Notizie

Home Page » Documentazione » Notizie » Consip: "Entro il 2016 il Cruscotto Gare che monitora l'avanzamento dei processi"

Consip: "Entro il 2016 il Cruscotto Gare che monitora l'avanzamento dei processi"

08-09-2016
A

Il progetto sarà operativo con la messa on-line del nuovo sito Consip e ha come destinatari le imprese che partecipano alle gare Consip, le amministrazioni che utilizzano gli strumenti di acquisto resi disponibili dall’azienda, ma anche tutti i cittadini che vogliono conoscere la materia più nel dettaglio. L'obiettivo è quello di fornire informazioni aggiornate in tempo reale sull’avanzamento delle procedure di gara Consip e di illustrare anche ai non addetti ai lavori in cosa consistono le varie fasi in cui queste si articolano 

 

Gare e appalti pubblici sono argomenti di dibattito molto ricorrenti nell’opinione pubblica – anche a seguito di alcune note vicende di cronaca nazionale – eppure, nonostante ciò, la conoscenza su questi argomenti soffre di una asimmetria informativa rispetto ai tecnici del settore.

Il mondo degli appalti pubblici risente, poi, di un generale problema di trasparenza. L’“opacità” che spesso si associa alle gare deriva non solo dalla scarsa conoscenza della materia dal punto di vista tecnico e giuridico, ma anche dall’assenza di informazioni sullo stato delle procedure in corso. Da quest’ultimo punto di vista, la più recente legislazione – si pensi al nuovo Codice degli appalti o al D.Lgs 97/2016 – ha contribuito a far compiere notevoli passi avanti, introducendo una normativa più stringente sugli obblighi di trasparenza nell’attività della PA, come antidoto preventivo a comportamenti arbitrari delle amministrazioni e, più in generale, alla questione “corruzione”.

L’esigenza di essere “trasparenti” nei confronti dell’opinione pubblica, delle amministrazioni, delle imprese è tanto più sentita in una realtà come Consip, che nel ruolo di centrale di committenza nazionale ha proprio nelle gare il suo core-business. È dunque evidente che, più che per altri soggetti, la ragion d’essere di Consip non deve essere ricercata solo nei risultati che produce in termini di risparmio e semplificazione, ma anche nell’impegno a creare una “cultura delle gare” fondata sulla totale trasparenza e imparzialità delle stesse. Solo in tal modo i benefici della centralizzazione degli acquisti possono ricadere su tutte le componenti del sistema Paese: le amministrazioni pubbliche, al servizio delle quali Consip opera, ma anche il mercato, garantendo nelle procedure di gara un ambiente concorrenziale in cui tutte le imprese partecipano alla pari e hanno pari possibilità di far prevalere la qualità della propria offerta, e per finire – ma non ultimi – i cittadini, che hanno interesse nella gestione ottimale delle risorse pubbliche.

È per questo che, al di là del rispetto degli obblighi derivanti dalla normativa, Consip ha scelto di fare qualcosa in più, mettendo in campo il progetto “Cruscotto Gare”, che nasce proprio per dare una risposta alle esigenze di chiarezza e trasparenza di tutte le parti interessate. Un progetto che ha come destinatari le imprese che partecipano alle gare Consip, le amministrazioni che utilizzano gli strumenti di acquisto resi disponibili dall’azienda, ma anche tutti i cittadini che vogliono conoscere la materia più nel dettaglio.

Obiettivo del progetto – che sarà operativo con la messa on-line del nuovo sito Consip (entro fine 2016) – è quello di fornire informazioni aggiornate in tempo reale sull’avanzamento delle procedure di gara Consip e di illustrare anche ai non addetti ai lavori in cosa consistono le varie fasi in cui queste si articolano: dalla pubblicazione del bando fino all’aggiudicazione. Per ogni procedura sarà possibile conoscere lo stato di avanzamento dei lavori, ossia in quale delle principali fasi essi si trovino (busta A – valutazione amministrativa, busta B – valutazione tecnica e busta C – valutazione economica), con l’eventuale dettaglio anche per i singoli lotti, qualora presenti. Il tutto accompagnato da un glossario utile a comprendere terminologia e variabili di lettura.

Accanto alle informazioni “micro”, saranno poi presenti anche una serie di indicatori “macro” che fanno riferimento al complesso delle procedure di gara in corso. Sarà infatti possibile conoscere in ogni momento quante sono le procedure di gara che Consip ha in corso, distinte per criterio di aggiudicazione (“prezzo più basso” od “offerta economicamente più vantaggiosa”) e suddivise per fase della procedura in cui si trovano. Inoltre saranno presenti dei cruscotti riassuntivi, aggiornati in tempo reale, sul numero e valore delle gare bandite e aggiudicate nel corso dell’anno, suddivise per gare relativi a “forniture”, “servizi”, “lavori”.

Le attese di ricaduta in termini di trasparenza e partecipazione civica di questo progetto sono molto alte. I cittadini, le stazioni appaltanti e il mondo delle imprese beneficeranno non solo di informazioni a oggi non disponibili, ma anche di un accesso intuitivo e facilitato alle stesse.

Sarà più semplice per una stazione appaltante pianificare i propri acquisti e gestire eventuali contratti in essere prossimi alla scadenza. Sarà utile per le aziende - in particolare piccole medie e micro imprese che lamentano una maggiore difficoltà di accesso alle informazioni e talvolta riscontrano criticità nell’utilizzo degli strumenti informatici - verificare lo stato di avanzamento lavori delle gare centralizzate gestite dalla Consip. Permetterà, infine, ai cittadini di comprendere qual è il ruolo di Consip nei processi di spending review e di razionalizzazione della spesa pubblica.

Si tratta, comunque, di un progetto “dinamico”, che dopo la fase di avvio potrà eventualmente essere arricchito rendendo disponibili ulteriori informazioni, nel rispetto delle normative sugli appalti pubblici. Un primo passo verso una sempre maggiore trasparenza nei confronti di amministrazioni, imprese e cittadini. 

Francesco Licci,
Direttore Supporto alle operazioni, Consip Spa

Fotohttp://www.forumpa.it/pa-digitale/speciale-consip-entro-il-2016-il-cruscotto-trasparenza-che-monitora-lavanzamento-delle-gare?utm_source=newsletter&utm_medium=FORUMPANET&utm_campaign=MAILUP

Condividi questo contenuto

Immagini correlate

La platea dei partecipanti
Da sinistra: Carlo De Masi, Presidente AUDIOCUNSUM; Mauro Rosario Nicastri, Presidente AIDR, Maria Antonietta Spadorcia, Caposervizio Tg2 Rai
Da sinistra: Mauro Rosario Nicastri, Stefano Van Der Byl, Pier Luigi Bartoletti, Massimo Casciello, Maria Antonietta Spadorcia, Maria Capalbo, Andrea Bisciglia, Vincenzo Panella, Massimo Vitali
Maurizio Fedele, Mauro Nicastri, Federica Chiavaroli, Arturo Siniscalchi e Fabio Ranucci.
Flavia Marzano assessore per la Roma Semplice, Ileana Fedele magistrato di Cassazione, Arturo Diaconale, componente del consiglio di amministrazione della Rai, Pasquale Liccardo direttore generale dei sistemi informativi del ministero della Giustizia, Mau
Da sinistra: Andrea Bisciglie, Maria Antonietta Spadorcia, Mauro Rosario Nicastri
Alcuni soci AIDR
La platea dei partecipanti

Notizie e Comunicati correlati

AIDR
Lunedì 22 ottobre, alle ore 15 presso l’unità operativa di neuropsichiatria infantile dell’ospedale Gemelli di Roma diretta dal Prof. Eugenio Mercuri, Italian Digital Revolution (www.aidr.it) consegnerà alcuni tablet ai ....
sab 20 ott, 2018
competenze digitale
Il percorso AGID di valorizzazione delle competenze digitali e di identificazione dei modelli di riferimento continua con l’aggiornamento delle “Linee Guida per la qualità delle competenze digitali nelle professionalità ICT” ....
mer 17 ott, 2018

Eventi correlati

AIDR
Data: 11-10-2017
Luogo: Sala della Lupa della Camera dei deputati in piazza Montecitorio - Roma
'incontro, organizzato dall'associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia digitale, dell'Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione "I Sud del mondo", si propone di
TURISMO DIGITALE
Data: 05-07-2017
Luogo: Roma presso la sede dell'Associazione CIVITA, presieduta dall'On. Gianni Letta, Piazza Venezia, 11,
Convegno organizzato da Italian Digital Revolution in collaborazione con CIVITA, Qwant, Sielte, Servicetech, VeniceCom, WhereApp, Echopress, Consorzio Vini Mantovani e Binario96.

In questa pagina

Le nostre aziende

Accordi di Collaborazione

Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)
Viale Liegi, 14 - 00198 Roma
info@aidr.itwww.aidr.it - Tel. 3471097655
Codice Fiscale: 97886610589