Addio a Giovanni Buttarelli, Garante privacy europeo e tra i padri del diritto alla protezione dei dati

di Luigi Garofalo  

L’Autorità a cui era a capo: “La sua passione, visionarietà ed intelligenza rappresentano ora e per sempre un’eredità unica e durevole per l’istituzione del Garante europeo e per tutti coloro che sono stati in contatto con lui”.
Antonello Soro: “A lui il nostro Paese deve enorme gratitudine per l’introduzione, lo sviluppo e la difesa di un diritto fondamentale per la democrazia e la libertà della persona, come il diritto alla privacy e alla protezione dei dati”. 

Giovanni Buttarelli, 62 anni, Garante europeo della protezione dei dati, è venuto a mancare la scorsa notte, circondato dall’affetto dei suoi cari: è stato tra i più grandi esperti mondiali di diritto delle nuove tecnologie, diritto alla privacy e alla protezione dei dati personali.

“Siamo addolorati dalla tragica perdita di un uomo brillante e visionario, che si è sempre dedicato con passione alla famiglia e al lavoro, servendo fino in fondo la magistratura italiana e l’Unione Europea, e onorandone i valori”, questo il ricordo dell’European Data Protection Supervisor (EDPS), di cui Buttarelli era a capo.

“La sua passione, visionarietà ed intelligenza rappresentano ora e per sempre un’eredità unica e durevole per l’istituzione del Garante europeo e per tutti coloro che sono stati in contatto con lui”, conclude la nota dell’EDPS.

Antonello Soro: ‘A lui il nostro Paese deve enorme gratitudine per l’introduzione, lo sviluppo e la difesa di un diritto fondamentale per la democrazia e la libertà della persona, come il diritto alla privacy e alla protezione dei dati’

Il Presidente e il Collegio del Garante per la protezione dei dati personali e tutto il personale dell’Autorità esprimono il più profondo cordoglio per la perdita di Giovanni Buttarelli.

E’ una notizia dolorosissima, per il Paese, per l’Autorità e per me personalmente perché perdo un amico” – ha commentato il Presidente Antonello Soro. “La prematura scomparsa di Giovanni Buttarelli rappresenta una perdita inestimabile per la comunità italiana ed europea. A lui il nostro Paese deve enorme gratitudine per l’introduzione, lo sviluppo e la difesa di un diritto fondamentale per la democrazia e la libertà della persona, come il diritto alla privacy e alla protezione dei dati.

Il ruolo svolto da Buttarelli a livello nazionale ed internazionale – tra i fondatori dell’Autorità italiana prima e in Europa, poi, da Garante europeo – ha contribuito in maniera determinante alla crescita di una nuova cultura del diritto e a una visione della tecnologia più rispettosa dell’uomo. Ci lascia in eredità la sua esperienza, la sua passione, il suo grande impegno profuso fino all’ultimo a difesa dei valori più alti della persona.

La nostra videointervista a Giovanni Buttarelli in occasione della lezione che ha tenuto il 6 dicembre 2018 al 5G International PhD School presso il CNR di Roma.

Fonte: Key4biz.it del 21/08/2019

Archivio

Al via la “Call for professor” d’intesa con le università

L’Associazione Italian Digital Revolution – AIDR, in collaborazione con alcune università italiane, si è candidata come “Digital Knowledge Provider” nell’ambito di seminari, corsi di formazione e master universitari.L’obiettivo della “Call For Professor”, in linea con la missione associativa, è quello di porre i riflettori sull’innovazione, attraverso la diffusione della cultura digitale mettendo a disposizione delle Università italiane contenuti e docenti da inserire all’interno dei propri percorsi formativi.

Privacy, tavola rotonda Aidr su controlli e sanzioni Garante  

Milano, 22 gennaio – Trascorso il periodo transitorio che tutti gli Stati europei hanno osservato per consentire alle imprese di adeguarsi al nuovo sistema legato al GDPR, entrato in vigore da maggio 2018, sono iniziate le verifiche e i controlli nonché l’irrogazione delle sanzioni amministrative. Da una prima analisi è possibile constatare come il Garante privacy italiano stia tenendo un approccio ragionevole e ponderato in merito alle sanzioni per il mancato rispetto del GDPR, e ciò, in modo conforme a quanto dispone il regolamento stesso, secondo cui le sanzioni devono essere “effettive, proporzionate e dissuasive”.

VIDEO E PHOTO GALLERY

AIDR WEB TV

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

EVENTI ED INIZIATIVE

ITALIAN DIGITAL REVOLUTION

COME ASSOCIARSI

Cerchi il lavoro giusto per te? Scoprilo su IO LAVORO

IO LAVORO è un sistema informativo che utilizza la professione e i dati raccolti dai siti web di numerose istituzioni (Istat, Isfol, Miur, etc) o forniti come open data, per dare un quadro informativo completo sul mercato del lavoro e per favorire l’incontro domanda offerta.

AIDR NEWSLETTER

AIDR
Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative testo di prova e prova di testo

AIDR NOTIZIE DAL WEB

TUTTE LE NOTIZIE

Notizie
18/02/2020
Avete presente il mito della Fata Morgana, quello da cui prende nome il fenomeno fisico visibile da Reggio Calabria? Si tratta di una specie di miraggio, che ingrandisce Messina e la proietta talmente vicina alla Calabria da illudere i calabre In un leggendario mese d’agosto, un re barbaro arrivò a Reggio per conquistare la Sicilia. Morgana, per proteggere il fratello, fece apparire la Sicilia talmente vicina alla Calabria che il re si illuse di poterla raggiungere a nuoto. Mentre nuotava, però, l’incantesimo si interruppe e il re barbaro morì affogato.
Notizie
17/02/2020
Roma 17 febbraio - L’Associazione Italian Digital Revolution (AIDR), in collaborazione con alcune università italiane, si è candidata come ‘Digital Knowledge Provider’ nell’ambito di seminari, corsi di formazione e master universitari. L’obiettivo della “Call for professor”, in linea con la missione associativa, è quello di porre i riflettori sull’innovazione, attraverso la diffusione della cultura digitale mettendo a disposizione delle università italiane contenuti e docenti da inserire all’interno dei propri percorsi formativi.
Notizie
14/02/2020
Se il concetto di “industria culturale” è stato generalmente utilizzato con un’accezione negativa, oggi il paragone tra il settore della cultura e quello industriale offre nuovi spunti e nuove prospettive, soprattutto quando si parla di innovazione. Così come il settore industriale si sta aprendo alla rivoluzione digitale attraverso la cosiddetta “Industria 4.0”, anche il mondo della cultura può e deve guardare agli strumenti digitali come a un’occasione per migliorare un’offerta che si innesta su un terreno già fertile.

AIDR
AZIENDE E COLLABORAZIONI

AIDR SOCIAL

Seguici sui social per restare in contatto con noi,
ricevere aggiornamenti e inviarci suggerimenti, segnalazioni e commenti!