Seleziona una pagina

Intelligenza artificiale, che cos’è e quali sono i vantaggi per le imprese

di Andrea Tomassi 

L’ascesa dell’intelligenza artificiale nel mondo degli affari è alimentata da una combinazione di velocità di elaborazione, algoritmi di apprendimento e disponibilità dei dati. Ingredienti amalgamati fra loro nella “cucina” delle piattaforme Cloud Computing.

La storia di David, un androide infantile programmato con la capacità di amare, protagonista del film “AI” diretto da Steven Spielberg rappresenta una frontiera per le attuali soluzioni d’intelligenza artificiale. Ciò non di meno tale tecnologia ha già dimostrato di essere migliore degli esseri umani in molti aspetti.

Nel 1997, il Deep Blue di IBM ha sconfitto gli scacchi campione, Garry Kasparov. L’algoritmo principale usato da Deep Blue era una variazione di un approccio descritto dal matematico Cloude Shannon nel 1950. Da una data posizione, il computer valuta tutte le possibili mosse; quindi, per ogni possibile mossa valuta le possibili risposte dell’avversario, e così via. Il programma continua ad effettuare questa valutazione per il maggior numero di round possibile. Tale numero è limitato dalla potenza di elaborazione e dal tempo disponibile. Fatto ciò, il programma sceglie la mossa che garantisce le migliori prospettive. Quindi, il tipo di intelligenza artificiale presentata da Deep Blue è stata possibile grazie alla disponibilità di un massiccia potenza di elaborazione.

In ogni caso, la sola potenza di elaborazione non è sufficiente per costruire un’intelligenza artificiale. E’ necessario prendere in considerazione altri due ingredienti. Innanzitutto, si deve considerare il modo attraverso cui acquisire e accumulare dati proveniente dal mondo con cui l’intelligenza artificiale interagisce. In secondo luogo, si devono individuare gli algoritmi e le tecniche per elaborare i dati al fine di costruire il giusto risultato.

L’intelligenza artificiale è un sistema in grado di esibire tratti dell’intelligenza umana come il ragionamento, l’apprendimento dall’esperienza o l’interazione con gli esseri umani in linguaggio naturale. Questa definizione appare intuitiva, sebbene risulti essere ambigua per il fatto che il concetto di ciò che è considerato intelligente, cambia nel tempo. È intelligente calcolare la radice quadrata di pi greco in pochi millisecondi? È intelligente giocare a scacchi come Deep Blue? È intelligente parlare come Siri? Le risposte a queste domande sono soggettive.

Per cercare di rendere la definizione più obiettiva, si possono introdurre due tipi di AI: AI generale e AI ristretto. L’intelligenza artificiale generale è in genere ciò che si associa ad un sistema completo che è indistinguibile da un essere umano. Conosce o può imparare qualsiasi cosa l’uomo può imparare, ha emozioni, ha persino uno scopo nella vita.

L’intelligenza artificiale ristretta è meno ambiziosa. È quando un sistema mostra un aspetto dei tratti dell’intelligenza umana su un campo o su un’attività specifici. AlphaGo è in grado di giocare, ma non può scrivere una ricetta per una torta.

La realizzazione di AI ristretta è oggi possibile perché i singoli ingredienti della sua “ricetta” sono disponibili: potenza di elaborazione sufficiente, enorme volume di dati e, ultimo ma non meno importante, insieme di tecniche e algoritmi. Quali sono gli algoritmi che permettono di costruire macchine intelligenti? Prima di tutto, non sono composti da una procedura esplicita. Ad esempio, una che descrive tutti i criteri per riconoscere un cane in una foto. Al contrario, si devono scrivere algoritmi capaci di analizzare migliaia di foto di cani e dedurne da ciò un modo implicito di riconoscere un cane Non è necessario che la modalità deduttiva sia spiegabile, fintanto che funziona quando testata su nuove serie di immagini. Questo è chiamiamo machine learning o apprendimento automatico.

L’intelligenza artificiale avrà un grande impatto sulle imprese nei prossimi anni con settori come le telecomunicazioni, i servizi finanziari, l’automotive, la farmaceutica, solo per citarne alcuni. Ciò è testimoniato dagli enormi investimenti che Google, Microsoft, Apple, Amazon e IBM stanno portando avanti nell’ambito dell’intelligenza artificiale.

Cosa significa questo per le aziende? Significa che le aziende devono iniziare a capire quali sono le potenziali applicazioni per le quali l’intelligenza artificiale possa portare benefici ed è quindi necessario che le aziende inizino a sperimentare l’impiego dell’intelligenza artificiale.

Quale dovrebbe essere la strada da seguire? Si considerino i tre elementi fondamentali che costituiscono la “ricetta” di AI ristretta: potenza di calcolo, algoritmi di apprendimento e dati di addestramento.

La potenza di calcolo sta diventando sempre più una commodity. Pertanto, a meno che un’azienda non si trovi ad operare in ​​un settore molto specializzato, si potrà ricorrere ad una infrastruttura di calcolo standard. Gli algoritmi sono tutt’altro che una commodity e rappresentano un vivace ambito di ricerca, limitata da disponibilità di talenti per tenere il passo con l’evoluzione. Oltre ai talenti per la scienza dei dati è opportuno potenziare l’intera forza lavoro per adeguarla a lavorare in ambienti abilitati all’intelligenza artificiale.

Ultimo ma non meno importante, i dati di allenamento in quanto il più delle volte rappresentano un vantaggio competitivo sono l’elemento chiave da considerare- Nessun algoritmo può compensare dati mancanti o di bassa qualità (Garbage in, Garbage out) Ciò rammenta una delle principali sfide che si affrontano con l’intelligenza artificiale.

Gli algoritmi AI più sofisticati sono scatole nere che imparano dall’esperienza per fare le loro scelte, è tuttavia difficoltoso identificare esplicitamente quale variabile di input o quale esperienza passata abbia portato alla scelta effettuata. Ciò ha serie implicazioni etiche e talvolta legali. Ad esempio, uno studio ha dimostrato che gli algoritmi AI possono sviluppare distorsioni di discriminazione basate sulla razza o sul genere. Si consideri il caso in cui si addestri l’algoritmo di un’intelligenza artificiale per aiutare a selezionare i migliori candidati per una determinata posizione di lavoro. Se la formazione dei risultati è basata sulle precedenti campagne di reclutamento, probabilmente si replicheranno gli stessi pregiudizi che i reclutatori umani potrebbero avere avuto nei confronti di determinate minoranze. Alcuni di questi dilemmi saranno probabilmente risolti con una migliore comprensione o un miglior controllo degli algoritmi AI.

L’ascesa dell’intelligenza artificiale nel mondo degli affari è alimentata da una combinazione di velocità di elaborazione, algoritmi di apprendimento e disponibilità dei dati. Ingredienti amalgamati fra loro nella “cucina” delle piattaforme Cloud Computing.

Fonte: Key4biz.it del 25/08/2019

Archivio

SUPERBONUS 110%: siglato accordo tra Aidr e il portale RILANCIO ITALIA 2020 per ottenere il credito d’imposta

Un accordo di collaborazione è stato siglato tra l’associazione Italian Digital Revolution – AIDR e la Rete d’Imprese RILANCIO ITALIA 2020. L’intesa intende promuovere la piattaforma digitale di RILANCIO ITALIA 2020 (http://www.rilancioitalia2020.it/), Rete d’Imprese che è impegnata, nell’ambito del superbonus 110%, nella promozione, vendita e veicolazione dei servizi connessi e realizzati allo scopo.

“Blockchain per tutti”, arriva il primo e-book di Aidr

Da oggi disponibile su sito associazione e su principali store on-line Si inaugura la collana editoriale dedicata anche ai non addetti ai lavori, con l’obiettivo di far scoprire le tecnologie e il...

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
27/10/2020
Ecco il video dell’intervista a Franco Losi, cofondatore della società Cinello, a cura di Gianfranco Ossino, Ingegnere e Responsabile Osservatorio per la Digitalizzazione dell’Ambiente e dell’Energia Aidr, e Francesco Pagano, responsabile servizi informatici ALES e consigliere AIDR.
Notizie
26/10/2020
di Vito Coviello, Socio AIDR e Responsabile Osservatorio Tecnologie Digitali nel settore dei trasporti e della logistica. Stiamo vivendo un periodo complesso in cui è stata messa in discussione la nostra libertà di vita a causa della pandemia che ci ha costretto ad uscire dagli schemi, a cercare nuove soluzioni, nuovi equilibri di vita nell’attesa del ritorno alla normalità. Ma quale sarà la nostra normalità post Covid?
Notizie
20/10/2020
Troppe parole sul Recovery Fund, o meglio Next generation EU, troppi sui media che ripetono all’infinito “ora che abbiamo questi 209 miliardi” ”ora che ci sono questi soldi”…”ora che è arrivato il recovery fund” etc etc. E’ necessario fare chiarezza innanzitutto sulla tempistica dei trasferimenti, (sulla concretezza dell’erogazione credo che, a prescindere dai mal di pancia dei cosiddetti Paesi “frugali”, essi verranno deliberati.), l’Italia dunque nel 2021 utilizzerà 25 miliardi del programma Next generation Eu nel 2021 (11 di prestiti dal Recovery fund, 10 di sovvenzioni più altri 4 di finanziamenti per la coesione (React Eu), nel 2022 le risorse che l’Italia richiederà all’Europa saliranno a 37,5 miliardi, nel 2023 ci sarà un picco fino a 41 miliardi, per poi ritornare a 39,4 miliardi nel 2024, 30,6 nel 2025 e 27,5 nel 2026.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!