Seleziona una pagina

Alessandria, come il Comune sta formando al digitale i dipendenti

Per risolvere la mancanza di competenze digitali, il Comune di Alessandria ha dapprima lanciato un questionario online per misurare il livello di formazione e poi avviato il progetto “Pillole digitali” basato su tre principi: coinvolgimento di formatori interni, incontri brevi, trasmissione di sapere concreto.

Alessandria, così come molte altre amministrazioni locali, presenta questioni specifiche: un’organizzazione strutturata secondo i modelli di silos verticali, la necessità di rafforzare le competenze digitali dei dipendenti, la mancanza di consapevolezza sulle opportunità (ma anche sui rischi) connesse alla condivisione di dati e informazioni.

E’ soprattutto sulla mancanza di competenze che mi voglio soffermare in questo articolo, rimandando a una successiva uscita gli approfondimenti sugli altri argomenti.

Per cercare di affrontare la questione della formazione, l’ente ha realizzato nel 2016 un questionario online, basato sullo schema Europass per l’autovalutazione delle competenze digitali, per cercare di comprendere il livello dei dipendenti, servendosi di una piattaforma open source.

I risultati hanno descritto uno scenario di capacità medie, con alcuni picchi positivi, e comunque ha intercettato una richiesta di formazione da parte dei lavoratori, che chiedono un supporto per colmare le principali lacune.

A questo proposito l’Unità di Progetto Innovazione, struttura interdirezionale creata nel 2013 al fine di affrontare in maniera trasversale una serie di questioni legate alla digitalizzazione dell’Ente, ha ideato e realizzato un progetto denominato “Pillole digitali”. Il progetto è basato su tre principi: il coinvolgimento di formatori interni, l’organizzazione di incontri di breve durata, la trasmissione di sapere concreto.

All’interno dell’Ente si possono trovare figure professionalmente preparate, in grado di trasmettere ai colleghi alcune nozioni fondamentali, chiarire dubbi e suggerire modalità operative per aiutare i colleghi a lavorare meglio, che hanno rivestito il ruolo di formatori.

Essendo molto difficile programmare incontri formativi veri e propri (la ormai cronica carenza di personale impedisce a molti colleghi di assentarsi per lunghi periodi), l’idea è stata quella di programmare degli incontri brevi, della durata di un’ora, nel corso dei quali affrontare e approfondire un singolo argomento. La ‘pillola di formazione’ viene ripetuta in più occasioni nel corso del mese, erogata in orari diversi, per dare a tutti, indipendentemente dal proprio orario di lavoro, la possibilità di partecipare

La formazione deve trasmettere sapere concreto, di immediato utilizzo nella quotidianità, capace di facilitare l’attività di tutti i giorni.

Le Pillole cercano di accompagnare il percorso di digitalizzazione della PA; per questo è previsto un calendario di interventi formativi mirati a fornire le basi di competenze digitali a tutti i dipendenti, illustrando in maniera semplice ma efficace i principali concetti: nozioni di sicurezza informatica, l’uso efficace della Posta Elettronica Certificata e dei documenti digitali, il tema dei Dati aperti, l’identità digitale, ecc.

Nel 2017 sono state organizzate le prime due Pillole: la prima riguarda la Sicurezza informatica (7 incontri, circa 170 dipendenti coinvolti), mentre la seconda era relativa a Posta elettronica e PEC (10 incontri, circa 160 dipendenti). Sono già pronte, e saranno presentate a breve, due ulteriori Pillole su Dati/Formati/Metadati e sul Documento digitale.

Tutti i materiali realizzati per ogni pillola (dispensa e slides) sono rilasciati con licenza Creative Commons CC BY-SA, per un eventuale riutilizzo da parte di altri Enti.

Al termine degli incontri è stato sottoposto ai colleghi un questionario di valutazione: i riscontri sono molto positivi e è emersa una forte richiesta di proseguire nel percorso, con indicazione di ulteriori argomenti da approfondire. Tutto questo ci stimola a proseguire nell’esperienza.

Fabrizio Ferrari 

Fonte: http://bit.ly/2BKVo8p

Archivio

SUPERBONUS 110%: siglato accordo tra Aidr e il portale RILANCIO ITALIA 2020 per ottenere il credito d’imposta

Un accordo di collaborazione è stato siglato tra l’associazione Italian Digital Revolution – AIDR e la Rete d’Imprese RILANCIO ITALIA 2020. L’intesa intende promuovere la piattaforma digitale di RILANCIO ITALIA 2020 (http://www.rilancioitalia2020.it/), Rete d’Imprese che è impegnata, nell’ambito del superbonus 110%, nella promozione, vendita e veicolazione dei servizi connessi e realizzati allo scopo.

“Blockchain per tutti”, arriva il primo e-book di Aidr

Da oggi disponibile su sito associazione e su principali store on-line Si inaugura la collana editoriale dedicata anche ai non addetti ai lavori, con l’obiettivo di far scoprire le tecnologie e il...

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
27/10/2020
Ecco il video dell’intervista a Franco Losi, cofondatore della società Cinello, a cura di Gianfranco Ossino, Ingegnere e Responsabile Osservatorio per la Digitalizzazione dell’Ambiente e dell’Energia Aidr, e Francesco Pagano, responsabile servizi informatici ALES e consigliere AIDR.
Notizie
26/10/2020
di Vito Coviello, Socio AIDR e Responsabile Osservatorio Tecnologie Digitali nel settore dei trasporti e della logistica. Stiamo vivendo un periodo complesso in cui è stata messa in discussione la nostra libertà di vita a causa della pandemia che ci ha costretto ad uscire dagli schemi, a cercare nuove soluzioni, nuovi equilibri di vita nell’attesa del ritorno alla normalità. Ma quale sarà la nostra normalità post Covid?
Notizie
20/10/2020
Troppe parole sul Recovery Fund, o meglio Next generation EU, troppi sui media che ripetono all’infinito “ora che abbiamo questi 209 miliardi” ”ora che ci sono questi soldi”…”ora che è arrivato il recovery fund” etc etc. E’ necessario fare chiarezza innanzitutto sulla tempistica dei trasferimenti, (sulla concretezza dell’erogazione credo che, a prescindere dai mal di pancia dei cosiddetti Paesi “frugali”, essi verranno deliberati.), l’Italia dunque nel 2021 utilizzerà 25 miliardi del programma Next generation Eu nel 2021 (11 di prestiti dal Recovery fund, 10 di sovvenzioni più altri 4 di finanziamenti per la coesione (React Eu), nel 2022 le risorse che l’Italia richiederà all’Europa saliranno a 37,5 miliardi, nel 2023 ci sarà un picco fino a 41 miliardi, per poi ritornare a 39,4 miliardi nel 2024, 30,6 nel 2025 e 27,5 nel 2026.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!