Diffusione dei dati inerenti allo stato della salute sui siti della Pubblica Amministrazione

Con la sentenza n. 9382 del 2019 la Cassazione ribadisce il principio in base al quale non si possono diffondere sui siti delle Pubbliche Amministrazioni dati inerenti allo stato di salute.
La motivazione della sentenza, tuttavia, risulta censurabile sotto diversi aspetti.
In primo luogo non può passare inosservata la divergenza temporale tra la data della sentenza (7 novembre 2017) e la pubblicazione della stessa, avvenuta con il deposito in cancelleria il 4 aprile 2019, ossia 16 mesi dopo.
In questo arco temporale, infatti, il sistema normativo è stato radicalmente e profondamente modificato con il Regolamento Europeo 679/2016 e l’emanazione del d.lgs 101/2018.
La sentenza quindi dovrebbe far riferimento, proprio per la sequenza temporale, alla normativa previgente, ossia al Codice Privacy nella sua vecchia formulazione.

Nella motivazione tuttavia manca qualsiasi riferimento all’art. 22, oggi abrogato, che espressamente prevedeva il divieto di diffusione dei dati in grado di rivelare lo stato di salute, previsione oggi confluita nell’art. 2 septies del Codice Privacy. Il collegio, invece, riprende un precedente delle Sezioni Unite del quale si limita a riportare uno stralcio, tralasciando un elemento essenziale.

I Giudici, infatti, riprendono il “consolidato” principio in base al quale “i dati sensibili idonei a rilevare lo stato di salute possono essere trattati dai soggetti pubblici soltanto mediante modalità organizzative che rendano non identificabile l’interessato”.
In realtà il principio espresso dalle Sezioni Unite della Cassazione, con la sentenza 27-12-2017, n. 30981 è in parte diverso.
In quella pronuncia la Cassazione, dopo aver delineato in maniera precisa e puntuale il sistema normativo, sottolinea che le Pubbliche Amministrazioni, a norma dell’art. 22 comma 6, sono tenute ad adottare tecniche di cifratura o mediante l’utilizzazione di codici identificativi o di altre soluzioni che, considerato il numero e la natura dei dati trattati, li rendano temporaneamente inintelligibili anche a chi è autorizzato ad accedervi e permettano di identificare gli interessati solo in caso di necessità.
Il riferimento alla cifratura dei dati è stato totalmente tralasciato dalla sentenza in commento.
Non si spiega come sia possibile una tale omissione che, è evidente, potrebbe condurre a interpretazioni errate e in contrasto con il nuovo sistema normativo oggi in vigore.

Oggi come allora la diffusione di questa particolare tipologia di dati non è possibile, proprio perché è espressamente vietata dal dato normativo ed in particolare l’art. 22 prima, l’art. 2 septies ora.
È dunque indispensabile per le Pubbliche Amministrazioni, oggi più che mai, procedere ad adottare tecniche di cifratura dei dati idonee a garantire la loro temporanea inintelligibilità per gli scopi previsti dalla norma attualmente in vigore.

Federica De Stefani, avvocato e responsabile AIDR Regione Lombardia

Archivio

“Blockchain per tutti”, arriva il primo e-book di Aidr

Da oggi disponibile su sito associazione e su principali store on-line Si inaugura la collana editoriale dedicata anche ai non addetti ai lavori, con l’obiettivo di far scoprire le tecnologie e il...

Al via la “Call for professor” d’intesa con le università

L’Associazione Italian Digital Revolution – AIDR, in collaborazione con alcune università italiane, si è candidata come “Digital Knowledge Provider” nell’ambito di seminari, corsi di formazione e master universitari.L’obiettivo della “Call For Professor”, in linea con la missione associativa, è quello di porre i riflettori sull’innovazione, attraverso la diffusione della cultura digitale mettendo a disposizione delle Università italiane contenuti e docenti da inserire all’interno dei propri percorsi formativi.

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
27/05/2020
Nel 2020, complice lo shock sistemico della pandemia del COVID-19 che ha colpito i sistemi sanitari ed economici di tutto il mondo, si profila un’espansione vertiginosa delle nuove tecnologie esponenziali che avranno come scopo oggettivo il miglioramento della qualità della vita delle persone.
Notizie
26/05/2020
L'Intelligenza Artificiale modificherà  il nostro agire quotidiano, incidendo sulle nostre scelte, sui nostri comportamenti, arrivando persino a prevederli ed a distinguere le nostre emozioni, con realtà artificiale sempre più invasiva, sia negli ambiti personali che professionali, come quando la I.A. viene chiamata in causa per decidere quali persone assumere, tirando  in ballo la possibile e progressiva erosione della facoltà di giudizio e di azione e delle stesse caratteristiche che ci rendono pienamente uomini.
Notizie
25/05/2020
Il nostro Paese sta attraversando uno dei momenti più drammatici, complessi e sconosciuti  della sua storia recente e meno recente. Siamo tutti Lombardi, Bergamaschi, Bresciani, Milanesi, Lodigiani, Cremonesi, Piacentini solo per citare la regione e alcune delle provincie più colpite, ma ahimè potremmo andare avanti molto a lungo … E’ una battaglia, un impegno, una sofferenza, una tristezza che ci deve accomunare tutti, nessuno escluso. 

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!