Seleziona una pagina

Digital Europe programme: ok dal Parlamento Ue al piano da 9 miliardi di euro

di Flavio Fabbri

Cinque i settori chiave previsti: supercomputer (2,7 miliardi di euro), intelligenza artificiale (2,5 miliardi), cybersicurezza e fiducia (2 miliardi), competenze digitali (700 milioni), promozione delle tecnologie digitali nell’economia e nella società (1,3 miliardi). 

Le crescenti e sempre più complesse sfide digitali vanno allineate da una parte al bilancio dell’Unione europea, dall’altra però anche alle competenze e le aspettative di cittadini e imprese. Il Parlamento europeo ha votato e approvcato nei giorni scorsi il Programma europeo digitale e il piano di finanziamento allegato da 9,2 miliardi di euro per il periodo 2021-2027.

Obiettivo del programma, si legge in una nota di Strasburgo, è “assicurare che tutti gli europei abbiano le competenze e le infrastrutture necessarie per rispondere a tutte le sfide digitali della loro vita privata e professionale”.
“Per troppi anni, il settore tecnologico europeo è rimasto indietro rispetto ad altri paesi come gli Stati Uniti e la Cina. Abbiamo bisogno di un approccio coerente nell’Unione europea e di un investimento ambizioso per garantire una soluzione allo squilibrio cronico tra la crescente domanda di tecnologie di ultima generazione e l’offerta disponibile in Europa”, ha dichiarato la responsabile della relazione Angelika Mlinar, eurodeputata austriaca dei Democratici e liberali per l’Europa.
“Possiamo contare sull’eccellenza europea nel campo della ricerca e dell’innovazione, ma per le nostre aziende, soprattutto le piccole e medie imprese, è ancora difficile accedere e trarre vantaggio dalle nuove soluzioni. Questo Programma è stato concepito precisamente per affrontare il problema della scarsa diffusione delle tecnologie di sperimentazione esistenti. Siamo sulla buona strada per dare uno dei più promettenti e necessari finanziamenti al futuro dell’Europa”
, ha poi aggiunto Mlinar.

Cinque i settori chiave previsti dal programma: supercomputer (2,7 miliardi di euro di finanziamenti), intelligenza artificiale (2,5 miliardi), cybersicurezza e fiducia (2 miliardi), competenze digitali (700 milioni di euro) e promuovere l’uso delle tecnologie digitali nell’economia e nella società (1,3 miliardi di euro).
Nelle speranze di Bruxelles, lo strumento è parte integrante di una “strategia volta a sviluppare ulteriormente il potenziale tecnologico del mercato digitale unico. Tale strategia potrebbe portare a una crescita annuale pari a quattro milioni di posti di lavoro e a €415 miliardi nell’economia europea e, al contempo, far crescere il valore competitivo dell’Unione europea nel panorama internazionale”.

Fonte: Key4biz.it del 29/04/2019

Archivio

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
18/10/2021
Tre le modifiche al Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n. 196, nella versione aggiornata con il Decreto Legislativo 101del 2018, apportate con il neonato Decreto Legge 8 ottobre 2021, entrato in vigore sabato 9 ottobre 2021.  La prima modifica, che ha già fatto gridare allo scandalo, ma l’allarme è esagerato, attiene alla necessaria soppressione, nell’ottica dell’impegno assunto a livello Europeo di efficientamento delle risorse del PNRR, del parere preventivo del Garante privacy per gli atti generali della P.A.
Notizie
15/10/2021
La tecnologia può rendere davvero migliori le nostre vite, qual è l’impatto della digitalizzazione sull’andamento del lavoro. I social network sono un male o un bene per le relazioni? A Digitale Italia un nuovo approfondimento, ospiti in studio del format web ideato da Aidr Stefano Epifani: Presidente del Digital Transformation Institute e Davide D’Amico: dirigente PA, socio AIDR.
Notizie
14/10/2021
di Gianfranco Ossino Ingegnere e in Aidr Responsabile Osservatorio per la digitalizzazione dell’ambiente e dell’energia. Lo smart working sta già cambiando i nostri stili di vita che vedranno sempre più l’affermarsi delle abitazioni anche come luoghi di lavoro, ciò richiederà maggior comfort e controllo sui consumi energetici. Una valida risposta ad entrambe le esigenze viene offerta dalle soluzioni “Smart Home”.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!