Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Facebook sulla graticola della Vestager: come usa i dati di Whatsapp?

Facebook sulla graticola della Vestager: come usa i dati di Whatsapp?

Margrethe Vestager
10-09-2016

Il commissario Ue alla Concorrenza vuole informazioni sulla fusione dei dati sugli utenti: "La separazione fra database era stata decisiva per l'ok all'acquisizione". Ma ora serve saperne di più.

La Commissione Ue chiede di saperne di più sulla strategia di Facebook e Whatsapp, dopo che il servizio di instant messaging aveva recentemente annunciato di aver dato il via, con l’aggiornamento dei termini e dell’informativa sulla privacy, alla condivisione di alcuni dati dei propri utenti - compreso il numero di telefono - con il social network.

A spiegarlo in un’intervista con Bloomberg è Margrethe Vestager, commissario Ue alla Concorrenza, che spiega come la commissione abbia già interpellato Facebook a questo proposito: “Abbiamo fatto delle domande - afferma - Il fatto che i dati non fossero uniti agli altri è stato un fattore decisivo nel via libera all'acquisizione". "Cosa faremo una volta ricevute le risposte è ancora una questione aperta - prosegue - andiamo con ordine".

L’acquisizione di Whatsapp da parte di Facebook, a cui fa riferimento il commissario Ue, risale al 2014, quando il social network portò a termine il takeover sborsando 19 miliardi di dollari. “Attraverso un maggiore coordinamento con Facebook - si leggeva in un post sul blog aziendale di Whatsapp che spiegava agli utenti il nuovo corso - saremo in grado di fare cose come monitorare i parametri di base su ogni quanto le persone utilizzano i nostri servizi e combattere meglio lo spam su WhatsApp. E collegando il tuo numero di telefono con i sistemi di Facebook, Facebook potrà offrirti migliori suggerimenti di amici e mostrarti inserzioni più pertinenti se disponi di un account”.

La risposta del social network è affidata a una mal: "Stiamo collaborando con la Commissione - recita il messaggio - e continueremo a fonrnire informazioni dettagliate per rispondere alle domande che ci sono state poste”.

Nel corso di un intervento pubblico a Copenaghen, inoltre, Vestager è tornata sul caso Apple-Irlanda, che ha visto la Commissione Ue inoltrare a Dublino la richiesta di recuperare 13 miliardi di euro di tasse non riscosse da Cupertino: ”Le regole sugli aiuti di stato sono uniche in Ue, e mi rendo conto che a volte possa essere difficile capirle per persone di altri Paesi - sottolinea Vestager - Pensano che ce ne siamo usciti con una nuova legge per rendere la vita difficile ad alcune società, ma niente potrebbe essere più lontano dalla verità". "Non si tratta di interferire con le legislazioni fiscali dei Paesi – conclude - ma quando le regole vengono infrante dobbiamo agire. E questo non vuol dire che stiamo cercando di trasformare la Commissione in un'autorità fiscale. Vogliamo solo essere sicuri che il trattamento fiscale che una società ottiene non sia completamente fuori linea dalla realtà economica".

 

 A.S. 

Fonte: http://www.corrierecomunicazioni.it/l-europa-che-verra/43279_facebook-sulla-griglia-della-vestager-come-usa-i-dati-di-whatsapp.htm

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

La platea dei partecipanti
Il nuovo sistema degli appalti pubblici: regole, processi e tecnologie (8 ist,0 cat)
Sottosegretario alla giustiza Cosimo Ferri
Da sinistra: Vittorio Zenardi, Responsabile Sito e Social Media AIDR
Da sinistra: Carlo De Masi, Presidente Adiconsum, Federica Meta, Giornalista Corriere delle Comunicazioni, On. Dieni Federica M5S, Amedeo Scornaienchi, Presidente Associazione Ambiente e Società
Sottosegretario alla giustiza Cosimo Ferri
I partecipanti al Convegno MAMME IN PARLAMENTO
On. Fabrizio Di Stefano

Notizie e Comunicati correlati

AIDR
In rete la solidarietà corre senz’altro più veloce. Ne sa qualcosa l’associazione Italian Digital Revolution (www.aidr.it) che ha donato alcuni tablet ai piccoli pazienti dell’Unità Operativa Complessa di Pediatria ....
mer 03 gen, 2018
AIDR
Al Galà di Natale organizzato da Aidr è stata premiata la fondazione pontificia Scholas Occurrentes, della rete mondiale di istituti educativi creata da Papa Francesco. Il Sottosegretario alla Giustizia Cosimo Ferri ha sottolineato: “Dobbiamo ....
mar 26 dic, 2017

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
VmWay
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
A.P.S.P.
Adiconsum
SCHOLAS
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589