Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Lavori in corso per il sistema operativo dell'Italia nell'epoca digitale. Intervista a Diego Piacentini

Lavori in corso per il sistema operativo dell'Italia nell'epoca digitale. Intervista a Diego Piacentini

Piacentini
28-02-2017

Il commissario per il digitale lavora a Palazzo Chigi per due anni in aspettativa da Amazon. “Dobbiamo costruire servizi migliori, poi i cittadini li useranno. E pensare sul lungo periodo, che è il grosso problema della politica”

A Palazzo Chigi c’è una nuova squadra di governo, con un programma definito e obiettivi misurabili, ma per una volta non raccontiamo di fibrillazioni partitiche che possono far saltare l’esecutivo in carica. La squadra in questione è il Team Digitale che lavora per portare la pubblica amministrazione nell’epoca digitale. È guidato dal commissario straordinario Diego Piacentini. Vicepresidente di Amazon, ha lasciato per due anni la società di Seattle per lavorare pro bono. Dopo i primi mesi di studio e analisi, il programma e la squadra di governo sono pronti. Piacentini le presenta in quest’intervista a La Stampa.

Cosa c’è nella vostra missione?
«Abbiamo individuato dei progetti e dei programmi. Sono componenti del “sistema operativo” che dobbiamo dare all’Italia. Mi aspetto i risultati più tangibili, se dovessi scommettere ora, sui pagamenti digitali, e se riusciamo a trovare il modus operandi corretto, sull’anagrafe nazionale.

Creeremo un sistema di notifiche, un’app, un luogo unico dove sarà possibile trovare i promemoria dalle tasse al rinnovo del passaporto, dove potremo ricevere le raccomandate.
Alla fine del mio mandato il piano tecnologico non dev’essere più visto come parte a sé stante dalla Presidenza del consiglio dei ministri, dev’essere parte integrale di chi va a gestire il Paese».

Ormai lavora a Roma da qualche mese. La classe politica capisce questa urgenza?
«Non esiste una risposta generica: esistono delle persone che la capiscono, e devono essere persone che riescono a guidare dall’alto il cambiamento, dal sistema delle gare alle norme».

Con i mondi dello Stato come si lavora? È vero che in Europa e in Italia si pensa che tutto ciò che non è scritto nella norma è vietato, mentre negli Stati Uniti tutto ciò che non è scritto è consentito?
«Non è vero, ma fa parte di un’abitudine, un modo di operare. Spesso vai a proporre qualcosa e ti senti rispondere: “Non si può fare per problemi di privacy”. Ma è una risposta data così, si nascondono dietro quella cosa. Ogni tanto sento qualcuno che dice “Non si sentiva l’esigenza di avere persone tecnologiche a Palazzo Chigi”.

Ma io non ho portato un team di sviluppatori software a Palazzo Chigi perché dobbiamo riscrivere da capo tutto l’e-government dell’Italia. Non puoi fare tutto dentro, ma devi avere abbastanza competenza nella Pubblica amministrazione, per spingere nella direzione giusta, così poi il mercato si può muovere su una base chiara. Se un progetto è Open source è un’indicazione, se devi avere delle Api scritte in un modo chiaro, è una direzione data. Ma devi avere delle competenze per dare quella direzione».

Lei lavora sul pubblico, ma come sta il settore privato della tecnologia in Italia?
«All’interno di un Paese dove non c’è molta cultura digitale, neanche le aziende private hanno questa sensibilità, e dunque il problema si amplifica. Anche se devo dire che negli ultimi tre anni si comincia a vedere tantissimo movimento, e queste sono cose che pagheranno tra due, tre, cinque anni».

Però se l’Italia investe 200 milioni di euro in startup, la Francia ne investe due miliardi.
«È vero, ma mi auguro che nel 2020 staremo parlando degli stessi numeri. Si deve immaginare una curva: magari siamo qualche anno indietro, ma la stiamo scavalcando, i segnali ci sono».

Ha capito come spiegare il lavoro che state facendo?
«Molto di quello che stiamo facendo è poco sexy, spiegare il progetto dell’anagrafe nazionale non è divertente. Ma almeno sono riuscito a spiegare a mia mamma cosa stavo facendo: prova a pensare di entrare in una casa e dai per scontato che ci siano le fognaure, le tubature, e la luce che funziona. La gente guarda quanto è bella la casa, però c’è tantissimo lavoro dietro. Così mia mamma ha capito quello che sto facendo: pensa che io faccia l’idraulico!».

Oggi un solo Comune italiano è connesso all’anagrafe nazionale. Quale obiettivo ci può dare?
«Magari non avremo finito l’intero progetto, ma il 40-50% dei comuni sarà a bordo».

Con Gentiloni e il governo che rapporto c’è?
«Ho un ottimo rapporto diretto con i ministri con cui mi devo interfacciare, Calenda, Madia, Padoan, Minniti. Il giorno dopo il referendum, a dicembre, abbiamo ricevuto la telefonata del Ministero degli Interni che chiedeva di andare avanti sul progetto dell’anagrafe, quando invece uno pensa che tutto si blocchi. Con Paolo (Gentiloni, ndr) ci sentiamo poco, ma siamo sullo stesso piano. Quando è stato nominato gli ho detto: “Ci sono, e mi piacerebbe continuare”, e gli ho chiesto se voleva che io continuassi. Lui mi ha risposto: “Sì, per favore”».

Le manca il suo vecchio lavoro?
«Tantissimo. Mi manca l’ambiente, anche se un po’ l’ho ricreato, ma manca la smartness, l’innovazione veloce, la sperimentazione continua. Poi ho avuto la fortuna, anche se in America, di trovare un’eccellenza come Amazon. Abbiamo però degli ottimi rapporti diretti con i nostri equivalenti in India, America, Regno Unito».

Cosa si può imparare dall’India?
«Hanno fatto un grande progetto sull’identità digitale. Ci hanno messo sette anni a pensarlo e progettarlo, non so con quanti governi caduti nel frattempo, non tanti come noi… Poi hanno creato un team di 25 persone e dal concetto al lancio della versione 1.0 ci hanno messo 14 mesi. È un servizio che va a 1,1 miliardi di indiani, tutto Open source, a cui si stanno collegando ora i privati. Non hanno disegnato tutto il sistema in 25, ma hanno impostato l’architettura e scritto le prime linee di codice. Questo è il punto: non puoi chiedere al fornitore esterno di pensare all’architettura».

In Italia un progetto così si può fare?
«In Italia c’è sempre chi dice “non si può fare nulla, perché c’è sempre una norma che te lo proibisce”. Ma non è vero. Per esempio il fatto che si debba riutilizzare un software fatto per un’altra amministrazione è sancito, ne parla il Codice per l’amministrazione digitale (Cad). Però non lo fa nessuno, perché mancano le competenze. La 18app per il bonus ai maggiorenni è diventata la piattaforma dei bonus per gli insegnanti: è il primo caso di riuso di un prodotto sviluppato per uno scopo e usato anche per altro. Noi abbiamo dato una mano, normalmente il Ministero avrebbe fatto un’altra gara e avrebbe pagato una barca di soldi mentre questo l’hai avuto gratis».

Però i dati dicono che l’adozione dell’app è stato molto bassa, ed è stato speso appena il 6,3% dei fondi stanziati.
«Anche quello è un errore di valutazione. Quando è nato Amazon Prime l’adoption dei primi sei mesi era bassissima. Mancano ancora dieci mesi alla fine del programma: quest’anno ci sarà il 30% di adozione, tra un anno il 50%, tra tre anni l’80%. È lì che bisogna arrivare, bisogna pensare in questo modo, che è il grosso problema della politica in generale. Fai una cosa e pensi che avrai subito un effetto. Magari invece la versione 1.0 non era fatta bene, quindi l’anno prossimo ci sarà una versione 1.5 e sarà diverso.

Il problema di tanti commissari è stato di essere un po’ uomini soli al comando.
«Quando Matteo (Renzi, ndr) mi ha proposto questa cosa gli ho risposto: la faccio solo se mi creo un team. Non voglio fare l’ennesimo consulente. Devi costruire un team che assomigli a quello che vuoi realizzare. Fa anche sorridere pensare di chiedere all’esistente di costruire il futuro: no, devi prendere della gente che assomiglia al futuro per costruire il futuro, altrimenti ottieni quello che abbiamo visto fino ad adesso. Ma ci vuole tempo».

Bastano due anni?
«Due anni sono niente. Dobbiamo uscire avendo posto le basi e avendo fatto da volano a delle cose, poi devono andare avanti».

Quale può essere il segnale che qualcosa è cambiato?
«Dal punto di vista delle infrastrutture, quando gran parte dell’Italia sarà con la banda ultralarga. Quando potrai fare la maggioranza dei servizi, dei tuoi rapporti da e per la pubblica amministrazione, fare domande, pagare, esercitare i tuoi diritti, seduto a casa, da un telefono. In Italia si parla di digital divide, ma è un falso problema: non perché non ci sia il problema, ma perché non c’è la soluzione alla domanda, se non tramite il miglioramento dell’offerta. Non ci si può preoccupare adesso della vecchietta di ottant’anni. Nella gerarchia dei cento problemi è bassissimo come problema».

La soluzione è un’iniezione di cultura digitale?
«Sì, ma non basta. Mi hanno detto: prendiamo la Rai, facciamo i programmi di educazione digitale con Gianni Morandi. Va bene, se lo vogliono fare lo facciano, ma non è quello il punto. Noi ci dobbiamo concentrare sulla qualità dell’offerta, dobbiamo pensare a fare dei servizi pubblici talmente belli che poi quando ci saranno, la gente comincerà a usarli».

BENIAMINO PAGLIARO

Fonte: https://yhoo.it/2fZkoRv

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

donne digitali
Le donne sono migliori degli uomini nella tecnologia, lo afferma un rapporto di The Brookings Institution che ritiene che le donne abbiano migliori competenze tecnologiche e digitali rispetto agli uomini, ma sono ancora sottorappresentate nel settore. Un ....
mar 21 nov, 2017
digitale
Confindustria Digitale e il Team di Piacentini lanciano il progetto "Sistema Paese 4.0". L'obiettivo è informare imprese e PA sui vantaggi del digitale: prima tappa a Perugia. Riflettori sul Piano Triennale. Piacentini: "Semplificare le norme". ....
lun 20 nov, 2017

Eventi correlati

Festival del Fundraising
Dal 17-05-2017
al 19-05-2017
Luogo: Hotel Parchi del Garda Via Brusà 16-18 37017 Pacengo di Lazise (VR)
800 partecipanti per 80 workshop in 3 giorni per condividere idee, nuovi spunti e nuovi strumenti di raccolta fondi
Al TEDxRoma r5
Data: 08-04-2017
Luogo: Auditorium di via della Conciliazione Via della Conciliazione, 4, 00193 Roma
Al TEDxRoma 2017 immagineremo e progetteremo il futuro dei prossimi 20 anni. Il 2037 non è solo il futuro che regaliamo alle nuove generazioni, potremmo vederlo con i nostri occhi, viverlo attraverso le scelte che facciamo oggi e lì, nel 203

In questa pagina

I nostri partner

Qwant
Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
VmWay
EIDEMON
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS
Consorzio Vini Mantovani
Binario 96

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
SCHOLAS
Anaip
Ambiente e Società
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Via Terenzio, 10 – 00193 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589