Seleziona una pagina

Digital 2019: tre italiani su cinque attivi sui social per quasi due ore al giorno

WE ARE SOCIAL e Hootsuite, piattaforma di social media management, lanciano Digital 2019, annuale Report che analizza lo scenario social e digital a livello globale e locale, prendendo in esame 230 distinti paesi. Per quanto riguarda l’Italia, la ricerca – alla sua ottava edizione – rivela che nel 2018 sono stati 11 milioni i nuovi utenti online, per un totale di 54.8 milioni di persone che accedono a Internet, quasi la totalità della popolazione.


Principali evidenze italiane

Internet
• gli utenti Internet sono quasi 55 milioni, vale a dire oltre 9 italiani su 10;
• il 92% delle persone guarda video online, a conferma di una tendenza che vede già dall’anno scorso la crescita continua di questo formato;
• la tecnologia voice sta iniziando a diffondersi, come dimostra il 3o%degli utenti Internet che utilizza almeno un servizio controllato tramite la voce;
• anche il mondo gaming non è da sottovalutare: un italiano su 6 gioca in modalità streaming live, mentre l’11% guarda altri gamers giocare online, il 5,4% in relazione a campionati di e-sports;

Social media
• sono 35 milioni le persone attive sulle piattaforme, di cui 31 milioni quelli che accedono da mobile, canale che conferma il suo ruolo fondamentale;
• le persone trascorrono in media sui social network un tempo di poco inferiore alle 2 oreogni giorno;
• la piattaforma social più attiva si conferma YouTube, seguita da WhatsApp e Facebook;

Mobile
• quasi tutti gli abitanti del nostro paese possiedono un telefono cellulare (97%). Il 76% ha uno smartphone;
• l’87% degli italiani utilizza device mobili per attività di messaggistica, mentre lato intrattenimento la fruizione di contenuti video da mobile interessa 4 italiani su 5 e il gaming un italiano su due;

E-commerce
• la crescita nell’utilizzo di Internet sta trascinando anche l’e-commerce: i tre quarti di tutti gli utenti di Internet ha dichiarato di aver acquistato nell’ultimo mese prodotti o servizi online, il 42% grazie a un dispositivo mobile;
• la spesa totale online per i beni di consumo durante il 2018 è stata di 15,63 miliardi di dollari, con un incremento del 13% rispetto all’anno precedente;

Nel mondo
• il numero di persone che accedono a Internet è ora pari a 4,39 miliardi, in aumento rispetto ai 4,02 miliardi dell’anno precedente;
• tre miliardi e mezzo di persone sono attive sui social media, cioè il 45% della popolazione mondiale, in aumento rispetto al 2018 (42%). Di loro, 3,25 miliardi utilizza i canali social da mobile;
• più di 5 miliardi di persone nel mondo, due terzi degli abitanti del pianeta, possiedono un telefono cellulare;

Commentano nella nota Gabriele Cucinella, Stefano Maggi e Ottavio Nava, Ceo We Are Social: “In Italia i canali social e digital si confermano un punto di riferimento per informazione, intrattenimento e conversazione. In linea con i paesi occidentali, anche gli italiani stanno sviluppando grande attenzione per temi importanti legati alla loro vita online, come il controllo della propria privacy e la scelta di fonti di informazione affidabili. Interessante notare, oltre all’aumento del numero di utenti social media, la crescita di comportamenti legati a nuovi formati di fruizione e a tecnologie relativamente nuove, come le ricerche vocali, l’interazione con intelligenza artificiale, l’e-gaming e le sue varie declinazioni. La maggiore attenzione da parte delle persone per la comunicazione social e digital, e l’aumento dei punti di contatto, rendono fondamentale che i brand conoscano profondamente le esigenze delle persone a cui si rivolgono: l’unica via per stabilire una connessione e avere un impatto positivo attraverso la creatività”.

Aggiunge Penny Wilson, Cmo Hootsuite: “Sebbene nel 2018 i social media siano stati sotto la lente di ingrandimento e si sia registrata una diminuzione della fiducia da parte delle persone, vediamo che queste ultime continuano a trascorrere sempre più tempo sulle piattaforme – la media giornaliera nel mondo è di 2 ore e 16 minuti, circa un settimo delle ore di veglia. Ma per stimolare l’attenzione dei consumatori, i brand hanno bisogno di ripensare le modalità con cui interagiscono sui canali social. Devono fare attenzione alla privacy dei propri clienti e, allo stesso tempo, creare connessioni dirette grazie a contenuti interessanti e al passo con le loro esigenze mantenendo un approccio autentico in grado di riflettere i valori del brand”.

Fonte: www.youmark.it

MAURO COVINO, Dipendente Formez , Studioso e Docente di Comunicazione presso le Università di Roma “La Sapienza”, Luiss “Guido Carli” , Lumsa e Bari. Coordinatore Ferpi Lazio Gruppo di Lavoro “Ordini Professionali” e Responsabile dell’Osservatorio sull’Andamento del Digitale Italiano dell’AIDR

Archivio

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
21/10/2021
Quale percezione hanno gli altri della nostra identità in rete, in che modo possiamo cancellare le immagini online che non ci rappresentano, è possibile tutelarsi da contenuti lesivi della nostra reputazione? A Digitale Italia nuovo approfondimento legato ai temi della digitalizzazione.
Notizie
21/10/2021
La chiave del successo di una buona strategia di social media marketing passa da lì, non ci sono dubbi. Per una azienda, piccola o grande che sia, non basta la presenza, o almeno non basta più la semplice presenza, sui social bisogna andare oltre, creando contenuti di valore
Notizie
20/10/2021
Il rito della vendemmia è millenario, e per molti aspetti le azioni umane sono le stesse di sempre, ben rappresentante dalle formelle e dai bassorilievi dei “cicli delle stagioni” delle grandi cattedrali romaniche che infallibilmente associano il mese di settembre – nell’allora vigente calendario giuliano - al segno zodiacale della Bilancia ed alla raccolta delle uve.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!