Blockchain: l’Europa spenderà 1,5 miliardi di dollari nel 2020, la metà per banche e industria

di Flavio Fabbri

Gli investimenti europei aumenteranno più del resto del mondo nel biennio 2019-2020, portando la spesa a +104%. USA ancora leader del settore, con un incremento di risorse per la blockchain che toccherà +1000% nel 2022. 

La tecnologia blockchain si sta affermando in modo rapido in tutto il mondo e in Europa in particolare è attesa crescere ad un passo molto più veloce. Secondo stime IDC, i Paesi europei spenderanno 1,5 miliardi di dollari in soluzioni blockchain nel 2019, in aumento a 3,6 miliardi entro il 2022.

Guardando al tasso di crescita annuo, infatti, se è vero che l’Europa è partita più lentamente rispetto ad altri mercati, stiamo assistendo ad un suo netto recupero e nel biennio 2019-2020 è attesa una crescita ben superiore alla media mondiale (+104% e +81% contro +89% e +76%).

I segmenti che riceveranno gli investimenti maggiori sono diversi, tra cui: il bancario (31,7% delle risorse), il manifatturiero (17,9%), il retail (6,5%), i servizi professionali (6%), l’energetico con le utilities (5,7%).

Migliora anche la “blockchain awareness” tra le aziende europee: oggi, secondo dati IDC, quelle che non hanno mai sentito parlare di questa tecnologia sono meno del 40%, mentre nel 2017 erano quasi il 60%.

Il dato migliore si riscontra sicuramente tra le aziende del settore finanziario ed energetico.

Le opportunità migliori potrebbero essere proprio quelle previste nel comparto energy, per quel che riguarda la parte commerciale ed amministrativa, con i contratti smart, le piattaforme big data, i nuovi modelli di generazione/distribuzione delle risorse energetiche, la sicurezza e il ruolo proattivo del consumatore.

Sempre secondo stime IDC, il Governo degli Stati Uniti ha annunciato una spesa in blockchain pari a 123,5 milioni di dollari entro il 2022. Considerando che nel 2017 gli investimenti pubblici non raggiungevano gli 11 milioni di dollari, se tale dato sarà confermato avremo un incremento di risorse destinate a tale tecnologia del 1000%.

Secondo un nuovo studio Research and Markets, il mercato americano della blockchain crescerà complessivamente con maggiore dinamicità nei prossimi anni, ma con meno enfasi, soprattutto nel segmento criptovalute, passando dagli attuali 3,12 miliardi di dollari ai 41 miliardi del 2025, con un tasso annuo di crescita composto del 44,5% (era del 110% fino al 2018).

Fino al 2016, il 55% del mercato blokchain era in mano agli Stati Uniti, il 30% all’Europa, il resto agli asiatici. Regno Unito e Germania, da sole, controllavano il 55% del mercato europeo, secondo dati Allied Market Research.

In futuro, però, le cose potrebbero cambiare e in base ai trend attesi da Markets and Markets, dal 2021 e in maniera più netta nel 2023, la quota di mercato europea crescerà maggiormente di quella americana, con un forte recupero anche dell’area Asia-Pacifico.

Fonte: Key4biz.it del 19/04/2019

Archivio

Al via la “Call for professor” d’intesa con le università

L’Associazione Italian Digital Revolution – AIDR, in collaborazione con alcune università italiane, si è candidata come “Digital Knowledge Provider” nell’ambito di seminari, corsi di formazione e master universitari.L’obiettivo della “Call For Professor”, in linea con la missione associativa, è quello di porre i riflettori sull’innovazione, attraverso la diffusione della cultura digitale mettendo a disposizione delle Università italiane contenuti e docenti da inserire all’interno dei propri percorsi formativi.

Privacy, tavola rotonda Aidr su controlli e sanzioni Garante  

Milano, 22 gennaio – Trascorso il periodo transitorio che tutti gli Stati europei hanno osservato per consentire alle imprese di adeguarsi al nuovo sistema legato al GDPR, entrato in vigore da maggio 2018, sono iniziate le verifiche e i controlli nonché l’irrogazione delle sanzioni amministrative. Da una prima analisi è possibile constatare come il Garante privacy italiano stia tenendo un approccio ragionevole e ponderato in merito alle sanzioni per il mancato rispetto del GDPR, e ciò, in modo conforme a quanto dispone il regolamento stesso, secondo cui le sanzioni devono essere “effettive, proporzionate e dissuasive”.

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
24/02/2020
La propagazione del contagio da coronavirus, al centro delle cronache mondiali degli ultimi giorni, sta proiettando l’attenzione collettiva (di esperti, Istituzioni, cittadini) sulle modalità con cui prevenire il pericolo della progressiva diffusione dell’epidemia, specie in ragione del suo elevatissimo grado di trasmissibilità.
Notizie
22/02/2020
I motori di ricerca sono il punto d’ingresso principale al web. A una pagina, nella gran parte dei casi, si accede a partire dalla ricerca di una o più parole chiave. E per questo, quando IL motore di ricerca non funziona, è come se “si fosse rotto l’internet” (vedi la bella striscia a tema di zerocalcare).
Notizie
21/02/2020
Roma, 21 Febbraio - Un accordo di collaborazione è stato siglato a Roma tra le associazioni Italian Digital Revolution e Knosso, associazione nata per diffondere la cultura della sicurezza e della legalità intesa come conoscenza e presidio di protezione dei beni tangibili di una organizzazione pubblica o privata.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!