Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » La FESTA DELLA DONNA è anche un'occasione per dimostrare il divario di genere in ambito tecnologico ed informatico

La FESTA DELLA DONNA è anche un'occasione per dimostrare il divario di genere in ambito tecnologico ed informatico

21-02-2017
Mauro Nicastri

Nel solco di una diffusa utopia della partecipazione, che vede aumentare progressivamente e costantemente la platea degli inclusi digitali, si colloca il Forum “Digital Women”, che si terrà mercoledì 8 marzo prossimo, dalle ore 16.30, nella Biblioteca della Camera dei Deputati in Via del Seminario, 76, che vuole sostenere l'avvenuta conquista delle pari opportunità digitali da parte delle donne: il mondo di Internet sarebbe, dunque, il regno dell'uguaglianza di genere.

Tuttavia, prima di accettare questa posizione e le implicazioni a essa conseguenti, è necessario rispondere a numerosi interrogativi che ancora rimangono aperti e sollecitano una riflessione urgente: in tutti i paesi occidentali è possibile parlare di una chiusura dei gap digitali tra uomini e donne o permangono squilibri, anche importanti, tra le diverse realtà socio-territoriali? L'esistenza delle fratture digitali può essere ancora letta come frutto dell'appartenenza di genere, oppure siamo di fronte a un "divario civetta" che si annulla se consideriamo l'incidenza di altre variabili? E in Italia, qual è il livello di e-Inclusion delle donne?

Rispetto ai segnali di chiusura del digital gender divide registrati in alcuni contesti territoriali, il Forum “Digital Women” organizzato dall’Associazione Italian Digital Revolution si propone di mettere a fuoco le caratteristiche delle donne italiane nel peculiare ambito nazionale, contraddistinto da un'arretratezza digitale tout court piuttosto marcata, con l'obiettivo di individuare quei fattori che contribuiscono a favorire o a ostacolare l'inclusione dei diversi segmenti della popolazione femminile. Nei fatti, le donne sembrano vittime di una frattura digitale che le allontana dal centro della società delle reti, relegandole spesso alla periferia dell'inclusione.

Il miraggio di una "società dell'informazione per tutti" si infrange così contro l'evidenza: il cyberspazio rimane ancora una prerogativa di alcuni, mentre altri restano intrappolati fuori dalla rete. In particolare, quella parte di popolazione femminile a più alto rischio di esclusione sociale, prima che digitale, corre il pericolo di subire il peso dell'"effetto Matilda", una moltiplicazione cumulativa degli svantaggi che - applicata alle tecnologie digitali - suona come un tetro presagio: "a chi non ha, verrà tolto anche quello che ha".

Mauro Nicastri. Presidente Italian Digital Revolution

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

La platea dei partecipanti
Da sinistra verso destra: Simona Vicari, Sottosegretario di Stato al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti; Filomena Tucci socio AIDR; Maria Rosaria Scherillo, Vicepresidente Confindustria Servizi Innovativi; Federica De Pasquale socio AIDR
Consegna dei tablet all'unità operativa di neuropsichiatria infantile dell'ospedale Gemelli di Roma  (0 ist,0 cat)
Consegna dei tablet all'unità operativa di neuropsichiatria infantile dell'ospedale Gemelli di Roma  (8 ist,0 cat)
Da destra: Paolo Sasso, Responsabile Procurement Enel Italia, Mauro Rosario Nicastri, Presidente AIDR, Federica Meta, giornalista Corriere Comunicazione, Gianluca Maria Esposito, Ordinario Diritto Amministrativo Università di Salerno
Da sinistra: Francesco Saverio E. Profiti, Stefano Van Der Byl, Pier Luigi Bartoletti, Massimo Casciello, Andrea Bisciglia, Maria Antonietta Spadorcia, Mauro Rosario Nicastri, Maria Capalbo, Vincenzo Panella, Massimo Vitali
Il nuovo sistema degli appalti pubblici: regole, processi e tecnologie (8 ist,0 cat)
Da sinistra: Massimo La Camera, CEO Tecnoter e Mauro Rosario Nicastri, Presidente AIDR

Notizie e Comunicati correlati

Convegno Smart Working
Il convegno promosso dall’AIDR, in collaborazione con la Macchioni Communications, si propone l’obiettivo di illustrare i benefici derivanti dall’applicazione dei concetti e paradigmi di Smart Working sia all’interno delle istituzioni ....
mar 20 nov, 2018
covino
Secondo i dati della ricerca realizzata da EY e IAB Italia, il valore del digitale a perimetro ristretto, considerando cioè solo gli investimenti in attività del tutto digitali, ammonta a 65 miliardi di euro, +11,6% rispetto all’anno ....
lun 19 nov, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Accordi di Collaborazione

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589