Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Conflitto di interessi. Huffington Post: Boccia incalza Piacentini: 'E' al servizio dello Stato o è un uomo di Amazon?'

Conflitto di interessi. Huffington Post: Boccia incalza Piacentini: 'E' al servizio dello Stato o è un uomo di Amazon?'

m
09-09-2016

Intervista all'Huffington Post di Francesco Boccia sul conflitto d'interessi che pesa sul Vice presidente di Amazon nominato da Renzi Commissario di Governo per il digitale e l’innovazione. 

Un macigno su Diego Piacentini, il Senior Vice Presidente di Amazon, che il premier Matteo Renzi ha nominato Commissario straordinario del governo per il digitale e l’innovazione lo scorso 10 febbraio.
Un macigno a causa del conflitto di interessi tra il granitico legame Piacentini-Amazon e l’incarico pubblico che lo stesso Piacentini ha accettato di assumere per conto del governo italiano. E’ questo l’effetto dell’intervista rilasciata da Francesco Boccia, Presidente della Commissione Bilancio della Camera dei Deputati e membro del Partito Democratico all’Huffington Post (Francesco Boccia incalza Diego Piacentini, commissario del Governo per il digitale: “Ha ancora azioni in Amazon?”).

“…Chiarisca, una volta per tutte, se detiene ancora azioni nel colosso statunitense, perché se così fosse è evidente che si profila un chiaro conflitto d’interessi” – chiede Boccia – “…In alcune di queste grandi aziende…lo stipendio è l’ultimo dei problemi. Noi auspichiamo che Piacentini abbia lasciato definitivamente Amazon. Se detiene stock options è evidente che il problema non è il lavoro dipendente, ma se è ancora azionista o meno. Come è noto – prosegue il Presidente della Commissione Bilancio – in Amazon e in molte di queste multinazionali lo stipendio base è relativo e spesso basso, ma poi ci sono compensi dati attraverso milioni di dollari in azioni. Il tema è semplice: è ancora azionista o no? Detiene stock options o no? Basta rispondere sì o no”. 

Dal 17 agosto scorso Diego Piacentini ha assunto le funzioni operative del nuovo incarico a Palazzo Chigi e il quesito che pone Boccia è, come è del tutto evidente, di grande rilievo.

“…Piacentini conoscerà tutti i retroscena della Pubblica Amministrazione digitale italiana e le scelte del governo in materia. Conoscerà i dettagli del mercato e dei concorrenti nazionali di Amazon in Italia e le stesse strategie fiscali che stiamo concordando in Europa, solo per fare alcuni esempi”.

Il problema evidentemente non è nuovo sulla scena politica italiana, anzi.

“Io dico solo che se tu decidi di lavorare e fare del bene per il tuo Paese, sei il benvenuto, lo fai per anni e non lo fai essendo azionista di un grande gruppo – conclude Boccia – Per molto meno abbiamo messo Berlusconi in croce per vent’anni sul tema del conflitto d’interessi. Noi abbiamo il dovere non solo di risolvere il tema del conflitto d’interessi al tempo dell’economia digitale, ma di dimostrare di averlo già fatto con atteggiamenti e comportamenti che vanno in questa direzione”. 

 Redazione Key4biz 

Fonte: https://www.key4biz.it/conflitto-interessi-huffington-post-boccia-incalza-piacentini-al-servizio-dello-un-uomo-amazon/

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Da sinistra: Andrea Bisciglie, Maria Antonietta Spadorcia, Mauro Rosario Nicastri
Cosimo Maria Ferri, Sottosegretario di Stato alla giustizia,
a
Maurizio Fedele, Mauro Nicastri, Federica Chiavaroli, Arturo Siniscalchi e Fabio Ranucci.
Il nuovo sistema degli appalti pubblici: regole, processi e tecnologie (4 ist,0 cat)
Arturo Siniscalchi,  vice presidente AIDR dirigente di Formez, Mauro Nicastri, Presidente AIDR dirigente dell'Agenzia per l'Italia Digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri,  Cataldo Calabretta, Avvocato
Sergio Alberto Codella, avvocato e Segretario Generale Aidr
AIDR

Notizie e Comunicati correlati

Rai
Il passaggio al digitale diverrà prima o poi per tutti un passo obbligato. La Rai ha scelto di giocare un po’ in anticipo, decidendo di investire sul digitale e di implementare una rete nazionale entro brevi periodi Prima è toccato ....
mer 18 apr, 2018
documenti
Solo pochi commercialisti hanno optato finora per la conservazione digitale. Le cose sono destinate a cambiare con l’introduzione dell’obbligo 2019 della fatturazione elettronica B2B. Vediamo come. Ma occorre ancora approfondire l’impatto ....
mar 17 apr, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Gi Group
ISWEB - INTERNET SOLUZIONI
EIDEMON
G.& F. Software s.r.l
Biesse Medica S.r.l.
Consorzio Stabile DEA
Randstad
Iet Group
Tesav
SIELTE
Service Tech
RESI Informatica S.p.A.
Pro Q
Tecnoter
WhereApp
BNova
Echopress
DGS

Accordi di collaborazione

UNITELMA SAPIENZA
Macchioni Comunications
SCHOLAS
A.P.S.P.
Adiconsum
API
LILT - LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
Anaip
Ambiente e Società
VmWay
LABOS
I sud del mondo
Racconti nella rete
FAMILY SMILE
Fare Calabria
Consorzio Vini Mantovani

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589