Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Una ricetta digitale per aumentare il market share

Una ricetta digitale per aumentare il market share

azienda
20-01-2017

Molte organizzazioni riconoscono il potenziale di una rivoluzione digitale appoggiata a tecnologie come il cloud computing o a nuovi modelli di sviluppo applicativo per migliorare la loro agilità, ridurre i costi operativi e offrire nuovi servizi alla clientela.

Eppure le strategie e gli investimenti in tema di “digital transformation” sono ancora in uno stadio iniziale.

Lo scenario, comune a diversi studi sulla materia, emerge da una recente ricerca – «For Traditional Enterprises, the Path to Digital and the Role of Containers» condotta da Bain & Company per conto di Red Hat (uno dei principali fornitori al mondo di soluzioni software open source) su un campione di circa 450 tra executive, decisori e specialisti It di aziende attive negli Stati Uniti.

Le aziende che hanno investito sul digitale, questo l'assunto principale dell'indagine, possono esibire, rispetto alle imprese ancora agli stadi iniziali del processo di trasformazione digitale, vantaggi di business sensibili e più precisamente un incremento della quota di mercato nel settore di riferimento fino a otto volte superiore, una velocità nel lanciare offerte di prodotti fino a tre volte superiore e risultati migliori in fatto di flessibilità dell'infrastruttura informatica, time to market e ottimizzazione dei costi.

Per contro, quasi l'80% delle aziende tradizionali segna un punteggio inferiore a 65 su 100 in una scala che certifica come le organizzazioni intendano adottare tecnologie digitali per ottenere vantaggi di business.

Gli elementi di contraddizione, fra buone intenzioni e reali progetti di cambiamento messi in campo, come sempre non mancano: se il 63% del campione di organizzazioni interpellate ha costruito processi per rispondere ai trend digitali, solo il 19% considera l'innovazione una priorità. Ben il 65% del campione, per contro, ha intrapreso attività digitali principalmente per replicare alle iniziative della concorrenza, segno di un approccio particolarmente reattivo all'imperativo della digital transformation.

Il management più maturo e con una visione strategica di crescita, secondo gli autori del rapporto, è insomma sostanzialmente quello che non si limita a trattare il digitale come una singola funzione o attività bensì lo intende come una trasformazione estesa, che tocca più funzioni, apportando una serie di cambiamenti a livello di leadership, organizzazione, approccio e processi di sviluppo dei prodotti, strategia e investimenti It, data governance, strumenti ed altro ancora.

«Creare capacità digitali sufficienti a generare i risultati desiderati – ha sottolineato in proposito Jeff Taylor, partner della Technology Practice di Bain - non è una cosa immediata perché il successo richiede un'attività continuativa, distribuita su più anni». 

Gianni Rusconi

Fonte: http://bit.ly/2jGRDLH

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Da sinistra: Maria Antonietta Spadorcia, Rosangela Cesareo, Cristiana Luciani, Elena Barbieri
Flavia Marzano assessore per la Roma Semplice, Ileana Fedele magistrato di Cassazione, Arturo Diaconale, componente del consiglio di amministrazione della Rai, Pasquale Liccardo direttore generale dei sistemi informativi del ministero della Giustizia, Mau
Da sinistra verso destra: Anna Testa, Cisco e Girls in Tech Italy; Menia Cutrupi, CEO Dream Lab; Filomena Tucci (AIDR); Paola Di Rosa, Fondatrice At Factory; Alessandra Graziosi, Scholas Occurrentes
Alcuni soci AIDR
Alcuni soci AIDR
La platea dei partecipanti
Platea
Enrico Costa, Ministro per gli Affari regionali con delega in materia di politiche per la famiglia

Notizie e Comunicati correlati

m
L'utilizzo delle nuove tecnologie, dei digital media e la diffusione della cultura attraverso il web è alla base dell’accordo di collaborazione sottoscritto dall’associazione Italian Digital Revolution (www.aidr.it) e dalla testata ....
mer 04 lug, 2018
NICASTRI-MANFUSO
Stretta di mano tra Mauro Nicastri e Sara Manfuso, rispettivamente presidenti delle associazioni "Italian Digital Revolution" (www.aidr.it) e "iocosì", dopo la firma di un'importante protocollo d'intesa. L'accordo prevede una sinergia tra il ....
gio 28 giu, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Accordi di Collaborazione

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589