento di una quota individuale di iscrizione (al pari dei  dipendenti di soggetti privati, la cui  quota è a carico del datore di lavoro. Per offrire degli esempi concreti sugli effetti di questa disparità, citiamo il caso della partecipazione al corso “Advanced ICT Presentation Skills”. Questa è gratuita per alcune Amministrazioni ed erogata al costo di 60,00 euro per un funzionario del Comune o di altro ente territoriale e di 180 euro per i soggetti dipendenti da privati. In ogni caso, i soggetti di amministrazioni per le quali il corso non è gratuito per poter accedere alla formazione devono essere iscritti dalla propria amministrazione di appartenenza che dovrà versare la quota di iscrizione alla SNA.

È di tutta evidenza come il meccanismo appena descritto crei delle distorsioni che, specie in un contesto emergenziale come quello attuale, non possono più essere consentite.

Un dipendente pubblico, diverso dai soggetti per i quali il corso è gratuito, non può accedere a corsi di formazione professionale se non a pagamento e previa autorizzazione dell’ente di appartenenza che si trova spesso a dover negare tale autorizzazione per impossibilità di sostenerne i relativi costi.

La nostra Costituzione impone che l’azione amministrativa sia efficace ed efficiente a tutti i livelli. Tuttavia, l’amministrazione si compone di individui che, per poter adeguare il proprio operato agli standard più elevati e alle best practices amministrative nazionali ed internazionali, devono poter fruire di un costante aggiornamento professionale.

On. Ministra Le chiediamo, certi che condivida il nostro pensiero, di intervenire per consentire a partire da questa fase emergenziale, la fruizione libera della formazione SNA ai funzionari di tutte le amministrazioni pubbliche, senza distinzioni.

AIDR ritiene che grazie ad iniziative come questa si potrà accelerare sull’indispensabile processo di digitalizzazione di cui il nostro Paese ha assoluta necessità, soprattutto in questo momento.

La ringraziamo per la Sua cortese attenzione e Le siamo grati per l’attenzione che vorrà prestare alla nostra proposta.

Roma lì, 3 aprile 2020

Archivio

SUPERBONUS 110%: siglato accordo tra Aidr e il portale RILANCIO ITALIA 2020 per ottenere il credito d’imposta

Un accordo di collaborazione è stato siglato tra l’associazione Italian Digital Revolution – AIDR e la Rete d’Imprese RILANCIO ITALIA 2020. L’intesa intende promuovere la piattaforma digitale di RILANCIO ITALIA 2020 (http://www.rilancioitalia2020.it/), Rete d’Imprese che è impegnata, nell’ambito del superbonus 110%, nella promozione, vendita e veicolazione dei servizi connessi e realizzati allo scopo.

“Blockchain per tutti”, arriva il primo e-book di Aidr

Da oggi disponibile su sito associazione e su principali store on-line Si inaugura la collana editoriale dedicata anche ai non addetti ai lavori, con l’obiettivo di far scoprire le tecnologie e il...

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
27/10/2020
Ecco il video dell’intervista a Franco Losi, cofondatore della società Cinello, a cura di Gianfranco Ossino, Ingegnere e Responsabile Osservatorio per la Digitalizzazione dell’Ambiente e dell’Energia Aidr, e Francesco Pagano, responsabile servizi informatici ALES e consigliere AIDR.
Notizie
26/10/2020
di Vito Coviello, Socio AIDR e Responsabile Osservatorio Tecnologie Digitali nel settore dei trasporti e della logistica. Stiamo vivendo un periodo complesso in cui è stata messa in discussione la nostra libertà di vita a causa della pandemia che ci ha costretto ad uscire dagli schemi, a cercare nuove soluzioni, nuovi equilibri di vita nell’attesa del ritorno alla normalità. Ma quale sarà la nostra normalità post Covid?
Notizie
20/10/2020
Troppe parole sul Recovery Fund, o meglio Next generation EU, troppi sui media che ripetono all’infinito “ora che abbiamo questi 209 miliardi” ”ora che ci sono questi soldi”…”ora che è arrivato il recovery fund” etc etc. E’ necessario fare chiarezza innanzitutto sulla tempistica dei trasferimenti, (sulla concretezza dell’erogazione credo che, a prescindere dai mal di pancia dei cosiddetti Paesi “frugali”, essi verranno deliberati.), l’Italia dunque nel 2021 utilizzerà 25 miliardi del programma Next generation Eu nel 2021 (11 di prestiti dal Recovery fund, 10 di sovvenzioni più altri 4 di finanziamenti per la coesione (React Eu), nel 2022 le risorse che l’Italia richiederà all’Europa saliranno a 37,5 miliardi, nel 2023 ci sarà un picco fino a 41 miliardi, per poi ritornare a 39,4 miliardi nel 2024, 30,6 nel 2025 e 27,5 nel 2026.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!