Seleziona una pagina

Didattica a distanza, foto di fine anno e violazione della privacy

di Federica De Stefani, avvocato e responsabile Aidr Regione Lombardia

La pandemia causata dalla diffusione del covid 19 ha rivoluzionato molti settori, compreso quello della scuola.

Da ormai oltre 2 mesi gli studenti italiani stanno sperimentato la c.d. “didattica a distanza” che, a seconda delle scuole e delle diverse realtà, viene effettuata con modalità e strumenti differenti.

In questa situazione, già complessa di per sé, si è inserito anche il tema della privacy, la cui violazione viene declinata in vari modi.

C’è chi invoca il mancato rispetto del GDPR perchè sarebbe stata proposta l’idea di una foto di classe di fine anno con incarico ad un fotografo professionista di immortalare i ragazzi durante un collegamento nella classe virtuale.

L’emergenza sanitaria che stiamo vivendo ha portato ad un aumento esponenziale dell’utilizzo della rete e della tecnologia, con non pochi problemi, è vero, legati al trattamento dei dati. È altrettanto, vero, tuttavia, che questo maggior impiego del digitale porta, in molti casi, a immaginare violazioni che in realtà non esistono.

Si invoca il GDPR come se qualsiasi attività collegata ad internet portasse, in automatico, un trattamento di dati personali.

Significativo il caso della foto di fine anno.

Qui, la violazione della privacy riguarderebbe il fatto che il fotografo potrebbe immortalare, sullo sfondo, anche una porzione della stanza in cui si trova il bambino.

In questo caso si perde completamente di vista il punto della questione.

Il trattamento di dati personali non riguarda il fotografo, ma eventualmente la piattaforma che viene utilizzata per creare la classe virtuale e partecipare alle lezioni, poiché l’iscrizione o l’utilizzo della piattaforma in ogni caso realizza un trattamento di dati che avviene (o dovrebbe avvenire) secondo le modalità che la piattaforma utilizza e che sono state accettate nel momento in cui è stato scaricato il programma per il collegamento.

Il problema della privacy non attiene allo sfondo che si vede alle spalle del bambino, che in ogni caso è visibile da qualsiasi persona si affianchi ad uno degli altri partecipanti alla classe virtuale e guardi lo schermo.

Il problema è a monte.

Se non si vogliono far vedere particolari della propria abitazione basta posizionare il bambino con il dispositivo che utilizza per il collegamento su uno sfondo neutro, come per esempio potrebbe essere un muro della stanza, oppure si può allargare l’inquadratura e fare in modo che venga inquadrato solo il viso del bambino.

Rimane in ogni caso che lo sfondo dell’inquadratura non può essere ricollegato in alcun modo al GDPR che regolamenta, come noto, il trattamento dei dati personali, ossia di quei dati che a norma dell’art. 4 dello stesso sono definiti come “qualsiasi informazione riguardante una persona fisica identificata o identificabile («interessato»); si considera identificabile la persona fisica che può essere identificata, direttamente o indirettamente, con particolare riferimento a un identificativo come il nome, un numero di identificazione, dati relativi all’ubicazione, un identificativo online o a uno o più elementi caratteristici della sua identità fisica, fisiologica, genetica, psichica, economica, culturale o sociale”.

L’inquadratura del bambino che partecipa ad una classe virtuale lo rende identificabile non perché alle spalle c’è un quadro o una porzione di divano, ma per il fatto che sono stati dati alla piattaforma utilizzata al momento del collegamento altri dati, come l’indirizzo Ip o la mail ed è magari stato inserito un nome e un cognome (in alcune piattaforme ogni bambino, nella propria inquadratura può avere il proprio nome e cognome).

Non si tratta quindi di violazione della privacy quando si parla della foto di fine anno, le violazioni di dati sono ben altra cosa. 

 

Archivio

SUPERBONUS 110%: siglato accordo tra Aidr e il portale RILANCIO ITALIA 2020 per ottenere il credito d’imposta

Un accordo di collaborazione è stato siglato tra l’associazione Italian Digital Revolution – AIDR e la Rete d’Imprese RILANCIO ITALIA 2020. L’intesa intende promuovere la piattaforma digitale di RILANCIO ITALIA 2020 (http://www.rilancioitalia2020.it/), Rete d’Imprese che è impegnata, nell’ambito del superbonus 110%, nella promozione, vendita e veicolazione dei servizi connessi e realizzati allo scopo.

“Blockchain per tutti”, arriva il primo e-book di Aidr

Da oggi disponibile su sito associazione e su principali store on-line Si inaugura la collana editoriale dedicata anche ai non addetti ai lavori, con l’obiettivo di far scoprire le tecnologie e il...

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
20/10/2020
Troppe parole sul Recovery Fund, o meglio Next generation EU, troppi sui media che ripetono all’infinito “ora che abbiamo questi 209 miliardi” ”ora che ci sono questi soldi”…”ora che è arrivato il recovery fund” etc etc. E’ necessario fare chiarezza innanzitutto sulla tempistica dei trasferimenti, (sulla concretezza dell’erogazione credo che, a prescindere dai mal di pancia dei cosiddetti Paesi “frugali”, essi verranno deliberati.), l’Italia dunque nel 2021 utilizzerà 25 miliardi del programma Next generation Eu nel 2021 (11 di prestiti dal Recovery fund, 10 di sovvenzioni più altri 4 di finanziamenti per la coesione (React Eu), nel 2022 le risorse che l’Italia richiederà all’Europa saliranno a 37,5 miliardi, nel 2023 ci sarà un picco fino a 41 miliardi, per poi ritornare a 39,4 miliardi nel 2024, 30,6 nel 2025 e 27,5 nel 2026.
Notizie
08/10/2020
di Michele Leone, Digital Media Specialist e socio Aidr. PTA ovvero "Poli territoriali avanzati". Sarà un concentrato di tecnologia racchiusa in strutture decentrate e Data driven, con area specifiche per concorsi pubblici, con spazi di co-working e con uffici per videoconferenze e lavoro agile per la “nuova” Pubblica Amministrazione.
Notizie
07/10/2020
AIDR ha deciso di dotarsi di un Osservatorio sull’applicazione del digitale e delle nuove tecnologie al mondo agroalimentare ed agroindustriale. Il suo scopo è quello di studiare, stimolare e promuovere l’applicazione delle tecnologie digitali alla filiera agroalimentare, mediante approfondimenti, articoli, rapporti, contributi ed il concorso di svariate competenze, tecniche, giuridiche ed economiche.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!