Seleziona una pagina

Blockchain: l’Europa spenderà 1,5 miliardi di dollari nel 2020, la metà per banche e industria

di Flavio Fabbri

Gli investimenti europei aumenteranno più del resto del mondo nel biennio 2019-2020, portando la spesa a +104%. USA ancora leader del settore, con un incremento di risorse per la blockchain che toccherà +1000% nel 2022. 

La tecnologia blockchain si sta affermando in modo rapido in tutto il mondo e in Europa in particolare è attesa crescere ad un passo molto più veloce. Secondo stime IDC, i Paesi europei spenderanno 1,5 miliardi di dollari in soluzioni blockchain nel 2019, in aumento a 3,6 miliardi entro il 2022.

Guardando al tasso di crescita annuo, infatti, se è vero che l’Europa è partita più lentamente rispetto ad altri mercati, stiamo assistendo ad un suo netto recupero e nel biennio 2019-2020 è attesa una crescita ben superiore alla media mondiale (+104% e +81% contro +89% e +76%).

I segmenti che riceveranno gli investimenti maggiori sono diversi, tra cui: il bancario (31,7% delle risorse), il manifatturiero (17,9%), il retail (6,5%), i servizi professionali (6%), l’energetico con le utilities (5,7%).

Migliora anche la “blockchain awareness” tra le aziende europee: oggi, secondo dati IDC, quelle che non hanno mai sentito parlare di questa tecnologia sono meno del 40%, mentre nel 2017 erano quasi il 60%.

Il dato migliore si riscontra sicuramente tra le aziende del settore finanziario ed energetico.

Le opportunità migliori potrebbero essere proprio quelle previste nel comparto energy, per quel che riguarda la parte commerciale ed amministrativa, con i contratti smart, le piattaforme big data, i nuovi modelli di generazione/distribuzione delle risorse energetiche, la sicurezza e il ruolo proattivo del consumatore.

Sempre secondo stime IDC, il Governo degli Stati Uniti ha annunciato una spesa in blockchain pari a 123,5 milioni di dollari entro il 2022. Considerando che nel 2017 gli investimenti pubblici non raggiungevano gli 11 milioni di dollari, se tale dato sarà confermato avremo un incremento di risorse destinate a tale tecnologia del 1000%.

Secondo un nuovo studio Research and Markets, il mercato americano della blockchain crescerà complessivamente con maggiore dinamicità nei prossimi anni, ma con meno enfasi, soprattutto nel segmento criptovalute, passando dagli attuali 3,12 miliardi di dollari ai 41 miliardi del 2025, con un tasso annuo di crescita composto del 44,5% (era del 110% fino al 2018).

Fino al 2016, il 55% del mercato blokchain era in mano agli Stati Uniti, il 30% all’Europa, il resto agli asiatici. Regno Unito e Germania, da sole, controllavano il 55% del mercato europeo, secondo dati Allied Market Research.

In futuro, però, le cose potrebbero cambiare e in base ai trend attesi da Markets and Markets, dal 2021 e in maniera più netta nel 2023, la quota di mercato europea crescerà maggiormente di quella americana, con un forte recupero anche dell’area Asia-Pacifico.

Fonte: Key4biz.it del 19/04/2019

Archivio

SUPERBONUS 110%: siglato accordo tra Aidr e il portale RILANCIO ITALIA 2020 per ottenere il credito d’imposta

Un accordo di collaborazione è stato siglato tra l’associazione Italian Digital Revolution – AIDR e la Rete d’Imprese RILANCIO ITALIA 2020. L’intesa intende promuovere la piattaforma digitale di RILANCIO ITALIA 2020 (http://www.rilancioitalia2020.it/), Rete d’Imprese che è impegnata, nell’ambito del superbonus 110%, nella promozione, vendita e veicolazione dei servizi connessi e realizzati allo scopo.

“Blockchain per tutti”, arriva il primo e-book di Aidr

Da oggi disponibile su sito associazione e su principali store on-line Si inaugura la collana editoriale dedicata anche ai non addetti ai lavori, con l’obiettivo di far scoprire le tecnologie e il...

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
27/10/2020
Ecco il video dell’intervista a Franco Losi, cofondatore della società Cinello, a cura di Gianfranco Ossino, Ingegnere e Responsabile Osservatorio per la Digitalizzazione dell’Ambiente e dell’Energia Aidr, e Francesco Pagano, responsabile servizi informatici ALES e consigliere AIDR.
Notizie
26/10/2020
di Vito Coviello, Socio AIDR e Responsabile Osservatorio Tecnologie Digitali nel settore dei trasporti e della logistica. Stiamo vivendo un periodo complesso in cui è stata messa in discussione la nostra libertà di vita a causa della pandemia che ci ha costretto ad uscire dagli schemi, a cercare nuove soluzioni, nuovi equilibri di vita nell’attesa del ritorno alla normalità. Ma quale sarà la nostra normalità post Covid?
Notizie
20/10/2020
Troppe parole sul Recovery Fund, o meglio Next generation EU, troppi sui media che ripetono all’infinito “ora che abbiamo questi 209 miliardi” ”ora che ci sono questi soldi”…”ora che è arrivato il recovery fund” etc etc. E’ necessario fare chiarezza innanzitutto sulla tempistica dei trasferimenti, (sulla concretezza dell’erogazione credo che, a prescindere dai mal di pancia dei cosiddetti Paesi “frugali”, essi verranno deliberati.), l’Italia dunque nel 2021 utilizzerà 25 miliardi del programma Next generation Eu nel 2021 (11 di prestiti dal Recovery fund, 10 di sovvenzioni più altri 4 di finanziamenti per la coesione (React Eu), nel 2022 le risorse che l’Italia richiederà all’Europa saliranno a 37,5 miliardi, nel 2023 ci sarà un picco fino a 41 miliardi, per poi ritornare a 39,4 miliardi nel 2024, 30,6 nel 2025 e 27,5 nel 2026.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!